Le sorelle Brontë

Le sorelle Brontë

Le sorelle Brontë furono delle persone molto avanti rispetto ai loro tempi, e perciò dedichiamo loro questa biografia.

“Ho sognato nella mia vita – scriveva Emily Jane Brontesogni che son rimasti sempre con me, e che hanno cambiato le mie idee; son passati attraverso il tempo ed attraverso di me, come il vino attraverso l’acqua, ed hanno alterato il colore della mia mente.” Proprio dalla sua cupa immaginazione nacque infatti il suo unico ed inquietante romanzo, Cime Tempestose, una storia di amore indomito e di vendetta.

Emily nacque a Thornton, nello Yorkshire (GB) il 30 luglio del 1818 dal reverendo Patrick, pastore anglicano e Maria Branwell. Era la quinta figlia, dopo Maria, Elizabeth, Charlotte e Patrick.
Nel 1820, dopo la nascita dell’ultima sorella, Anne, la famiglia Brontë si trasferì a Haworth, un piccolo paese fra le brughiere dello Yorkshire, dove al reverendo fu assegnata la Chiesa di Saint Michael and All Angels. Poco dopo il trasferimento, nel 1821, Maria Brontë morì, per cui fu deciso che a prendersi cura dei piccoli Brontë sarebbe stata la zia Elizabeth, sorella di Maria, che per questo andò ad abitare con i Brontë.

Nel 1824 le ragazze Brontë furono mandate nella scuola di Cowan Bridge, nel Lancashire, una scuola per figlie di ecclesiastici, dove subirono un durissimo regime di privazioni (Charlotte descrisse questa scuola col nome di Lowood School, nel suo romanzo Jane Eyre). Nel 1825, a causa della tisi, morirono le sorelle maggiori Maria ed Elizabeth e le altre ragazze furono rimandate a casa.

I fratelli Brontë non frequentarono dunque regolarmente la scuola pubblica: studiavano a casa e nel tempo libero si divertivano inventando storie, raccontandole, scrivendole. Nel 1826 il padre, di ritorno da un viaggio, portò ai figli una scatola di soldatini: questi divennero da quel momento i protagonisti delle loro fantastiche avventure nel mondo immaginario di Glasstown Confederacy. Patrick e Charlotte scrivevano le cronache del regno di Angria, Emily e Anne la saga dell’isola di Gondal.

Charlotte frequentò la scuola di Miss Wooler a Roe Head per un anno, nel 1831 e, quando tornò a casa, insegnò ciò che aveva appreso ai fratelli. Charlotte tornò ancora a Roe Head nel 1835, come insegnante, e nello stesso periodo Emily vi andò come allieva. Charlotte però ebbe in questo periodo una forte depressione, tanto che rinunciò all’incarico. Entrambe le sorelle tornarono a casa. Le Brontë lavorarono poi in varie scuole negli anni successivi: Anna trovò un posto da governante, Emily trascorse diversi mesi ad insegnare alla scuola di Miss Patchett a Law Hill, ma non riuscì a resistere alla nostalgia di casa.

Dopo questa esperienza, Emily non tentò mai più di cercarsi un altro lavoro; piuttosto vagheggiò con la sorella di aprire una scuola privata a Haworth, sogno che non si realizzò mai. Di questo periodo sappiamo che Emily aveva cominciato a scrivere poesie (il 12 luglio 1836 Emily scrisse la sua prima poesia datata) e che era una ragazza alta, dagli occhi grigi azzurri ed i capelli rossi, dal carattere timido e riservato. La sorella Charlotte, in una prefazione ad una riedizione di Cime Tempestose, descrisse la sorella come una persona che non aveva un’indole socievole: tranne che per andare in chiesa o per fare una passeggiata sulle colline, raramente varcava la soglia di casa.

Nel 1842 Emily e Charlotte Brontë andarono a Bruxelles, a spese della zia Elizabeth, per imparare il tedesco e perfezionare il francese. Dopo otto mesi però la zia morì e le due sorelle tornarono a casa per i funerali. Emily non si mosse più da Haworth per il resto della sua vita; Charlotte tornò invece in Belgio per insegnare. Qui si innamorò di un uomo sposato ma, dopo aver dolorosamente vissuto questa storia tormentata, preferì anche lei tornare presto a casa.

Nel 1845 Charlotte trovò delle poesie scritte dalla sorella Emily: parlando, le sorelle si resero conto che, segretamente, ciascuna di loro aveva scritto dei versi. Decisero allora di pubblicare questi versi in un libro, a loro spese, intitolato Poesie di Currer, Ellis a Acton Bell: pseudonimi le cui iniziali tradivano le iniziali dei nomi delle tre sorelle ed il loro cognome. Vendettero solo due copie di questo libro, ma fu il loro trampolino di lancio.

Charlotte infatti provò a scrivere il suo primo romanzo, Il Professore, che inizialmente fu rifiutato dagli Editori e poi pubblicato postumo. Al secondo tentativo scrisse invece Jane Eyre, pubblicato nell’Ottobre del 1847, un libro autobiografico che divenne un successo immediato. Qualche mese dopo uscirono Agnes Grey di Anne e Wuthering Heights (Cime tempestose) di Emily.

Il libro Cime Tempestose di Emily non ebbe subito successo, come invece fu per sua sorella Charlotte, con Jane Eyre. Cime tempestose infatti è un libro colmo di emozioni forti, inquietanti, di solitudine, amore, odio e vendetta, sullo sfondo delle aspre brughiere dello Yorkshire. Per la consuetudine del tempo, era un romanzo molto particolare, tanto che ai contemporanei non sembrava nemmeno scritto da una sensibilità femminile: parlava infatti di fantasmi, incubi, tempeste, maledizioni, profezie, passioni violente, morte. Qualcuno insinuò che a scriverlo fosse stato il fratello Patrick. Un’opera ‘perversa e brutale’ la definirono i critici.

Il protagonista di questo discusso romanzo è Heathcliff, un trovatello allevato, insieme ai suoi due figli legittimi, dal ricco Mr. Earnshaw. Tra Catherine Earnshaw e Heathcliff nasce una profonda passione amorosa, contrastata dal fratello di Catherine, Hindley. Le differenze sociali infatti sono enormi e la giovane donna finisce per rifiutare il suo amato. Heathcliff parte allora per un lungo viaggio, da cui torna molto ricco, ma trova Catherine sposata con l’insignificante Edgar Linton. Heathcliff riduce Hindley (un personaggio negativo, giocatore e alcoolista, ispirato al fratello Patrick) in suo potere e ne brutalizza il figlio Hareton. Heathcliff, per vendetta, sposa poi Isabella, sorella di Linton, abbandonandola al suo destino subito dopo il matrimonio. Catherine, dopo aver dato alla luce una bambina, muore. Anche Heathcliff muore. La sorprendente fine del romanzo è che Hareton e Cathy, la figlia di Catherine, si innamorano. Sicuramente un romanzo molto particolare, dalle sorprendenti intuizioni psicoanalitiche, scritto per di più da una giovane di buona famiglia che non aveva nessuna esperienza fisica dell’amore.

Patrick Branwell Brontë ful’unico dei fratelli a non essere diventato uno scrittore : del resto aveva una personalità instabile, era alcoolista e consumatore di oppio. Morì nel Settembre del 1848. Emily andò al suo funerale, incurante della giornata di freddo. Da quel giorno la sua salute peggiorò sensibilmente. La scrittrice però si rifiutava di prendere medicine o di vedere un medico e la sua tubercolosi fu volutamente trascurata. Sempre secondo le parole di Charlotte, Emily nell’ultimo periodo della sua vita era diventata sprezzante, inflessibile, incurante della sua salute. La mattina del 19 Dicembre disse: ‘Ora sono d’accordo a vedere il medico e se me lo chiamate, ci parlerò’. Nel pomeriggio morì. Aveva trenta anni.

Il 28 Maggio successivo morì anche la sorella Anne, sempre di tubercolosi. Delle tre sorelle Brontë non restava che Charlotte, la quale fece in tempo a godersi la fama, incontrando famosi scrittori ed artisti, viaggiando, scrivendo altre novelle e scritti relativi alla sorella Emily. Si dice che Charlotte, dopo la morte di Emily, abbia distrutto un romanzo incompiuto della sorella, per proteggerne la reputazione, dal momento che questo secondo romanzo andava a toccare argomenti ancor più scabrosi e scioccanti di quelli affrontati in Cime Tempestose.

Nel 1854 Charlotte si sposò con un amico del padre, Arthur Bell Nicholls, ma durante la gravidanza si ammalò e morì. Si spense così la vena artistica della famiglia Brontë, la cui massima espressione fu proprio il romanzo di Emily, che nel 1939 divenne anche un film con Laurence Olivier. Recentemente l’opera è stata trasposta anche in una fiction televisiva.

Giuliana Proietti

Psicolinea.it ©

Imm. Wikimedia
Le sorelle Brontë ritratte dal fratello

Rosalind Franklin

Rosalind Franklin: una insopportabile ingiustizia scientifica

La storia di Rosalind Franklin può sicuramente illuminare la riflessione sul perché le scienziate siano molte meno dei loro colleghi ...
Leggi Tutto
Bruno Bettelheim

Bruno Bettelheim: scienziato o impostore?

Bruno Bettelheim, classe 1903, fu uno psichiatra e psicanalista statunitense di origine austriaca. Citando Pirandello, potremmo parlare di un Dr ...
Leggi Tutto
Caterina da Siena

Caterina da Siena

Caterina Benincasa, conosciuta come Caterina da Siena, Dottore della Chiesa, è, insieme a Francesco d’Assisi, la santa patrona d’Italia e ...
Leggi Tutto
Helen Kaplan

La sessuologa Helen Singer Kaplan: una biografia

Nelle scuole di sessuologia italiane (e del mondo) uno dei pochi nomi importanti di riferimento, dopo Alfred Kinsey e William ...
Leggi Tutto
Virginia Johnson e William Masters

Morta Virginia Johnson. Chi erano i sessuologi Masters e Johnson

Virginia Johnson è venuta a mancare lo scorso 25 luglio, all'età di 88 anni: era considerata una delle scienziate più ...
Leggi Tutto
Charles Emma Darwin

Charles Darwin e l’amore

Charles Darwin: cosa pensava dell'amore? Tutti conosciamo le teorie di Charles Darwin e da esse è facile dedurne la personalità ...
Leggi Tutto
Robert Mapplethorpe autoritratto

Robert Mapplethorpe: una biografia

Robert Mapplethorpe è stato un artista americano, famoso per aver forzato i confini della fotografia, sia nella scelta dei soggetti ...
Leggi Tutto
BF Skinner

Skinner: chi era costui?

Dopo Sigmund Freud, il più famoso e forse influente psicologo del XX secolo fu Burrhus Frederic Skinner, anche se il ...
Leggi Tutto
Ulric Neisser

Ulric Neisser e la psicologia cognitiva

The New York Times ha pubblicato un articolo per ricordare il fondatore della psicologia cognitiva,  Ulric Neisser, morto il 17 ...
Leggi Tutto
Susan Sontag

Susan Sontag

Susan Sontag, è stata una delle più influenti intellettuali americane della generazione attiva negli anni sessanta. Ha scritto 17 libri ...
Leggi Tutto
Tiziano Terzani

Tiziano Terzani

Tiziano Terzani era un giornalista internazionale, morto a 65 anni. Una volta dichiarò che sulla sua tomba voleva scritta la ...
Leggi Tutto
Pericle

Pericle

Pericle (495 a.C. circa - 429 a.C.) il cui nome in greco significa "circondato dalla gloria" è senz'altro ricordato come ...
Leggi Tutto
Margareth Mitchell

Margareth Mitchell

Margaret Mitchell (Margareth Munnerlyn Mitchell) è una scrittrice americana, la cui opera è sicuramente più famosa della sua autrice: stiamo ...
Leggi Tutto
Chiedi una Consulenza online

Chiedi una Consulenza Psicologica su Psicolinea!

Come fare richiesta di Consulenza psicologica - sessuologica gratuita su Psicolinea? Devi semplicemente inserire la tua richiesta nei commenti a ...
Leggi Tutto
Oscar Wilde

Oscar Wilde

Oscar Fingal O'Flahertie Wilde nacque a Dublino, il 6 ottobre 1854, figlio di Sir William Wilde, un oculista famosissimo in ...
Leggi Tutto
Franz Brentano

Franz Brentano

Franz Brentano fu un filosofo tedesco che tra i primi si interessò alla psicologia, invitando i ricercatori del tempo a ...
Leggi Tutto
Violeta Parra

Violeta Parra

Violeta del Carmen Parra Sandoval (più conosciuta come Violeta Parra), nacque a San Carlos, nella provincia di Chillán, Cile del ...
Leggi Tutto
Konrad Lorenz

Konrad Lorenz

Konrad Lorenz è conosciuto come uno dei massimi esponenti nel campo dell’etologia, la scienza che studia il comportamento degli animali, ...
Leggi Tutto
Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Psicoterapeuta Sessuologa
ANCONA FABRIANO CIVITANOVA MARCHE
Per appuntamenti: 347 0375949 - g.proietti@psicolinea.it

E' possibile anche fissare degli appuntamenti Via Skype.
https://www.psicolinea.it/sostegno-psicologico-distanza/

Per leggere il CV:
https://www.psicolinea.it/dr-giuliana-proietti_psicologa_sessuologa_ancona/

Per vedere dei videofilmati su YouTube
https://www.youtube.com/user/RedPsicCdt

Per la pagina Facebook
https://www.facebook.com/Giuliana.Proietti.Psicosessuologia

Per il Profilo Facebook
https://www.facebook.com/giuliana.proietti.psicologa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Ti piace Psicolinea? Seguici anche sui Social ;-)

RSS
Facebook
YouTube
Instagram