Le insidie del pensiero positivo

Le insidie del pensiero positivo

Le insidie del pensiero positivo

Cis- Fiss SessuologiaDr. Giuliana Proietti
Psicologa Psicoterapeuta Sessuologa
g.proietti@psicolinea.it
Dr. Giuliana Proietti
Tel. 347 0375949
ANCONA ROMA FABRIANO CIVITANOVA MARCHE
Consulenza psicologica e sessuologica Via Skype

Ultimo aggiornamento: Gen 26, 2023 @ 15:42 

Non sempre il pensiero positivo è corretto; non sempre pensare positivo fa bene. Una possibile spiegazione è che avere un pensiero troppo idealizzato, troppo roseo, toglie linfa alla motivazione: questi sono almeno i risultati di uno studio pubblicato all’inizio di quest’anno sul Journal of Experimental Social Psychology.

A26

Alcuni ricercatori hanno chiesto a dei volontari, tutti studenti di college, di immaginare un’esperienza positiva (sentirsi attraenti in un paio di scarpe col tacco alto, vincere un concorso, o ottenere un bel voto in un compito in classe) e poi valutare gli effetti della fantasia su ciò che è successo nella realtà.

Leggi anche:  La cognizione delle diverse etnie nei bambini

Si è visto così che quando i partecipanti avevano previsto l’esito positivo della loro prova, i loro livelli di energia, come misurato dalla pressione del sangue, sono scesi, ed essi hanno riferito di avere avuto un’esperienza peggiore nell’evento reale rispetto a coloro che aveva evocato visioni più realistiche o addirittura negative.

Quando si fantastica qualcosa di molto positivo, è come se nella realtà lo si stesse vivendo, da detto Heather Barry Kappes della New York University, uno dei co-autori di questo studio. Questo può far pensare alla mente che l’obiettivo è stato raggiunto e quindi diminuisce l’incentivo a lottare per guadagnarselo. Molto meglio sarebbe pensare a come superare gli ostacoli, piuttosto che ignorarli del tutto, dicono ancora i ricercatori.

L’approccio può valere anche per lo sport. Un rapporto pubblicato nel numero di luglio di Perspectives on Psychological Findings suggerisce che è meglio raffigurarsi tutti i dettagli di un’attività sportiva piuttosto che un risultato finale ottimale. Ok il pensiero positivo dunque, ma non dimenticate le istruzioni ricevute, dice l’autore Hatzigeorgiadis Antonis, dell’Università della Tessaglia in Grecia.

Fonte:

The Pitfalls of Positive Thinking, Scientific American

Vorrei aggiungere a questa ricerca che non dobbiamo dimenticare che l’ansia non è necessariamente una cosa cattiva nella nostra vita: provare ansia significa attivare il nostro organismo, sia dal punto di vista fisico che cognitivo. L’ansia ci permette di essere più vigili, di reagire con maggiore velocità, di prestare maggiore attenzione ai dettagli. In vista di un evento difficile, è l’ansia a darci la forza per affrontarlo al meglio.

Il problema è che, per molte persone, l’ansia diventa patologica, in quanto esse vivono uno stato di continua eccitazione dell’organismo, che le spinge a diventare sensibilissime a qualsiasi sollecitazione proveniente dall’ambiente. E’ a queste persone che fa bene il pensiero positivo, per aiutarle a tenere meglio sotto controllo l’ansia in eccesso e riuscire ad avere meno timore degli eventi che devono affrontare. Naturalmente, nessun pensiero positivo può permettere alla persona di fare a meno di imparare ciò che c’è da imparare per superare le prove: nello sport, come nella vita.

Dr. Giuliana Proietti,

Giuliana Proietti psicologa


Immagine:
Wikimedia


Inizia subito una terapia con Giuliana Proietti

One thought on “Le insidie del pensiero positivo

  1. Il pensiero positivo dovrebbe servire a reagire meglio in caso di fallimento, più che ad arrivare al risultato 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *