Le donne devono lavorare il doppio degli uomini

Share Button

donne uominiQualsiasi cosa facciano, le donne devono lavorare due volte meglio degli uomini per essere considerate brave almeno la metà di loro. Non è più solo un modo di dire. La sociologa Elizabeth Gorman della University of Virginia e Julie Kmec della Washington State University, sono arrivate alla stessa conclusione: le donne sostengono che devono lavorare più degli uomini. In cinque diversi studi effettuati in periodi diversi, con gruppi diversi di uomini e donne, in USA e nel Regno Unito, la risposta delle donne è sempre la stessa: “il mio lavoro richiede molto impegno”. Anche quando vengono messi a confronto soggetti che svolgono lo stesso lavoro, hanno le stesse responsabilità e qualifiche professionali, le donne affermano che i loro lavori richiedono un maggiore sforzo di quanto non dicano gli uomini, secondo la Gorman.

La spiegazione più plausibile secondo i ricercatori è che alle donne venga chiesto un maggior livello di precisione nel lavoro. Questa la conclusione dello studio “We (Have to) Try Harder: Gender and Required Work Effort in Britain and the United States,” pubblicato nella rivista Gender and Society di Dicembre. I sociologi hanno focalizzato la loro attenzione sullo sforzo lavorativo richiesto alle donne. Perché il Capo sia soddisfatto infatti, il lavoro della lavoratrice deve essere molto più accurato di quello del collega maschio. Lo studio si è concentrato sui dati di alcune ricerche condotte nel 1997, the U.S. National Study of the Changing Workforce e Skills Survey of the Employed British Workforce.
A questo punto resterebbe da capire se questa maggiore richiesta di accuratezza venga dal datore di lavoro o dalla donna stessa, che è più stanca perché si occupa anche del lavoro domestico. No: matrimonio e famiglia hanno lo stesso impatto sulle risposte fornite, negli studi esaminati, da uomini e donne con famiglie simili.

E allora? La Gorman ricorda che se noi vediamo la firma di una donna su uno studio, su un’opera d’arte, essa deve essere molto valida perché venga apprezzata tanto quanto quella di un uomo. E quando un uomo ed una donna lavorano insieme su uno stesso progetto, si pensa subito che l’uomo vi abbia contribuito molto più della collega donna. Se il lavoro di una donna viene apprezzato più di quello di un uomo, dice la Gorman, si tende a pensare che la donna sia stata fortunata. Sentirsi sempre meno apprezzate dei colleghi uomini può produrre nelle lavoratrici problemi fisici e psichici, che possono poi ripercuotersi sulla loro vita familiare, oltre che nella loro carriera.

Fonte: Medical News

Link: University of Virginia

Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

Dr. Giuliana Proietti
Seguimi su:

Dr. Giuliana Proietti

Psicoterapeuta Sessuologa at Ellepi Associati | Ancona - Terni
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice del sito Clinica della Timidezza e Clinica della Coppia e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e il loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Biografia completa: qui

Per appuntamenti e collaborazioni: 347 – 0375949 Ancona e Terni
Tweets di @gproietti
Dr. Giuliana Proietti
Seguimi su:

Latest posts by Dr. Giuliana Proietti (see all)

Facebook Comments

ARTICOLI CORRELATI:

Mi devo considerare bisex? Consulenza on Line
Gentile Dottore, ho 18 anni e ho una bella relazione con una ragazza più grande di un anno da 2 anni e mezzo. Di ...
Le donne e la cleptocrazia
In senso letterario, il termine "corruzione" indica la perdita della forma originaria, pura di qualcosa. Nel diritto invece, ormai dal XIII secolo, con ...
Perché ci sono così poche donne in prigione?
Orchesse, streghe, lécheuses de guillotine (nome spregiativo che veniva dato alle donne che accorrevano in piazza quando c'era una esecuzione capitale), virago, amazzoni, arpie, ...
L’instabilità lavorativa e l’infarto miocardico acuto
L'instabilità lavorativa è un importante fattore di stress, che colpisce un numero crescente di adulti. In una recente ricerca sono state studiate le relazioni ...
Come parlano le donne
  di Chiara Simonelli Tratto dal libro : Voci di donne (2002) curato da Bianca Gelli, edito da Manni, Lecce Dalle ricerche della Tannen (1990), docente di ...
Il maltrattamento dei minori è legato alla disoccupazione
"Quando i tempi sono cattivi, i bambini soffrono", ha affermato Robert Sege, docente di pediatria, Boston University School of Medicine, e direttore della Divisione ...
Le vacanze: cosa significano e perché piacciono
Cos'è, davvero, la vacanza? E' un periodo atteso, generalmente durante la bella stagione, in cui ci si assenta dal lavoro e ci si dedica ...
Il macho-man
Macho-man è un termine che nasce nel contesto messicano, col quale si indica un tipo di mascolinità eccessiva, prepotente e aggressiva. Due psicologi statunitensi ...

About Dr. Giuliana Proietti

● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni) ● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it ● Saggista e Blogger ● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale ● Conduzione seminari di sviluppo personale ● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici ● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale) ● Co-fondatrice del sito Clinica della Timidezza e Clinica della Coppia e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e il loro legame con la sessualità. Scrive in un Blog sull'Huffington Post Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti Biografia completa: qui Per appuntamenti e collaborazioni: 347 – 0375949 Ancona e Terni Tweets di @gproietti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *