Ex gay: la terapia riparativa non funziona

Share Button

terapia riparativaNel 2001 lo psichiatra americano Robert Spitzer condusse uno studio nel quale si affermava che era possibile, attraverso la psicoterapia, cambiare l’orientamento sessuale delle persone, cioè far diventare eterosessuali gay e lesbiche. La notizia è che lo psichiatra ha ora completamente ritrattato le conclusioni di quello studio.

Spitzer ha detto in un’intervista ad American Prospect: ‘Con il senno di poi devo ammettere che le critiche erano in gran parte corrette. I risultati dello studio possono essere ritenuti validi per i soggetti che si sono sottoposti a quella terapia, ma non possono essere generalizzati.’

Wayne Besen, autore di Anything But Straight: Unmasking the Scandals and Lies Behind the Ex-Gay Myth (Tutto fuorché eterosessuale: smascherare gli scandali e le bugie dietro il mito degli ex-gay), ha dichiarato all’ Huffington Post: ‘Il ripudio dello studio del 2001 da parte del Dr Spitzer è un terremoto, che mina profondamente la validità delle terapie ex-gay”.

Con questo ripudio, Spitzer ha praticamente tolto l’ultima gamba allo sgabello già traballante nel quale i proponenti delle terapie “ex-gay” basavano i successi delle loro terapie.

Lo studio infatti dichiarava che su 200 omosessuali, gay e lesbiche, che avevano ricevuto il trattamento, il 78% degli uomini e il 95% delle donne avevano cambiato il loro orientamento sessuale.  Peraltro, sono diversi anni che Spitzer si mostra scettico sulla validità di questi trattamenti, tanto che anche noi ne avevamo dato notizia diversi anni fa, ma ora evidentemente anche gli ultimi dubbi residui dello psichiatra sono svaniti.

Lo studio era stato considerato credibile per vari fattori: in primis era stato condotto presso la prestigiosa Columbia University di New York e poi convinceva il curriculum del Prof. Spitzer, il quale aveva contribuito, nel 1973, a togliere l’omosessualità dalla lista delle malattie psichiatriche elencate nel DSM (manuale pubblicato dall’American Psychiatric Association).

Spitzer aveva insistito sul fatto che il suo studio era valido e che molti gay chiedevano loro stessi di essere aiutati a diventare eterosessuali, per superare i problemi sociali ed emotivi che tale condizione comportava. All’epoca Spitzer dichiarò: “L’attuale convinzione, politically correct, è che questa terapia non funzioni. Io penso che non funzioni in molti casi, ma in alcuni casi devo dire che si, funziona”, aggiungendo che in alcuni soggetti i cambiamenti nell’orientamento sessuale erano “sostanziali e credibili”.

Nello studio del Prof. Spitzer furono coinvolti 143 gay e 57 lesbiche, che si sottoposero volontariamente alla “terapia riparativa” proposta da alcune organizzazioni religiose. La terapia riparativa consiste in tecniche psicologiche che richiedono grande sforzo per non “cadere in tentazione” con persone dello stesso sesso, coinvolgendosi in attività sociali con donne e uomini assolutamente e convintamente eterosessuali.

Nello studio, pubblicato da Archives of Sexual Behaviour, veniva chiesto ai soggetti se la terapia riparativa avesse funzionato per loro e le risposte, come si è detto, furono in gran parte positive, dal momento che essi si dicevano diventati eterosessuali, soprattutto le donne.

Le organizzazioni omosessuali presero immediatamente le distanze da questo studio e dalla terapia riparativa, proponendo  provocatoriamente di studiare se tale terapia funzionasse anche al contrario, facendo diventare omosessuali gli eterosessuali.

Le critiche al lavoro del Professor Spitzer soprattutto riguardarono il campione dei soggetti coinvolti: tutte persone fortemente interessate e motivate a cambiare il loro orientamento sessuale

A quanto riporta il New York Daily News, Spitzer, che ha oggi  79 anni e soffre del morbo di Parkinson, ha chiesto di pubblicizzare il suo ripudio dello studio, per non avere rimorsi.

Dr. Giuliana Proietti

Fonte:

Psychiatrist retracts controversial study that claimed gay men and women can be turned heterosexual by therapy,
Daily Mail

Immagine:

Andrew Ciscel, Flickr

SONDAGGIO

Un gay può cambiare orientamento sessuale con una psicoterapia e la frequentazione di sole persone eterosessuali?

Dr. Giuliana Proietti
Seguimi su:

Dr. Giuliana Proietti

Psicoterapeuta Sessuologa at Ellepi Associati | Ancona - Terni
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice del sito Clinica della Timidezza e Clinica della Coppia e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e il loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Biografia completa: qui

Per appuntamenti e collaborazioni: 347 – 0375949 Ancona e Terni
Tweets di @gproietti
Dr. Giuliana Proietti
Seguimi su:

Latest posts by Dr. Giuliana Proietti (see all)

Facebook Comments

About Dr. Giuliana Proietti

● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni) ● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it ● Saggista e Blogger ● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale ● Conduzione seminari di sviluppo personale ● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici ● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale) ● Co-fondatrice del sito Clinica della Timidezza e Clinica della Coppia e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e il loro legame con la sessualità. Scrive in un Blog sull'Huffington Post Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti Biografia completa: qui Per appuntamenti e collaborazioni: 347 – 0375949 Ancona e Terni Tweets di @gproietti

4 thoughts on “Ex gay: la terapia riparativa non funziona

  1. Pingback: “terapie riparative” un incontro oggi a Palermo: informiamoci « Arcigay Palermo

  2. Pingback: Terapie riparative?Mi sono sbagliato non servono a nulla. | Agedo

  3. ilGrandeColibrì

    Purtroppo anche in Italia esistono psicologi che praticano questo tipo di terapie, inefficaci e dannose, e vengono anche pubblicizzati da alcuni quotidiani nazionali… Il potere dei gruppi legati agli “ex-gay” è dimostrato dallo scandalo di questi giorni: a Londra si è scoperto che alcuni importanti parlamentari si giovavano del lavoro gratuito fornito da un’associazione integralista cristiana che ha come proprio primo obiettivo quello di diffondere la “scienza” di Joseph Nicolosi… (link: Terapie riparative ed ex gay)

    Reply
  4. francesco t

    lo studio di spitzer non era considerato credibile. solo narth e compagnia lo ritenevano tale.

    lo studio si basò unicamente su un indagine telefonica, con una stragrande maggioranza di soggetti provenienti da narth e compagnia.

    spitzer oltretutto non ha difeso la terapia riparativa. ha espressamente dichiarato che essa per la stragrande maggioranza dei casi è inefficace e può risultare dannosa per chi la prova.
    più volte ha incitato focus on the family e la narth a non decontestualizzare la sua ricerca, e a non strumentalizzarla o peggio usarla con lo scopo di negare diritti ai gay o indicare l omosessualità come una scelta.

    la narth e compagnia, come al solito, hanno stravolto ricerche gia di per sè senza fondamento scientifico, falsando peraltro l opinione stessa del ricercatore.
    altre volte e in svariati casi hanno falsato le ricerche volutamente, così come in molti casi hanno omesso importanti passaggi di varie ricerche al solo scopo di tirare acqua al proprio mulino.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *