Gli insegnanti e la DAD: uno studio americano

Gli insegnanti e la DAD: uno studio americano

Attualità

Gli insegnanti e la DAD: uno studio americano

Cis- Fiss SessuologiaDr. Giuliana Proietti
Psicologa Psicoterapeuta Sessuologa
g.proietti@psicolinea.it
Dr. Giuliana Proietti
Tel. 347 0375949
ANCONA ROMA FABRIANO CIVITANOVA MARCHE
Consulenza psicologica e sessuologica Via Skype

Ultimo aggiornamento: Feb 12, 2021 @ 12:33 

Dall’inizio di marzo 2020, la pandemia virale COVID-19 ha colpito tutti gli aspetti della vita americana, comprese le operazioni scolastiche. Il 12 marzo 2020, i Centers for Disease Control and Prevention hanno pubblicato linee guida sulla gestione del COVID-19 nelle scuole.

Quello stesso giorno, il Michigan è stato il primo stato a chiudere le sue scuole pubbliche a causa della pandemia (Ballotpedia, 2020), e il 23 marzo tutti gli stati tranne due avevano seguito l’esempio. Gli ultimi due, Nebraska e Maine, lo hanno fatto l’1 e il 2 aprile.

A24/A3

La maggior parte dei distretti scolastici è passata all’istruzione online. Alcuni hanno optato per una sorta di modello ibrido, che integrava le istruzioni online inviando dispense agli studenti che non avevano accesso a Internet. Il lavoro degli insegnanti è cambiato radicalmente e praticamente dall’oggi al domani. Come hanno affrontato, personalmente e professionalmente, un cambiamento così repentino? Per scoprirlo, sono stati intervistati centinaia di insegnanti da metà marzo all’inizio di aprile, mentre erano nel bel mezzo della transizione iniziale, sulla differenza fra insegnamento in classe e insegnamento da casa.

Prima di passare ai risultati, è importante distinguere tra la pratica regolare e pianificata dell’istruzione online e il tipo di istruzione che si è verificato immediatamente dopo la chiusura delle scuole. Ricerche precedenti hanno dimostrato che mentre molti insegnanti ritengono che l’istruzione online sia gratificante, coloro che sono nuovi tendono a riferire di dover affrontare un aumento dei carichi di lavoro e molte difficoltà legate all’uso della tecnologia, alla comunicazione con gli studenti, all’organizzazione di sessioni sincrone e alla valutazione dei risultati degli studenti (Choi & Park, 2006;  Conceição , 2006). Queste difficoltà tendono a verificarsi con qualsiasi passaggio all’insegnamento online, non importa quanto graduale.

Psicolinea

Tuttavia, ciò che è avvenuto con il Covid non è stata una transizione ordinaria e  non va confuso con l’istruzione online: è più preciso descrivere quanto accaduto nelle scuole come “insegnamento a distanza di emergenza” (ERT Emergency Remote Teaching), definito come “un passaggio temporaneo dell’insegnamento a una modalità dovuta a circostanze di crisi ” (Hodges et al., 2020).

L’insegnamento a distanza di emergenza si distingue dall’insegnamento e dall’apprendimento online ordinari, in cui le esperienze virtuali e l’istruzione online sono state pianificate dall’inizio ( Affouneh ,  Salha , &  Khlaif , 2020; Hodges et al., 2020;  Milman , 2020a). Molte delle sfide che gli insegnanti online  alle prime armi affrontano in circostanze normali rischiano di essere notevolmente esacerbate in una situazione di emergenza, come con il COVID-19. 

La distinzione tra insegnamento a distanza di emergenza e apprendimento online è fondamentale. Sebbene i sostenitori abbiano compiuto grandi sforzi “per promuovere l’apprendimento online come un metodo di insegnamento e apprendimento praticabile, sostenibile e prezioso” ( Manfuso , 2020), molte persone continuano a considerarlo intrinsecamente inferiore all’istruzione faccia a faccia. E alcuni potrebbero essere tentati di pensare che l’istruzione a distanza offerta nel periodo Covid sia la stessa cosa dell’istruzione online in generale – convalidando la loro ipotesi che l’insegnamento online non sia efficace quanto l’insegnamento in classe – ma sarebbe un confronto ingiusto (Hodges et al. ., 2020).

In breve, le circostanze straordinarie che gli insegnanti hanno dovuto affrontare alla luce della pandemia hanno impedito loro – e ai loro studenti – di effettuare una normale transizione verso l’istruzione a distanza. Inoltre, le circostanze hanno avuto un impatto sull’apprendimento degli studenti per ragioni che non avevano nulla a che fare con il mezzo online stesso. Alla luce della situazione, alcuni esperti hanno consigliato agli insegnanti di ridurre il carico di lavoro dei propri studenti, oltre al proprio. Come qualcuno ha sostenuto, “Stiamo tutti operando all’ombra di una pandemia globale, che disorienta e limita. . . Procedere come al solito non è realistico ”(Merrill, 2020).

Riconoscendo che “queste non sono normali condizioni di insegnamento e di apprendimento”, Natalie  Milman (2020) ha suggerito che i dirigenti scolastici e gli insegnanti diano priorità ai bisogni, stabilendo priorità a breve e lungo termine, siano flessibili con le politiche e le  pratiche e collaborino nelle comunità online per sostenersi a vicenda. In altre parole, gli educatori avrebbero buone ragioni per ridurre le loro aspettative scolastiche, qualunque forma di istruzione abbiano usato. 

Obiettivo di questo studio, quindi, non è giudicare l’efficacia dell’istruzione online fornita dagli insegnanti nel periodo Covid ma, piuttosto, comprendere le difficoltà – e, a volte, i successi – che gli insegnanti hanno sperimentato durante i primi giorni della pandemia COVID-19.

Psicoterapia breve focalizzata sul sintomo

Per appuntamenti:
Dr. Giuliana Proietti Tel 347 0375949
Dr. Walter La Gatta Tel. 348 3314908

COSTO DELLA TERAPIA
60 euro online,
Via Skype o Whatsapp,

90 euro in presenza
con Green Pass e Mascherina

ANCONA ROMA TERNI CIVITANOVA MARCHE FABRIANO E ONLINE, VIA SKYPE

Idealmente, possiamo usare ciò che abbiamo imparato dal Covid per sviluppare strategie per aiutare gli insegnanti a passare più agevolmente all’istruzione online, sia che lo facciano improvvisamente, sia che lo facciano attraverso un processo più graduale e ben pianificato.

Da metà marzo all’inizio di aprile 2020, sono state condotte interviste sugli insegnanti e sulle loro esperienze durante il passaggio all’istruzione a distanza. E’ stato chiesto loro quali aspetti dell’insegnamento avessero trovato più impegnativi durante questo periodo e quanto si sentissero preparati per impartire lezioni a distanza.

Il sondaggio è stato condiviso anche sui social media, tra cui Facebook e Reddit, invitando a partecipare coloro che lavoravano come insegnanti. Lo scopo non era trovare difetti o attribuire colpe; era solo imparare dalle varie esperienze in questo momento storico. 

Hanno partecipato allo studio un totale di 328 insegnanti; essi si sono identificati prevalentemente come bianchi (89,4%) femmine (83,7%) età media di 39,9 anni. Il partecipante medio insegnava nella scuola attuale da 7,1 anni e svolgeva la professione da 11,6 anni.  Più di un terzo (36,6%) insegnava in una scuola situata in un contesto suburbano; circa un quarto insegnava in contesti rurali (24,1%) e urbani (25,7%); e circa 1 su 7 (13,5%) insegnava in una piccola città.

Una grande maggioranza (92,4%) degli insegnanti ha dichiarato di non aver mai insegnato online prima della transizione di emergenza e pochissimi hanno ricevuto una formazione significativa dalla propria scuola o distretto scolastico. Come ha spiegato un insegnante, “Tutta la mia formazione didattica presupponeva che l’insegnamento si sarebbe svolto in un ambiente faccia a faccia”. 

Gli insegnanti hanno condiviso che la maggior parte di ciò che hanno imparato era l’uno dall’altro e dalla propria ricerca individuale. Ciò integra i risultati di Catherine Cavanaugh e Abraham DeWeese (2020), che hanno scoperto che le visualizzazioni per i siti di supporto per educatori online per la piattaforma di chat e video Microsoft Teams sono aumentate di oltre sei volte tra febbraio e marzo 2020. Nonostante la loro inesperienza e mancanza di formazione formale, tuttavia, quasi la metà (49%) degli insegnanti intervistati si è sentita in qualche modo preparata a fornire istruzione a distanza.  

Leggi anche:  Combattere la pedofilia in Rete al tempo della pandemia

COSTO DELLA TERAPIA
60 euro online,
Via Skype o Whatsapp,

90 euro in presenza
con Green Pass e Mascherina

Gli insegnanti dovevano valutare diversi aspetti del loro lavoro professionale (compresa la pianificazione delle lezioni, la valutazione dell’apprendimento degli studenti, il coinvolgimento con i genitori e la differenziazione dell’istruzione) su una scala di sei punti, da (1) molto più impegnativo durante l’istruzione faccia a faccia a (6) molto più impegnativo durante l’istruzione a distanza. Gli intervistati hanno valutato  tutte  le funzioni lavorative incluse nel sondaggio come più impegnative se condotte a distanza. 

Un paio di domande aperte hanno chiesto agli insegnanti di descrivere i limiti che avevano sperimentato nel fornire istruzione ai loro studenti, così come i limiti alla ricezione dell’istruzione che ritenevano i loro studenti stessero sperimentando.

Nel complesso, gli insegnanti hanno risposto che avevano difficoltà a fornire un’istruzione di qualità in una quantità adeguata di insegnamento durante la pandemia. Hanno riferito in particolare che non avevano tempo sufficiente per svolgere bene il lavoro  e, in alcuni casi,  non avevano accesso a molti dei loro materiali didattici che erano ancora a scuola.  

La risposta più comune degli insegnanti è stata che non avevano la capacità di valutare l’impegno degli studenti. Molti sistemi scolastici hanno modificato le procedure di valutazione in modo che gli studenti evitassero valutazioni inferiori a quelle che avevano prima della pandemia (Sawchuk, 2020) e, sebbene questa politica sia nata per affrontare le preoccupazioni relative all’equità di accesso, l’effetto è stato quello della rimozione di un motivatore estrinseco per gli studenti.

Un insegnante di scuola elementare periferica di quinta elementare ha scritto: “Non posso valutare l’impegno nei compiti. Non posso dare voti. . . Non posso incontrare gli alunni tramite videoconferenza a meno che non lo richiedano loro…  Non posso insegnare niente di nuovo. “ Un altro insegnante ha notato che solo nove dei suoi 109 studenti ha frequentato le sue lezioni su Zoom in diretta, anche perché tutti avrebbero avuto la sufficienza solo per aver frequentato il corso.

I servizi tecnologici limitati hanno anche reso più difficile per gli insegnanti fornire feedback significativi e interagire direttamente con i propri studenti. Notando che la sua scuola ha permesso di fornire solo lezioni asincrone, un’insegnante di scuola elementare di New York ha sottolineato che “gli studenti non possono farmi domande dirette perché le mie lezioni sono videoregistrate e loro le guardano quando lo desiderano”. Diversi altri insegnanti hanno condiviso sentimenti simili, sottolineando che l’incapacità di avere interazioni in tempo reale ha ostacolato la loro capacità di insegnare.

Gli insegnanti di musica, arte ed educazione fisica hanno dovuto affrontare sfide speciali. In alcuni casi, è stato chiesto loro di non assegnare compiti a casa, in modo da “consentire agli studenti di concentrarsi sulle materie considerate “fondamentali”

GUARDA LA NOSTRA PLAYLIST CONSULENZA RADIO LINEA

YouTube

Un insegnante dell’Indiana ha spiegato: “È molto difficile insegnare agli studenti della scuola primaria lezioni di musica coinvolgenti senza essere insieme fisicamente: mancano i fondamentali dell’educazione musicale“. Diversi insegnanti di educazione artistica hanno detto che anche quando i loro studenti avevano accesso alla tecnologia, a Internet e ad altri materiali come le matite, spesso mancavano dei materiali artistici necessari per partecipare ai tipi di attività didattiche che normalmente loro assegnavano.

Per molti insegnanti, la mancanza di comunicazione in tempo reale ha reso difficile mantenere gli studenti motivati, soprattutto quelli più giovani. Un insegnante di sostegno ha detto che “è difficile motivare gli studenti online quando ognuno è motivato in modo diverso“. Un insegnante di educazione artistica della Virginia ha fatto eco a questi sentimenti, sottolineando l’importanza di trascorrere del tempo con gli studenti per motivarli a imparare: “È difficile comunicare con gli studenti quando non siamo in classe con loro”. Gli insegnanti hanno trovato particolarmente difficile soddisfare le esigenze degli studenti con bisogni educativi speciali. 

Molti insegnanti hanno anche notato che le loro circostanze personali rendevano ancora più difficile passare dall’istruzione di persona a quella online. Un insegnante di sostegno di terza elementare del Connecticut ha scritto:

Ho tre figli miei (di età 16, 14, 5) che fanno tutti didattica a distanza. I due più grandi riescono a completare i compiti senza il mio aiuto, ma hanno bisogno di dispositivi durante la stessa ora del giorno. Il mio bambino di 5 anni ha bisogno che mi sieda con lui mentre fa i compiti, per aiutarlo, e se ha bisogno di accedere per completare un’attività, viene utilizzato un altro dispositivo. Sono sopraffatto dal creare nuove lezioni in un modo che non ho mai fatto prima, cercando di insegnare a me stesso nuovi modi per interagire con i miei studenti e cercando di assicurarmi che i miei figli siano accuditi e possano svolgere i compiti con i limitati dispositivi che abbiamo in casa. 

Come suggerisce la citazione di questo insegnante, le sfide affrontate dagli insegnanti tendevano ad essere interconnesse. Ad esempio, avere figli a casa richiedeva agli insegnanti di destreggiarsi tra il proprio lavoro e le esigenze educative e tecnologiche dei figli. Diversi insegnanti, in particolare quelli nelle zone rurali, hanno dichiarato di non avere un accesso affidabile a Internet da casa.

Conferenza, Domenica 24 Maggio 2020 alle ore 18.30
LA PAURA NELLA STORIA E NELLA PSICOLOGIA UMANA
Una Riflessione al Tempo del Coronavirus

Consulenza online Via SkypeChiedi una Consulenza Via Skype
ai Terapeuti di Psicolinea

 

Sia gli insegnanti che gli studenti hanno affrontato sfide su più fronti durante questo periodo instabile. In molti casi, gli studenti avevano altre esigenze che avevano la priorità sulla scuola, ammesso che potessero accedere alle lezioni online. Un’insegnante di prima elementare dell’Alabama ha detto che solo 5 dei suoi 20 studenti utilizzavano l’istruzione online, un fatto che ha attribuito alla mancanza di accesso a Internet da casa. Sfortunatamente, la sua esperienza non è isolata. Infatti, più della metà degli insegnanti intervistati (57,2%) ha indicato che almeno un quarto dei loro studenti non aveva accesso a Internet tramite banda larga al di fuori della scuola. Inoltre, molti studenti che avevano accesso a Internet hanno dovuto competere con più fratelli per utilizzare i loro dispositivi per i compiti.  

La raccomandazione più importante fatta dai nostri partecipanti al sondaggio è stata che le scuole inizino a tenere regolarmente “giornate di apprendimento digitale” nell’anno scolastico per aiutare insegnanti e allievi a prepararsi per qualsiasi passaggio improvviso all’istruzione a  distanza. Un insegnante di liceo con anni di esperienza ha dichiarato: “Durante un anno scolastico regolare è necessaria un’istruzione che includa la tecnologia, in modo da non trovarsi in difficoltà in queste situazioni di emergenza”.

Un insegnante di educazione artistica della scuola elementare ha aggiunto che gli studenti dovrebbero essere valutati come al solito in questi giorni (a condizione che la scuola possa garantire l’accesso online), in modo che “sentano che è importante”. Questo tipo di pianificazione, hanno sottolineato gli insegnanti, sarà utile in caso di prolungate chiusure scolastiche dovute a neve, calamità naturali, malattie o qualsiasi altro motivo.

La necessità di prepararsi alle emergenze è stato un tema comune tra gli insegnanti che hanno partecipato all’ indagine. Hanno raccomandato alle scuole di sviluppare linee guida e procedure chiare per la valutazione; tenersi in contatto regolarmente con il personale e i genitori; fornire sostegno e accesso ai dispositivi online alle famiglie a basso reddito; fornire istruzione a distanza in modo efficace a bambini in età elementare e studenti con bisogni speciali e assistere tutti gli studenti che hanno problemi a configurare e utilizzare i servizi online. 

L’improvviso passaggio all’istruzione a distanza durante la pandemia non ha precedenti; per questo è importante comprendere le esperienze vissute dagli insegnanti. I risultati dello studio suggeriscono che gli insegnanti hanno trovato diversi aspetti dell’insegnamento più difficili durante la didattica a distanza che durante l’istruzione faccia a faccia. I risultati del sondaggio hanno anche offerto un promemoria sobrio ma importante sul fatto che gli insegnanti sono esseri umani con vite e obblighi personali, oltre al loro ruolo professionale.

Comprendendo meglio le loro esperienze e ascoltando le loro raccomandazioni, speriamo che le scuole possano essere meglio preparate per le emergenze future e forniscano un migliore supporto sia agli insegnanti che agli studenti, in un ambiente online.

Dr. Giuliana Proietti

Giuliana Proietti psicologa

Adattato da:
How teachers experienced the COVID-19 transition to remote instruction, David T. Marshall, David M. Shannon, and Savanna M. Love, September 2, 2020

Seguici su TwitterTwitter

I nostri brands
Clinica della CoppiaClinica della Timidezza
20 anni di Psicolinea

About

Ancona - Terapia di Coppia

Ancona – Terapia di Coppia per coppie etero e LGBT

Ancona - Terapia di Coppia per coppie etero e LGBT Ci sono momenti, in ogni relazione, in cui la comunicazione ...
Leggi Tutto
La cura dell'ansia - Dr. Giuliana Proietti Via Skype

La cura dell’ansia – Dr. Giuliana Proietti Via Skype

La cura dell'ansia - Dr. Giuliana Proietti Via Skype Benvenuti. In questa pagina qualche illustrazione su come viene curata l'ansia ...
Leggi Tutto
Il Sessuologo e la Sessuologia

Il Sessuologo e la sessuologia: saperne di più

IL SESSUOLOGO E LA SESSUOLOGIA: SAPERNE DI PIU' ANCONA - FABRIANO - CIVITANOVA MARCHE - TERNI E VIA SKYPE Dr ...
Leggi Tutto
Mappa del Sito

Mappa del Sito Psicolinea

Mappa del Sito. Tutti gli Articoli presenti su Psicolinea. Anzitutto vogliamo esprimere un sentito ringraziamento agli Autori, che nel tempo ...
Leggi Tutto
Sessuologo Ancona

Perché rivolgersi al sessuologo? Sessuologi di Ancona

Perché rivolgersi al sessuologo? La sessualità è una parte fondamentale di ciò che siamo, quindi il modo in cui viviamo ...
Leggi Tutto
psicologia psicoterapia sessuologia

Forum di Psicolinea

Forum di Psicolinea: Cosa è successo? Gentilissimi Lettori, Tutta la consulenza online di Psicolinea, dal 2001 ad oggi è qui, ...
Leggi Tutto
Psicoterapeuti Ancona Fabriano

PSICOTERAPEUTI Ancona Fabriano. Chiama ora!

PSICOTERAPEUTI ANCONA FABRIANO CHIAMA PER APPUNTAMENTO! TERNI CIVITANOVA MARCHE E VIA SKYPE Dr. Giuliana Proietti 347 0375949 Dr. Walter La ...
Leggi Tutto
About Psicolinea

About Psicolinea: Chi siamo, Cosa facciamo

About Psicolinea: Chi siamo, Cosa facciamo About Psicolinea: Chi siamo, Cosa facciamo Tutte le info che cercavi su in una ...
Leggi Tutto
Terapie online Via Skype

Terapie online Via Skype

Terapie online Via Skype La tecnologia è diventata una parte essenziale della vita moderna e può essere usata anche per ...
Leggi Tutto
Consulenza delgiovedì e altri servizi gratuiti

Consulenza del Giovedì e altri servizi gratuiti di Psicolinea

Consulenza del Giovedì e altri servizi gratuiti di  CONSULENZA GRATUITA (del giovedì) VIA TELEFONO La consulenza del Giovedì è una ...
Leggi Tutto
Consulenza psicologica in forma scritta

Consulenza psicologica in forma scritta

CONSULENZA PSICOLOGICA IN FORMA SCRITTA Richiedi una Consulenza personalizzata in forma scritta, a casa tua (Servizio a pagamento) Le richieste ...
Leggi Tutto
Consulenza psicologica gratis e a pagamento

Consulenza psicologica gratis e a pagamento

CONSULENZA PSICOLOGICA GRATIS E A PAGAMENTO Ancona - Terni - Civitanova Marche - Fabriano e Via Skype Dr. Giuliana Proietti ...
Leggi Tutto
Chi Siamo, Cosa facciamo

Psicolinea, uno tra i primi siti di psicologia

Salve, prima volta su Psicolinea? CI PRESENTIAMO: Fondatori e Curatori di Psicolinea: Il Sito Come si può immaginare dal titolo, ...
Leggi Tutto

Terapeuti di Psicolinea: Psicoterapia a Ancona, Terni, Civitanova Marche Fabriano

TERAPEUTI DI PSICOLINEA PSICOTERAPIA Ancona Fabriano Terni Civitanova Marche Dr. Giuliana Proietti Tel. 347 0375949 Dr. Walter La Gatta Tel ...
Leggi Tutto
Contatti con i Terapeuti di Psicolinea

Contatti con i Terapeuti di Psicolinea

CONTATTI con i Terapeuti di Psicolinea Psicoterapeuti Sessuologi Associati alla Federazione Italiana di Sessuologia Scientifica e al Centro Italiano di ...
Leggi Tutto
Archivio Storico di Psicolinea

CONSULENZA ONLINE Archivio Storico Generale

CONSULENZA ONLINE ARCHIVIO STORICO GENERALE Su questa pagina trovi il modo per leggere TUTTA la Consulenza online di Psicolinea, dal ...
Leggi Tutto

Immagine
Pxhere

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti Psicoterapeuta Sessuologa ANCONA FABRIANO CIVITANOVA MARCHE ROMA CONSULENZA ONLINE VIA SKYPE Per appuntamenti: 347 0375949 - g.proietti@psicolinea.it E' possibile anche fissare degli appuntamenti Via Skype. https://www.psicolinea.it/sostegno-psicologico-distanza/ Per leggere il CV: https://www.psicolinea.it/dr-giuliana-proietti_psicologa_sessuologa_ancona/ Per vedere dei videofilmati su YouTube https://www.youtube.com/user/RedPsicCdt Per la pagina Facebook https://www.facebook.com/Giuliana.Proietti.Psicosessuologia Per il Profilo Facebook https://www.facebook.com/giuliana.proietti.psicologa
http://www.clinicadellacoppia.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.