Omofobia ed eterosessismo: definizioni

omofobia

Se l’omofilia è la predilezione per individui dello stesso sesso (che non si traduce necessariamente in atti sessuali, come nel caso dell’omosessualità), l’omofobia è la ‘paura degli eterosessuali di trovarsi a stretto contatto con gli omosessuali’. La definizione fu coniata da G. Weinberg nel 1972 (Society and the healthy homosexual, St. Martin’s N.Y.), il quale intendeva anche, con lo stesso termine, il ‘disgusto di sé stessi’ (self loathing) che provano gli omosessuali.

Successivi studi hanno però ritenuto che la parola ‘fobia’ fosse inappropriata per questo comportamento: non si tratterebbe infatti di un tratto clinico individuale, ma di una ideologia eterosessista che domina la società e la politica. Infatti, per Herek il pregiudizio individuale verso lesbiche e gay, che si esprime come disgusto, ostilità o condanna dell’omosessualità , delle lesbiche e dei gay, è un atteggiamento che viene appreso. (G.M. Herek, Heterosexism and homophobia, in Cabay RP, Stein TS – Textbook of homosexuality and mental health, American psychiatric Press Washington, 1996).

Secondo Szymanski (Szymanski DM, Relations among dimension of feminism and internalized heterosexism in lesbian and bisexual womens, Sex Roles, 51, 2004 ) inoltre, gli atteggiamenti negativi contro i gay e le lesbiche non sono necessariamente irrazionali o il riflesso di una paura, ma possono essere delle scelte intenzionali contro la minaccia percepita dal gruppo dominante, o comunque finalizzata ad imporre valori culturali e religiosi.

Anche secondo Ross e Rosser (MW Ross, BRS Rosser, Measurement and correlated of internalized homophobia: A factor analytic study, Journal of Clinical Psychology, 1996) il termine omofobia indica una concezione negativa dell’omosessualità, piuttosto che denotare una fobia o la paura degli omosessuali.

Sono state quindi proposte definizioni diverse, come ‘omonegativismo’, ‘omosessismo’, ‘eterosessismo’ per esprimere una designazione esclusiva dell’intero universo di atteggiamenti negativi verso l’omosessualità e le persone omosessuali (dal pregiudizio individuale alla violenza personale, alla discriminazione istituzionalizzata).

Le variabili demografiche, sociali e psicologiche associate ad un atteggiamento omonegativo sono:
età avanzata e basso livello di istruzione
– scarsi contatti personali con persone omosessuali
– atteggiamento conservatore rispetto ai ruoli di genere
– forte indottrinamento religioso

Analogamente, l’eterosessismo (Herek, 1996 op.cit.) è ‘il sistema ideologico che rifiuta, denigra e stigmatizza ogni forma di comportamento, identità, relazione o comunità di tipo non eterosessuale’. Esso si manifesta sia a livello individuale che a livello culturale, pervadendo i costumi e le istituzioni sociali.

Fonte: A. Montano, L’omofobia interiorizzata come problema centrale del processo di formazione dell’identità omosessuale, Rivista di sessuologia, vol. 31 (1) 2007

Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Psicoterapeuta Sessuologa
ANCONA FABRIANO CIVITANOVA MARCHE
Per appuntamenti: 347 0375949 - g.proietti@psicolinea.it

E' possibile anche fissare degli appuntamenti Via Skype.
https://www.psicolinea.it/sostegno-psicologico-distanza/

Per leggere il CV:
https://www.psicolinea.it/dr-giuliana-proietti_psicologa_sessuologa_ancona/

Per vedere dei videofilmati su YouTube
https://www.youtube.com/user/RedPsicCdt

Per la pagina Facebook
https://www.facebook.com/Giuliana.Proietti.Psicosessuologia

Per il Profilo Facebook
https://www.facebook.com/giuliana.proietti.psicologa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Ti piace Psicolinea? Seguici anche sui Social ;-)

RSS
Facebook
YouTube
Instagram