Freud e la madre

Share Button

Sigmund, 17 e AmaliaA sinistra: Freud, 17 anni con la madre Amalia

Il giovane Freud, primo figlio della famiglia di Jacob Freud e Amalie divenne il figlio prediletto della giovane madre e oggetto delle sue speranze di affermazione futura. Del resto Sigmund fu sempre uno studente molto brillante, il più bravo della classe e dunque queste speranze di successo erano ben riposte… E’ vero che c’erano altre cinque sorelle ed un fratello nato quando il primogenito aveva dieci anni, ma Sigmund rimase sempre la stella più brillante di questa costellazione familiare. A questo proposito è interessante riflettere su questa considerazione dello stesso Freud: “Ho scoperto che le persone che sanno di essere i preferiti o i favoriti delle loro madri sviluppano nella loro vita una particolare fiducia in sé stesso ed un imbattibile ottimismo che poi effettivamente porta queste persone al successo”. Ed effettivamente possiamo pensare che probabilmente fu Amalia ad ispirare al figlio quell’ambizione che sarebbe andata sempre crescendo in tutta la vita di Freud.

Ma anche Freud era particolarmente affascinato dalla figura della madre, che lui spesso descriveva come una donna molto bella e di intelligenza vivace. I due furono sempre vicini l’uno all’altra, fino alla morte della madre, che avvenne all’età di 95 anni. Nei ricordi della sorella Anna, Sigmund era il classico primogenito privilegiato, un giovane tiranno in famiglia. Addirittura, ricorda Anna, le proibiva di leggere Balzac e Dumas ed era l’unico ad avere una stanza ed una lampada a petrolio personale. Per fare un altro esempio, Anna ricorda che prendeva lezioni di piano, ma poiché il fratello non tollerava queste esercitazioni al piano che, diceva, lo disturbavano nella sua concentrazione, le lezioni di piano in casa Freud cessarono immediatamente, per ordine della solita Amalie. (Anche se nella Vienna del tempo era cosa abituale che le ragazze della media borghesia prendessero a casa delle lezioni di pianoforte).

freud e madre amaliaTutte le descrizioni dei parenti dicono che Amalie era una persona particolarmente dominatrice e dittatoriale, per cui si può immaginare che il piccolo Sigmund fosse attratto, ma anche un po’ intimorito da lei.Oggi potremmo dire che il padre della psicoanalisi era sostanzialmente un ‘mammone’. Che dire altrimenti di un adulto che, seppure sposato e con figli, continua ad andare a trovare la madre tutte le domeniche con un mazzo di fiori? La nipote Sophie racconta a questo proposito che questi pranzi domenicali di Sigmund con la madre gli procuravano poi dei grandi mal di stomaco (e verrebbe da chiedersi se non fossero, anche questi psicosomatici!).

Dice ancora Freud: “Se un uomo è stato il cocco indiscusso della sua mamma, per tutta la vita egli manterrà questo senso di trionfo… Del resto questa è la relazione perfetta, quella che contiene in sé la minore quantità di ambivalenza, di tutte le relazioni umane”.

A sinistra: Freud con la madre anziana

Sembra anche che Freud, che aveva sempre sofferto di problemi di salute, fosse terrorizzato all’idea che avesse potuto morire prima di Amalie, per non darle questo insopportabile dolore.

Giuliana Proietti

Dr. Giuliana Proietti
Seguimi su:

Dr. Giuliana Proietti

● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti
Dr. Giuliana Proietti
Seguimi su:

Facebook Comments

ARTICOLI CORRELATI:

Freud nevrotico (per autodiagnosi)
I problemi di Freud aumentarono quando, nel 1896, morì il padre (anni dopo avrebbe detto: 'La sua morte mi ha rivoluzionato l'anima'). Con il ...
Psicoanalisi e avvento del nazismo
Il 24 Marzo del 1933 Hitler chiese e ottenne pieni poteri. Il partito comunista fu messo subito fuori legge e fu lanciato lo slogan ...
David Brooks: l’animale sociale
Nel suo nuovo libro,The Social Animal: The Hidden Sources of Love, Character, and Achievement (L'animale sociale: le fonti nascoste dell'amore, del carattere e del ...
Quando Freud fu abbandonato da Adler, Stekel e Jung
A sinistra: Freud, 1911 “Ritengo che quando sarà giunto il momento di scrivere la storia del periodo che abbiamo attraversato, la scienza tedesca non avrà ...
La Gradiva e l’affinità fra psicoanalisi ed arte
Nel viaggio a Roma del 1907 Freud potè prendere diretta visione del bassorilievo originale della Gradiva nei Musei Vaticani. Gradiva era anche il soggetto della ...
L’interpretazione dei sogni: un’autobiografia in maschera di Sigmund Freud
Il libro L'interpretazione dei sogni è pieno di allusioni ad avvenimenti e abitudini che erano familiari ai lettori della Vienna di fine secolo, ma ...
Freud-Jung: ultima corrispondenza di fuoco
A sin. 1912, Freud e la figlia Anna in vacanza sulle Dolomiti Come sostenne Ernst Freud, suo padre Sigmund era un sollecito corrispondente: si sa ...
Freud in vita e in morte
Freud aveva molta paura della morte. Il suo tormentato rapporto con questo evento ineluttabile si manifestava attraverso molte fobie, ossessioni e somatizzazioni. Ricordiamo infatti ...

About Dr. Giuliana Proietti

● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni) ● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it ● Saggista e Blogger ● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale ● Conduzione seminari di sviluppo personale ● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici ● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale) ● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità. Scrive in un Blog sull'Huffington Post Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype Tweets di @gproietti Visita il nostro Canale YouTube Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *