bambini prematuri

Una ricerca presso l’Università di Warwick indica che il QI di soggetti nati molto prematuri o di basso peso alla nascita si può prevedere già a due anni di età.

Lo studio è stato condotto dal professor Dieter Wolke, ricercatore di psicologia.

Precedenti studi avevano collegato parto molto prematuro e basso peso alla nascita con la funzione cognitiva, nell’infanzia e nell’età adulta. Tuttavia, fino ad ora non era chiaro quando si poteva definire il QI che questi bambini avrebbero raggiunto in età adulta.

Il professor Wolke, che lavora presso il Dipartimento di Psicologia e la Warwick Medical School, dell’Università di Warwick, ha dichiarato: “Riteniamo che questa sia la prima volta che una ricerca scientifica prenda in esame la previsione del QI in soggetti adulti di età superiore ai 26 anni, nati molto prematuri o con basso peso alla nascita”.

“I risultati indicano che la valutazione fatta quando questi bambini, nati pre-termine o sottopeso, hanno due anni di età possa fornire una previsione ragionevolmente buona di quale sarà il loro QI in età adulta.”

Al contrario, i risultati della ricerca hanno scoperto che il QI di adulti nati a termine non può essere previsto con precisione fino all’età di sei anni.

Attraverso tutte le valutazioni all’interno dello studio si è osservato che bambini molto prematuri e con peso molto basso alla nascita, da adulti avevano punteggi QI più bassi di quelli nati a termine, anche se le persone con deficit cognitivo grave sono state escluse dai confronti.

Il documento di ricerca dal titolo “Preterm Children’s Stability of Cognitive Function into Adulthood: A Prospective Cohort Study” è stato pubblicato dalla American Academy of Pediatrics sulla rivista internazionale Pediatrics.

Lo studio è stato condotto nel sud della Baviera, in Germania, su un campione di soggetti, nati negli anni 1985-1986 (Studio longitudinale bavarese), dalla loro nascita fino alla loro età adulta.

I dati sulla funzione cognitiva sono stati ottenuti con test di sviluppo e di intelligenza (QI) a cinque e venti mesi e a quattro, sei, otto e ventisei anni di età.

Duecentosessanta bambini nati o molto prematuri (prima delle 32 settimane) o con basso peso alla nascita (meno di 1.5 kgs) sono stati confrontati con 229 bambini nati a termine. I risultati non sono stati sesso-specifici, in relazione al reddito o al livello di formazione scolastica, e sono stati confrontati con il gruppo di controllo di adulti che sono nati sani negli stessi reparti ostetrici.

Il professor Wolke ha aggiunto: “Alcuni bambini nati molto prematuri o con basso peso alla nascita raggiungono un punteggio molto basso, ma possono migliorare in età adulta”.

“Tuttavia molti soggetti con problemi persistenti possono essere identificati già nel secondo anno di vita. L’identificazione precoce dei problemi cognitivi in ​​questi bambini può aiutare a pianificare interventi terapeutici ed educativi specializzati per aiutare i piccoli e le loro famiglie”.

Il Prof. Wolke ha sede presso l’Università di Warwick, Dipartimento di Psicologia e della Warwick Medical School, dove si svolge attività di ricerca in settori quali l’epidemiologia, si fanno test su interventi complessi a livello individuale, familiare e comunitario, si cerca di rilevare quali sono i determinanti socio-culturali e ambientali della salute mentale e del benessere.

Dr. Giuliana Proietti

Fonte:
Preterm Cognitive Function Into Adulthood, Linda D. Breeman, PhD, Julia Jaekel, PhD, Nicole Baumann, BSc, Peter Bartmann, MD, Dr rer nat, and Dieter Wolke, PhD, Dr rer nat hc, Pediatrics, doi: 10.1542/peds.2015-0608, published online 10 August 2015, via Adult IQ of very premature babies can be predicted by the age of two, Medical News Today

Immagine:
Wikimedia

Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona Civitanova Marche, Fabriano
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche Fabriano e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.