Giovanna La Pazza

Giovanna La Pazza

Giovanna I di Castiglia, conosciuta in patria come Juana la Loca (Giovanna la Pazza) è passata alla storia per il suo stato mentale, più che per le sue opere. Oggi gli storici rivalutano però questa figura storica, che fu anzitutto vittima della sua famiglia e del suo tempo: le testimonianze contro di lei sembrano inattendibili e ciò che appare evidente è che altre persone della sua famiglia avevano interesse a farla passare per pazza, allo scopo di esautorarla e di strapparle la sovranità sui regni cui aveva diritto.

Nacque a Toledo il 6 novembre 1479, discendente dal casato di Trastamara, figlia terzogenita di Ferdinando il Cattolico (Ferdinando dal 1468 era re di Sicilia e nello stesso anno della nascita di Giovanna aveva acquisito anche il trono d’Aragona, che si univa così a quello di Castiglia, dove dal 1474 regnava la madre di Giovanna, e moglie di Ferdinando II, Isabella).

La politica matrimoniale dei Re Cattolici, Ferdinando e Isabella (come li aveva titolati nel 1494 papa Alessandro VI Borgia), era attenta ad intrecciare matrimoni utili agli interessi della casata.
Le figlie femmine furono allevate con una religiosità particolarmente rigida e severa e fu loro insegnato a cucire e a cucinare, a danzare, a suonare diversi strumenti musicali, oltre che lo studio delle lingue, fra cui il latino e il francese.

Giovanna era intimidita dalla forte personalità della madre e terrorizzata da alcuni suoi consiglieri di corte, quali il Grande Inquisitore Torquemada. Dell’infanzia di Giovanna sappiamo che era una bambina che rimaneva spesso in silenzio, con lo sguardo abbassato.

Per quanto riguardava la “sistemazione” della figlia Giovanna, i suoi genitori decisero che sarebbe diventata moglie di Filippo d’Asburgo detto Filippo il Bello, erede del Sacro Romano Impero, dei Paesi Bassi e della Borgogna, secondo figlio dell’imperatore Massimiliano I.

L’imparentamento con questa importante casata fu doppio, in quanto nello stesso anno del matrimonio di Giovanna (1496), anche suo fratello Giovanni (1478-1497), l’erede al trono, si sposava con la figlia dell’Imperatore Massimiliano I, Margherita d’Asburgo, duchessa di Borgogna. Anche per gli altri figli i re spagnoli scelsero matrimoni con discendenti di altre famiglie regnanti europee: Isabella (1470-1498), la figlia preferita, venne data in sposa a Alfonso d’Aviz, erede al trono della corona portoghese (in seconde nozze sposò poi Manuele I, re del Portogallo) e a Maria (1482-1517), toccò il vedovo della sorella, Manuele I di Portogallo. A
Caterina (1485-1536) fu invece destinato Arturo d’Inghilterra, ma quando questo morì, l’accordo per il matrimonio con l’erede al trono inglese si spostò su Enrico VIII. Caterina d’Aragona fu poi ripudiata, in favore di Anna Bolena.

L’unione fra Giovanna e Filippo il Bello fu considerata una delle decisioni di politica matrimoniale meglio riuscite nella storia europea, perché l’erede della coppia sarebbe divenuto possessore di un territorio vastissimo, oltre che pretendente alla Corona imperiale. E così infatti fu, con Carlo V, il sovrano che affermò che nel suo Impero non tramontava mai il sole (ai regni menzionati vanno aggiunte le Americhe, scoperte da Colombo nel 1492).

Giovanna, conoscendo il suo promesso sposo, rimase molto colpita e quasi sicuramente se ne innamorò. Filippo il Bello, del resto, come dice il suo soprannome, era un giovane “fisicamente attraente e vigoroso”, biondo e con gli occhi azzurri, orgoglioso e sicuro di sé (era solo un po’ più basso della sposa).

Quando Giovanna si trasferì presso la corte fiamminga, la trovò molto raffinata, completamente differente dall’austerità cui era stata abituata. Aveva infatti vissuto il periodo della Reconquista (cioè la riappropriazione, da parte dei monarchi spagnoli, dell’ultimo regno islamico nella penisola iberica, seguita dalla cacciata di tutti gli ebrei: il trionfo della religione cattolica, che per questa ragione era molto importante in Spagna e determinava uno stile di vita molto austero).

Giovanna e Filippo si insediarono a Bruxelles dove nacque la loro prima figlia, Eleonora. Mentre Giovanna faceva di tutto per adattarsi al suo nuovo Paese, la regina Isabella, sua madre, non perdeva occasione per ricordarle la sua missione in favore del suo casato. La rimproverava inoltre per quelle che riteneva “trasgressioni” della figlia Giovanna, rispetto ai costumi castigliani e alla tradizione cattolica (forse un certo suo interessamento per le correnti religiose che circolavano già, in quei luoghi, prima della riforma protestante del 1517).

Presto però Giovanna fu completamente isolata a corte. Coloro che la incontrarono in quel periodo ne parlarono in questi termini: “Sua Altezza donna Giovanna è completamente sola; anche l’animo più freddo avrebbe compassione di lei”. Altri visitatori del tempo (1501) ebbero a dire che Giovanna (22 anni, all’epoca), trascorreva giorni senza mangiare e si comportava in modo strano, come se non sapesse bene cosa fare. In alcune occasioni si rese invece protagonista di esplosioni di rabbia, specialmente a seguito dei continui tradimenti del marito. Filippo ormai trascurava la moglie e la emarginava sempre più dalla vita di corte, perché cominciava a fare progetti che riguardavano i regni di cui, nel frattempo, Giovanna era divenuta erede.

Infatti, nel 1497 era morto il fratello di Giovanna, Giovanni, erede della corona spagnola, a distanza di un anno dalla morte della sorella Isabella, regina del Portogallo, e del suo erede Michele, avvenuta nel 1500, pochi mesi dopo la nascita di Carlo, secondo figlio di Giovanna.

Nel 1501 Giovanna e Filippo fecero un viaggio in Spagna, dove Isabella era già molto malata. Filippo approfittò della permanenza per manovrare abilmente in seno all’aristocrazia castigliana, alla ricerca di sostenitori. Isabella fu molto infastidita da queste manovre neanche troppo diplomatiche del genero e pertanto gli fece sapere che non poteva prenderlo in considerazione: “né come uomo, né come marito, né come governante”. Intanto Giovanna era nuovamente incinta, ma questo non fece cambiare idea al marito Filippo, che aveva già deciso di tornare nelle Fiandre, lasciando in Spagna la moglie, da sola. “I lamenti e i gemiti della principessa riempirono le stanze del palazzo per una notte intera” scrisse una testimone.

Partorito il suo quarto figlio, Ferdinando, Giovanna si risolse a partire, per raggiungere il marito. I Re cattolici, suoi genitori, non erano d’accordo, perché pretendevano che il piccolo Ferdinando fosse allevato in Spagna. Per non far partire Giovanna, le tolsero i cavalieri della scorta e le fecero trovare sbarrato il portone della fortezza di Medina del Campo, in cui era stata rinchiusa. Giovanna cominciò a digiunare e a urlare di essere reclusa. La madre, malgrado la malattia, decise, bontà sua, di farle visita, per convincerla dell’opportunità delle scelte fatte, ma la figlia sembra l’abbia accolta “con epiteti talmente oltraggiosi e così lontani da ciò che una figlia deve dire a sua madre”, come avrebbe scritto in seguito la stessa Isabella.

Finalmente i Re Cattolici si convinsero a lasciar partire la figlia, purché il figlioletto Ferdinando fosse lasciato in Spagna. Così fu. Tornata nelle Fiandre, Giovanna trovò il marito dedito ai soliti tradimenti, il che provocò altre sue scenate di rabbia: in una occasione sembra che la moglie tradita abbia tagliato la treccia a quella che riteneva essere la sua rivale in amore. Filippo decise a questo punto di prendere precauzioni drastiche contro l’ira della moglie e la fece isolare completamente.

Nel novembre del 1504, moriva la regina Isabella e si apriva così il problema della successione. Ferdinando assunse immediatamente la reggenza, facendola acclamare dalle Cortes a Toro. Il genero Filippo però non era d’accordo: la Castiglia spettava a sua moglie (e dunque a lui) ed era pronto allo scontro armato. Con l’accordo di Villafáfila, Ferdinando cedeva la Castiglia a Filippo, convenendo con un secondo trattato l’esclusione di Giovanna dal governo, a causa del suo “stato mentale”. Il trattato subito dopo fu però smentito, con l’affermazione che i diritti sulla Castiglia spettavano solo alla figlia Giovanna.

Si dice che Filippo abbia anche tentato di avvelenare la moglie, che le cronache del tempo descrivono infatti stordita da erbe e pozioni. Va detto che sia il padre che il marito di Giovanna avevano a questo punto interesse a farla passare per pazza.

In un altro viaggio che la coppia fece in Spagna, nel 1506, Filippo improvvisamente morì, a Burgos. Forse il padre di Giovanna, Ferdinando, non fu del tutto estraneo a quella morte; fatto sta che Giovanna diventava regina esclusiva del regno di Castiglia. Regnò in realtà solamente per pochi mesi, nel 1507 (i suoi atti di governo non fanno pensare affatto ad una persona poco stabile mentalmente, anzi).

Il padre Ferdinando scrisse però a tutte le Corti europee, lamentando la demenza della figlia causata dall’improvvisa morte dell’amato sposo. Nacque la leggenda, opportunamente esaltata e diffusa, degli strani comportamenti di Giovanna, vedova inconsolabile, verso il feretro del marito, comportamenti di cui non vi è documentazione o testimonianza che non provenga dagli ambienti di corte. Un cronista del tempo scrisse: “In nessuna epoca si è mai visto un cadavere, estratto dalla tomba, portato da un tiro di quattro cavalli, in una processione funebre così solenne, circondato da una torma di sacerdoti che intonano la preghiera dei defunti”. Giovanna aveva infatti deciso di portare le spoglie funebri del marito a Granada, dove la madre Isabella aveva fatto costruire un mausoleo ed aveva deciso di accompagnare il feretro lei stessa, a piedi, come forma di pellegrinaggio, circondata da sacerdoti in preghiera.

Dal 1509 al 1520 Giovanna venne confinata, per ordine del padre, nel Castello di Tordesillas, completamente isolata dal mondo esterno, insieme all’unica figlia che le era rimasta accanto: Caterina. Il 23 gennaio 1516 morì anche Ferdinando e Carlo,assumendo il nome di Carlo V, diveniva re di Castiglia e di Aragona, cioè di tutta la Spagna.

Il 4 novembre 1517 Carlo, che non vedeva la madre da dieci anni, essendo stato allevato nelle Fiandre dalla zia Margherita, fece visita a Giovanna, di cui non ricordava neanche le sembianze e di cui aveva solo sentito descrivere la strana follia. Anche Carlo però non aveva alcun interesse a riabilitare la madre: Giovanna avrebbe potuto infatti escluderlo dalla gestione della corona. Così probabilmente lo consigliò anche il suo entourage fiammingo, che si stava arricchendo enormemente alle sue spalle.

Carlo dunque lasciò la madre prigioniera nel palazzo di Tordesillas, dove fu sottoposta, sotto tortura, a pratiche religiose, come la confessione, che Giovanna ostinatamente rifiutava.

Solo nel 1520, in occasione della rivolta dei Comuneros, contro il re straniero che imponeva tasse e predilegeva i fiamminghi alla borghesia spagnola, la regina Giovanna venne liberata dai rivoltosi, poiché speravano di trovare in lei un’alleata.

Giovanna ricevette diverse volte i rappresentanti degli insorti, ma non accettò mai di porsi in contrasto con il figlio mettendosi dalla loro parte, anche se la avevano liberata: rifiutò sempre di firmare qualsiasi documento che legittimasse la loro azione (forse in questo fu davvero pazza!). La rivolta venne repressa con la battaglia finale di Villalar, il 23 aprile 1521: i capi furono giustiziati, mentre Giovanna fu rinchiusa nuovamente nel castello di Tordesillas.

La sua prigionia durò altri 35 anni, subendo grandi e piccole angherie, che la ridussero ad uno stato bestiale, dal quale la liberò solo la morte, avvenuta il 12 aprile 1555, dopo aver rifiutato i sacramenti (la sua vita fu comunque lunghissima, per quell’epoca e per la qualità della vita che le era toccata, visto che morì a 76 anni!).

Giovanna fu sepolta nella Capilla Real (Cappella Reale) della cattedrale di Granada, insieme al marito e ai Re Cattolici. A distanza di pochi mesi dalla sua morte, il figlio Carlo V, imperatore del Sacro Romano Impero, abdicherà e morirà tre anni dopo nel Monasterio de Yuste, (Cáceres), il 21 settembre 1558.

Giovanna viene ancora oggi ricordata come “Giovanna la pazza”: forse, più che pazza, era solamente una vittima della sua epoca. Nel XVI secolo peraltro, nessuno possedeva competenze specifiche sulle malattie mentali: le diagnosi parlavano di solito di “umori” o “passioni”, o anche di “sortilegi”, come riportarono i medici che si occuparono della salute mentale di Giovanna.

Psicolinea.it © Settembre 2011

Imm. Wikimedia

Carlo Urbani

Carlo Urbani: un ricordo

Il dott. Carlo Urbani non era un missionario né un eroe, ma un medico esperto di malattie tropicali che svolgeva ...
Leggi Tutto
Martin Lutero

Martin Lutero – Biografia

Accanto alla caduta di Costantinopoli (1453) e alla scoperta dell’America (1492), potremmo mettere l’affissione delle Novantacinque Tesi di Martin Lutero ...
Leggi Tutto
Charles Darwin

Charles Darwin e le donne

Charles Darwin forse non era così sessista come si è sempre pensato, secondo un nuovo libro uscito questo mese in ...
Leggi Tutto
Cesare Borgia

Cesare Borgia di Francia, detto il Valentino

Non si sa con certezza quando nacque Cesare Borgia, duca di Valentinois: probabilmente era il 13 settembre 1475, o forse l'aprile ...
Leggi Tutto
Wilhelm Reich

Wilhelm Reich, l’inventore della liberazione sessuale

Wilhelm Reich ebbe un'infanzia quasi melodrammatica e psicoanaliticamente affascinante: nato il 24 marzo 1897 in una fattoria in Galizia (territorio oggi ...
Leggi Tutto
Giacomo Leopardi

Giacomo Leopardi: il giovane favoloso era gay?

Ho studiato, come tutti, Giacomo Leopardi a scuola e poi, vivendo nelle Marche, ho avuto più volte la possibilità di ...
Leggi Tutto
Lucrezia Borgia

Lucrezia Borgia

La biografia di Lucrezia Borgia, raccontata in poche parole, lascia subito di stucco: visse 39 anni, fu figlia, moglie e ...
Leggi Tutto
Edith Stein

Edith Stein

Edith Stein nacque a Wroclaw (Breslavia), una città tedesca, che oggi fa parte della Polonia. Era il 12 ottobre 1891e ...
Leggi Tutto
Giovanna La Pazza

Giovanna La Pazza

Giovanna I di Castiglia, conosciuta in patria come Juana la Loca (Giovanna la Pazza) è passata alla storia per il ...
Leggi Tutto
Arthur Schnitzler

Arthur Schnitzler

Arthur Schnitzler fu un drammaturgo e romanziere austriaco, noto per i suoi drammi psicologici che descrivevano la Vienna borhese di ...
Leggi Tutto
Eleanor Roosevelt

Eleanor Roosevelt

Eleanor Roosevelt (nata a New York l'11 Ottobre 1884) fu la moglie di Franklin Delano Roosevelt, il trentaduesimo Presidente degli ...
Leggi Tutto
Josephine Baker

Josephine Baker

Oltre che bellissima, la Baker era una donna intelligente e sensibile: basti pensare che Ernest Hemingway ne parlò come della ...
Leggi Tutto
Marilyn Monroe

Marilyn Monroe e la psicoanalisi

Sopra: una delle ultime pose di Marilyn Marilyn Monroe aveva una personalità molto fragile: del resto la sua infanzia ed ...
Leggi Tutto
Hilda Doolittle

Hilda Doolittle

Hilda Doolittle, ancora poco conosciuta in Italia, è una poetessa americana, la cui biografia appare veramente incredibile, ricca come è ...
Leggi Tutto
Rene Magritte

René Magritte

«Le immagini vanno viste quali sono, amo le immagini il cui significato è sconosciuto poiché il significato della mente stessa ...
Leggi Tutto
Consulenza psicologica

Chiedi una Consulenza Psicologica su Psicolinea!

Come fare richiesta di Consulenza psicologica - sessuologica gratuita su Psicolinea? Devi semplicemente inserire la tua richiesta nei commenti a ...
Leggi Tutto
Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Psicoterapeuta Sessuologa
ANCONA FABRIANO CIVITANOVA MARCHE
Per appuntamenti: 347 0375949 - g.proietti@psicolinea.it

E' possibile anche fissare degli appuntamenti Via Skype.
https://www.psicolinea.it/sostegno-psicologico-distanza/

Per leggere il CV:
https://www.psicolinea.it/dr-giuliana-proietti_psicologa_sessuologa_ancona/

Per vedere dei videofilmati su YouTube
https://www.youtube.com/user/RedPsicCdt

Per la pagina Facebook
https://www.facebook.com/Giuliana.Proietti.Psicosessuologia

Per il Profilo Facebook
https://www.facebook.com/giuliana.proietti.psicologa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Ti piace Psicolinea? Seguici anche sui Social ;-)

RSS
Facebook
YouTube
Instagram