sessuale

Carissimo dottore, sono sposata da 10 anni e ho due meravigliose piccole bambine (7 e 4 anni). Ho un problema che non mi permette di godere della mia vita appieno o forse non godo appieno e quindi ho un problema. Fatto sta che non riesco ad avere vita sessuale con mio marito. Dopo fidanzamento casto che ha un po’ coperto i nostri problemi adesso siamo inerti e frustrati. Mi stressa l’idea di un sesso piatto e quindi evito l’idea e la prassi. Amo mio marito, lo stimo ma non lo desidero. Sento però il bisogno di fare sesso. Da quando è nata l’ultima figlia il sesso è diventato solo un problema. Pongo in mio marito un affetto totale, vivo lontana da casa d’origine da profonde amicizie e riverso in lui ogni mia necessità. Vorrei risolvere tanto il mio problema perchè penso il mio futuro con lui ma vorrei non rinunciare al piacere e ad essere io l’amore suo. Mi interrogo sulla sua necessità di sesso, non manca l’affettuosità e il dialogo. Aiuto!

Gentile signora,

Credo che la soluzione possa essere trovata solo una volta superato questo suo momento di confusione, in cui emergono bisogni, desideri, frustrazioni, ma non in modo nitido, chiaro, comprensibile. Da queste poche righe che mi scrive, si potrebbe ad esempio dedurre che:

1. Lei non abbia e/o non abbia mai avuto particolare attrazione fisica per suo marito;
2. Una volta messe al mondo le figlie lei senta concluso il bisogno di avere con suo marito una vita sessuale;
3. Lei senta il desiderio di avere una vita sessuale attiva e soddisfacente, magari con un’altra persona;
4. Lei si chieda se anche suo marito abbia le sue stesse necessità sessuali, se abbia un’altra relazione o se sia definitivamente orientato verso la castità;
5. Lei non vorrebbe che suo marito la tradisse, perché non desidera tradire il suo sogno giovanile di un amore romantico;
6. Lei si stia chiedendo se questo sogno romantico non costituisca, tutto sommato, un limite nella sua ricerca della felicità.

Questo è quanto mi sembra di leggere, in chiaro e fra le righe, dalla sua lettera. Le consiglierei quindi di prendere ciascun punto elencato (e magari aggiungerne degli altri) e su questi farsi delle domande, darsi delle risposte.
Una volta chiarite le idee, saprà meglio quale è il suo vero problema e potrà quindi attivarsi per cercare delle soluzioni possibili. Qualora non ci riuscisse da sola, potrà optare per una terapia individuale o, meglio, di coppia.
Cordialmente,

Dott. Walter La Gatta
Ancona
www.psicolinea.it

Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Walter La Gatta
Dr. Walter La Gatta

Libero professionista ad Ancona ,Terni , Fabriano e Civitanova Marche

Si occupa di:

Psicoterapie individuali e di coppia
Terapie Sessuali (Delegato Regionale del Centro Italiano di Sessuologia per le Regioni Marche e Umbria) 
Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

Riceve ad Ancona,Terni , Fabriano, Civitanova Marche e via Skype, su appuntamento.

Per appuntamenti telefonare direttamente al: 348 – 331 4908

Co-fondatore dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta

Tweets di @Walter La Gatta

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierlo come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.