medico

La professione medica richiede stoicismo e coraggio: per questo è spesso difficile per un medico ammettere di soffrire di disturbi psicologici, o di depressione.

Del resto, se un medico ammette di essere depresso o di avere altri disturbi psicologici può senz’altro incorrere in gravi problemi nella sua carriera professionale: la sua sarebbe infatti una implicita ammissione di inadeguatezza per svolgere la professione medica, ovvero per curare e salvare altre vite umane.

Il lavoro medico comporta un grande stress quotidiano: lunghe ore di lavoro, poche ore di sonno, contatto con la malattia. Tutti elementi che possono facilmente determinare uno stato depressivo; alcuni studi hanno infatti rivelato che la depressione è davvero molto comune fra i medici, specialmente fra le donne-medico. Ma a loro non resta che soffrire in silenzio, per non pregiudicare il loro lavoro e la loro vita.

I medici che hanno bisogno di cure psicologiche decidono spesso di auto-medicarsi attraverso l’assunzione di farmaci, ma non ricercano cure psicoterapeutiche. Essi hanno anche la possibilità di farsi delle auto-prescrizioni e sanno esattamente i dosaggi che potrebbero essere utili per fare arrestare il cuore o la respirazione: per questo molte morti di medici non sono altro che suicidi, anche se non vengono scoperti.

In America sembra che 300-400 medici ogni anno si suicidino, ma i numeri precisi, come detto, non li conosce nessuno.

Negli Stati Uniti il tasso di suicidio fra gli uomini è quattro volte maggiore che fra le donne, circa 23 ogni 100.000 abitanti, (contro 6 donne ogni 100.000 abitanti), secondo dati recenti. Fra i medici invece il tasso di suicidio è quasi uguale fra uomini e donne. Uno studio condotto fra il 1894 e il 1995 ha rivelato che le donne medico avevano il doppio delle possibilità di ricorrere al suicidio rispetto alle donne ‘normali’.

Uno studio danese, pubblicato nel 2007 ha scoperto che i medici, tra 20 altre professioni come infermieri, operai, insegnanti, managers, architetti eccetera, sono la categoria che più frequentemente ricorre al suicidio. Ed i tentativi di suicidio fra i medici, come prevedibile, difficilmente falliscono.

Fonte: Health24

Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona Civitanova Marche, Fabriano
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche Fabriano e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.