Quando il nipote di Sigmund Freud, Harry, rifiutò l’offerta di un sigaro da parte dello zio, da questi si sentì dire: “Ragazzo mio, fumare è una delle più grandi e più economiche soddisfazioni della vita, e se decidi di non fumare, non posso che essere dispiaciuto per te (Freud: A Life for Our Time. Peter Gay, 1989, Anchor Books/Doubleday.) Freud fumava venti sigari al giorno e lo faceva anche mentre ascoltava i suoi pazienti, o prendeva appunti.

Raymond De Saussure, uno psicoanalista che fu a sua volta analizzato da Freud, ricordava che lo studio del Maestro era una stanza piuttosto scura, che si apriva su un cortile. Il contatto con lo psicoanalista si stabiliva attraverso la sua voce e l’odore dei sigari, che fumava incessantemente.

Il figlio di Freud, Martin ricorda che la madre, nel preparare il tavolo per i famosi incontri settimanali del mercoledì, piazzava un posacenere davanti ad ogni sedia. Martin diceva che, entrando nella stanza dove si era tenuta la conferenza, la si trovava ‘così piena di fumo che sembrava impossibile che un essere umano avesse potuto resistervi per ore’.

Sigmund FreudGli incontri si tenevano intorno ad un grande tavolo collocato nella sala d’attesa della stanza in cui Freud riceveva i pazienti: la sua era una stanza piena di libri, che andavano dal pavimento al soffitto ed in essa si potevano ammirare reperti dell’antica Grecia ed Egitto.

La moglie serviva caffè scuro e sigari agli ospiti, dopo di che entrava Freud, il Maestro. L’atmosfera era ricca di fumo, un elemento quasi inscindibile dalla prima psicoanalisi. Sigmund aveva iniziato a fumare intorno ai 24 anni, seguendo le orme di suo padre, che fumò fino ai suoi 81 anni. In questo comportamento paterno il giovane pensava di trovare le radici del self control da lui dimostrato, che pensava fosse utile anche per sé.

Dopo il pasto di mezzogiorno, consumato insieme alla sua famiglia, Freud andava dal vicino tabaccaio (leggiamo nel suo diario personale la dettagliata descrizione delle visite e degli acquisti di sigari). Acquistare dei buoni sigari a quel tempo non era cosa facile. Il governo austriaco infatti, manteneva uno stretto controllo sull’industria del tabacco e dunque le scelte che si potevano fare in quel tempo erano piuttosto limitate.

La sua passione era tuttavia il trabucco, un piccolo sigaro, relativamente leggero, considerato il migliore fra quelli prodotti dal monopolio austriaco del tabacco. Se poteva, si permetteva i Don Pedros ed i Reina Cubanas, che poteva acquistare nella città bavarese di Berchtesgaden. Provò anche i Liliputanos olandesi.

I suoi pazienti, conoscendo la sua passione, gli regalavano frequentemente scatole di sigari. Freud amava condividere il fumo di sigari con le persone che aveva intorno. Ricorda Hans Sachs, uno dei suoi primi seguaci, che Freud era chiaramente irritato se alcuni uomini intorno a lui rifiutavano di fumare. I sigari sembravano conferire alla persona l’appartenenza simbolica ad una certa comunità e permettevano la messa in atto di un rituale, anche di iniziazione. Nei suoi trenta anni Freud cominciò ad avere problemi di cuore, forse per ipersensibilità alla nicotina, come gli disse l’amico e medico personale Fliess.

Freud rispose però che una persona poteva smettere di fare qualcosa solo se era profondamente convinta della sua tossicità, della sua pericolosità. E così, evidentemente, non era. Oltre tutto fumare sembrava aiutarlo a vincere lo stress ed a favorire la concentrazione. Insomma, era quello che più di qualsiasi altra cosa gli piaceva fare nella vita.

Perfino dopo i 67 anni, quando gli fu diagnosticato un cancro al palato, Freud non smise di fumare. Era una vera dipendenza: il suo umore, la sua capacità di lavorare dipendevano dai suoi sigari, ai quali non sapeva rinunciare.
Durante un breve periodo di astinenza, consigliatogli da Fliess Freud gli scrisse una lettera in cui, dopo sette settimane senza fumo, lo psicoanalista confidava all’amico di sentirsi depresso, di stare malissimo, incapace di lavorare, un uomo distrutto. Dopo aver ricominciato, sin dai primi sigari, la capacità di lavorare tornò però come per incanto. Freud racconta di essere tornato ‘padrone della sua mente’ e che era finita quella ‘vita insopportabile’.

Un’altra volta smise di fumare e scrisse a Ferenczi: ‘Ieri ho fumato il mio ultimo sigaro e da allora mi sento stanco e di cattivo umore… Poi un paziente mi ha regalato cinquanta sigari, ne ho acceso uno e sono tornato allegro. Anche l’infiammazione al palato è diminuita.

Freud comprendeva certamente le ragioni della sua dipendenza: ne parlò infatti come un un ‘comportamento di ritiro’ dalla masturbazione infantile. Ma non volle esaminare mai la cosa direttamente, non volle mai parlare della psicologia di questa dipendenza, se riferita al suo caso personale. Poco prima della sua morte, Freud lasciò a suo fratello Alexander la sua collezione di sigari : ‘un piacere che tu potrai ancora permetterti, ma purtroppo non io’.

Fonte : Cigar Aficionado

Giuliana Proietti

Pierre Janet

Freud e Janet: storia di un’ingiustizia

Pierre Janet anticipò molte delle teorie di Freud, ma oggi pochi ne conoscono il nome. Sopra: Pierre Janet Provate a ...
Leggi Tutto
isteria

Tutto sull’isteria

L'isteria è una sindrome nevrotica dal quadro clinico molto eterogeneo, caratterizzato da sintomi fisici senza base organica. Ciò ha indotto ...
Leggi Tutto

Freudiana Declino di Charcot e ascesa di Bernheim

A sinistra: Hyppolite Bernheim Charcot era famoso presso i suoi contemporanei per la sua attività legata all'isteria e all'ipnotismo. Il ...
Leggi Tutto
Berggasse 19

Berggasse 19: casa Freud

Sopra: Berggasse a Vienna Nell'estate del 1891, la famiglia Freud traslocò nell'appartamento di Berggasse 19, nel IX distretto comunale di ...
Leggi Tutto
Charcot

Freud a scuola da Charcot

Freud e l'occasione della vita: apprendere l'ipnosi da Charcot Sopra: Charcot alla Salpétrière Il 18 luglio del 1885 Freud, in ...
Leggi Tutto

Sigmund Freud e la sua Principessa

Sopra: Freud e Martha nel 1886 Freud aveva incontrato Marta Bernays, si era innamorato e fidanzato con lei nel giugno ...
Leggi Tutto

Freud ed i suoi sigari

Quando il nipote di Sigmund Freud, Harry, rifiutò l’offerta di un sigaro da parte dello zio, da questi si sentì ...
Leggi Tutto
Freud e la madre

Freud e la madre

Sopra: Freud, 17 anni con la madre Amalia Il giovane Freud, primo figlio della famiglia di Jacob Freud e Amalie ...
Leggi Tutto

Freudiana – Gli anni della formazione di Freud

La famiglia di Jacob Freud, trasferitasi a Vienna, non raggiunse mai la sicurezza economica, ma riuscì però a garantire al ...
Leggi Tutto

Freudiana: Freud e l’ebraismo

Pur non essendo stato allevato alla maniera ebraica ortodossa e non essendo in grado di leggere l’ebraico, Freud conservò un ...
Leggi Tutto
famiglia Freud

Freudiana : La famiglia Freud

1866 A sinistra: Jacob e Sigmund Freud Il 24 luglio 1844 Abraham Siskind Hoffman, un mercante ebreo residente nella città ...
Leggi Tutto
ottocento

Freudiana: L’ambiente culturale nella prima metà dell’Ottocento

Prima metà dell'Ottocento: l'ambiente culturale Collana Freudiana. - Romanticismo L’illuminismo aveva ‘rischiarato’ la mente degli uomini, liberandoli dalle tenebre dell’ignoranza, ...
Leggi Tutto
Storia

Freudiana: la storia sullo sfondo

La storia dell'Austria al tempo della nascita di Freud Il Congresso di Parigi si riunì nella capitale francese dal 25 febbraio al ...
Leggi Tutto
ebraismo

Freudiana La condizione degli ebrei al tempo di Freud

L'ebraismo al tempo di Freud Per la collana Freudiana parliamo della condizione degli ebrei nei paesi europei al tempo della ...
Leggi Tutto
Pribor

Freudiana: Freiberg / Příbor, il paese dove è nato Freud

Pribor: la città natale di Freud Il viaggio alla scoperta di Freud comincia dal luogo della sua nascita: Austria, città ...
Leggi Tutto
Scienza ed arte

Freudiana: la scienza sullo sfondo

La scienza al tempo di Freud Conosciamo, per la collana Freudiana, dove era arrivata la scienza nel periodo di Freud ...
Leggi Tutto

Freudiana L’ebraismo

Freudiana: Il debito di Freud verso l'ebraismo Il termine indica le credenze religiose, le tradizioni culturali, i rituali, i vincoli ...
Leggi Tutto
Arte al tempo di Freud

Freudiana L’arte al tempo di Freud

Che tipo di arte andava di moda al tempo di Freud? Collana Freudiana  La rivoluzione industriale cominciava a distruggere le tradizioni ...
Leggi Tutto
Freudiana

Freudiana: presentazione

Freudiana Comincia oggi una serie di articoli dedicati a Freud e alla sua opera. Questo è il primo post. In ...
Leggi Tutto

Freudiana – La libido

Freudiana. Informazioni sul concetto di Libido "Libido" è un termine latino, che significa ‘desiderio’. Nella letteratura psicoanalitica, il termine può ...
Leggi Tutto
Sigmund Freud

Sigmund Freud: la biografia

La nascita Nacque il 6 Maggio 1856 in Moravia, a Freiberg, da una modesta famiglia ebrea. A causa del crescente ...
Leggi Tutto
libri di Freud

Libri di Sigmund Freud

Recensioni dei libri di Sigmund Freud Libri di Sigmund Freud a cura della Redazione di Psicolinea.it ● Sigmund Freud, L’INTERPRETAZIONE ...
Leggi Tutto

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.