Ancona, Marche, Italy
0039 347 0375949
psicolinea@psicolinea.it

Narcisismo su Facebook

Sito di psicologia, online dal 2001

Created with Sketch.

Narcisismo su Facebook

Social Networking

Facebook, (così come Myspace), è un social network dove le persone possono inserire il loro profilo, la loro foto, parlare delle cose di cui si occupano, ecc. e condividerle con altri amici virtuali.

I ricercatori dell’Università della Georgia hanno scoperto che le persone più narcisiste usano Facebook per promuoversi al meglio. Autrice della ricerca è Laura Buffardi, insieme al Prof. W. Keith Campbell.

La ricerca, che appare nel numero di Ottobre della rivista Personality and Social Psychology Bulletin, si basa sulla compilazione di 130 questionari da parte di altrettanti utilizzatori di Facebook.

I ricercatori hanno scoperto una correlazione fra particolari persone che usano Facebook e soggetti che hanno una personalità narcisista. I narcisi si fanno infatti conoscere sul web con delle immagini particolari, molto accurate. Perfino degli osservatori inesperti, nella ricerca citata, sono riusciti a scoprire chi era un tipo narcisista e chi no, a partire dalla pagina che l’utilizzatore aveva allestito sul social network.

Le cose su cui si sono concentrati gli osservatori sono state: quantità di interazione sociale (quanti amici, quanti contatti, ecc.), aspetto della persona e livello di auto-promozione nella foto principale, utilizzata per dare un’idea della propria personalità.

Il Narcisismo, secondo il Prof. Campbell è un tratto interessante di personalità, perché riguarda la modalità in cui queste persone stabiliscono relazioni di lunga durata. I tipi narcisisti, secondo Campbell, all’inizio possono sembrare affascinanti, ma alla fine ci si accorge che essi usano le persone per trarne un vantaggio personale ed in questo modo nuocciono agli altri, oltre che a sé stessi.

Facebook ha oggi 100 milioni di utilizzatori (circa il doppio del numero degli italiani), è molto popolare fra gli studenti e per questo è stato usato per la ricerca. Ovviamente, dicono i ricercatori, non tutti coloro che usano questi social network sono dei narcisi, ma i narcisi usano Facebook così come fanno nella vita, dando maggiore enfasi alla quantità piuttosto che alla qualità delle amicizie.

Fonte: University of Georgia, via Science Daily

Dott.ssa Giuliana Proietti

Mix

ciclotimia

Ciclotimia e disturbo bipolare

La ciclotimia e il disturbo bipolare: di cosa si tratta? Il disturbo bipolare consiste nell'oscillazione fra due polarità. Ad oscillare ...
Leggi Tutto
complesso edipico

Il Complesso edipico: di cosa si tratta?

Complesso edipico: di cosa si tratta? Nella teoria psicoanalitica il complesso di Edipo riguarda un desiderio infantile di coinvolgimento sessuale ...
Leggi Tutto
Matilde di Canossa

Matilde di Canossa: la donna più potente del Medioevo

Matilde di Canossa è senz'altro una delle figure femminili più interessanti dell'alto medioevo; basti pensare che questa donna cominciò a ...
Leggi Tutto

Psicoterapia: istruzioni per l’uso

Non tutti quelli che decidono di voler iniziare una psicoterapia hanno chiaro in mente cosa li attende. Non tutti sanno ...
Leggi Tutto
l'abbraccio

L’abbraccio come forma di comunicazione

L'abbraccio: una definizione Abbracciare significa cingere, afferrare, serrare con le braccia una persona, per lo più in segno di affetto ...
Leggi Tutto
infertilità

Infertilità: aspetti psicologici

Differenza fra sterilità e infertilità La sterilità è l'incapacità assoluta di concepire, mentre l'infertilità riguarda l'impossibilità di concepire, o portare a termine la ...
Leggi Tutto
cocaina

Cocaina: cosa è, come funziona

Cocaina: che cosa è La cocaina è una sostanza stupefacente. Agisce come stimolante del sistema nervoso centrale, è vasocostrittore ed anestetico, con ...
Leggi Tutto
Ansia

Ansia: come riconoscerla, come curarla

Perché i disturbi dell'ansia Dalla notte dei tempi e ben prima che nascesse la disciplina psicologica, l'ansia viene considerata una ...
Leggi Tutto
disturbo bipolare

Disturbo bipolare: come aiutare chi ne soffre

Disturbo bipolare: di cosa si tratta Il disturbo bipolare è una patologia psichiatrica, caratterizzata dall’alternanza, talvolta anche repentina, di depressione, euforia o ...
Leggi Tutto
Colette

Colette: una vita da film

Colette scrisse una ottantina di libri, ma non solo per questo è un vero e proprio mito letterario, soprattutto in ...
Leggi Tutto
disturbo ossessivo compulsivo

Potresti soffrire di disturbo ossessivo compulsivo? Test

Potresti soffrire di disturbo ossessivo-compulsivo? Ti presentiamo questo test, per aiutarti a capirlo e come punto di riferimento. Si    No  ...
Leggi Tutto
sua madre

Io, lui e sua madre – Consulenza on Line

Il problema: sua madre Gentile Dottoressa, sono sposata da 1 anno e qualche mese, dopo 2 di convivenza e 6 ...
Leggi Tutto
Presidente Schreber

Freud, il caso del presidente Schreber, la paranoia

Il Presidente Schreber, alias Daniel Paul Schreber (sopra), Presidente della Corte di Appello di Dresda, pubblicò un libro – nell'anno ...
Leggi Tutto
Consulenza psicologica

Chiedi una Consulenza Psicologica su Psicolinea!

Come fare richiesta di Consulenza psicologica - sessuologica gratuita su Psicolinea? Devi semplicemente inserire la tua richiesta nei commenti a ...
Leggi Tutto

Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Psicoterapeuta Sessuologa
ANCONA FABRIANO CIVITANOVA MARCHE
Per appuntamenti: 347 0375949 - g.proietti@psicolinea.it

E' possibile anche fissare degli appuntamenti Via Skype.
https://www.psicolinea.it/sostegno-psicologico-distanza/

Per leggere il CV:
https://www.psicolinea.it/dr-giuliana-proietti_psicologa_sessuologa_ancona/

Per vedere dei videofilmati su YouTube
https://www.youtube.com/user/RedPsicCdt

Per la pagina Facebook
https://www.facebook.com/Giuliana.Proietti.Psicosessuologia

Per il Profilo Facebook
https://www.facebook.com/giuliana.proietti.psicologa

4 risposte

  1. Anonymus ha detto:

    è questa la cosa che odio di Facebook: il narcisismo. Tutti che si montano la testa anche per una scorreggia….Per non parlare di quando commentano un’immagine in una pagina, tutti che credono di essere Dio sceso in Terra -.-” Ma come ben sappiamo tutti, è facile fare il fighetto in un social network, la cosa che vale di più è come sei nella vita reale, perchè montarti la testa in un social network non ti renderà la persona migliore del mondo..

  2. Anonymous ha detto:

    Facebook è la vera causa per cui oggi non esistono più dei contatti decenti tra umani. E facile nascondere le proprie paure sul web, facendo credere agli altri di stare bene e di essere una persona “affascinante”, quando invece nella vita reale sei solo una persona debole e fragile. LA VITA VERA E FUORI DALLO SCHERMO……..

  3. Anonymous ha detto:

    Buona Sera sono una studentessa di scienze della comunicazione e sono particolarmente interessata alla ricerca della Dott.ssa Buffardi.. dove è possibile reperire il materiale della ricerca?…
    Ringraziandola anticipatamente…Distinti Saluti e buon lavoro!

  4. elda ha detto:

    Il mio non è un commento sull’argomento, ma non so come utilizare diversamente il suo blog.
    Vorrei proporre una discussione sullo stress da computer che, salvo errore, non ho visto essere stato trattato fino ad ora da Lei, e per il quale vorrei una sua opinione.
    Qualche giorno l’argomento è stato trattato da “Medicina 33”, rotocalco del Tg2 e mi ha suscitato molto interesse, per le implicazioni sociali che ne scaturiscono.
    Medici e psicologi dicono che stare davanti al computer per tanto tempo (5-10 ore), come hanno detto le persone soprattutto giovani intervistate, può portare ad una vera e propria malattia che si manifesta nell’ansia, nervosismo, ossessione, ecc. Molta gente non vede l’ora di andare a casa o di rimanerci per collegarsi a internet, e c’è che lo fa per lavoro…una droga.
    Ci si difende dicendo che oggigiorno non si ha tempo a disposizione ed internet è una finestra sul mondo, permette in poco tempo di sapere tutto ciò che succede in giro. Secondo me però alla fine diventa come la televisione; subiamo passivamente quello che vogliono proporci. Dico questo perché anche i siti maggiori cercano di attirare l’utente mostrando foto con esibizione di “tette” della belloccia di turno. Non vedo tanta differenza rispetto alla tele. Qua assistiamo a trasmissioni demenziali basate sul gossip. Forse il problema è che siamo tutti malati di gossip e quindi non ci dobbiamo stupire se “Libero” e “Repubblica” ecc. vogliono attirare la nostra attenzione su queste cose. Del resto in televisione solo certi tg, come Euronews, trasmettono notizie importanti, ad esempio sulle guerre astenendosi dai giudizi. Su internet dovremmo cercarle certe notizie ma non lo facciamo.
    ultima cosa, non meno rilevante…finalmente abbiamo tirato giù le nostre carte: possiamo fare a meno degli altri, stiamo bene con il nostro amico “arturo” (è il nome che ho dato al pc), . Anche il sesso via internet è possibile, con gli amici reali si può chattare… si risparmia tempo.
    Cosa ne pensa?
    Vogliamo imparare a usufruire nel modo migliore di questi innegabili benefici che derivano dalla rete? non sarebbe necessaria un’educazione come si deve a scuola sui vantaggi? Non lasciamo i giovani da soli a navigare su mari sconosciuti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Ti piace Psicolinea? Seguici anche sui Social ;-)

RSS
Facebook
YouTube
Instagram