Share Button

Freud SignorelliNel 1897, ad Orvieto, piccola cittadina umbra, Sigmund Freud ebbe una rivelazione. Nella cattedrale della città, davanti alla rappresentazione del giudizio universale del pittore rinascimentale Luca Signorelli, lo psicoanalista, che aveva allora 41 anni, sentiva di aver trovato “la più grande” rappresentazione del tema che avesse mai visto, fino ad allora. L’affresco, intenso e violento,
portava con sé una strana energia sessuale, e per questo restò scolpito nella sua mente. Tuttavia, alla sua partenza, con sua immensa frustrazione, Freud non riuscì a ricordare il nome dell’artista.

Di questo viaggio di Freud a Orvieto ne parla Nicholas Fox Weber, uno scrittore americano, nel suo nuovo libro, Freud’s Trip to Orvieto), Bellevue Literary Press.

In 48 brevi capitoli, Weber ripercorre l’esperienza di Freud nel dimenticare il nome del’artista. Con sua grande meraviglia infatti, Freud poteva ricordare benissimo alcuni dettagli dell’affresco, perfettamente scolpiti nella sua mente, ma non l’autore del dipinto. Il padre della psicoanalisi non poteva spiegarsi la ragione di questa memoria selettiva e su di essa fece molte riflessioni.

In un primo momento pensò che l’opera fosse di Sandro Botticelli o di Giovanni Antonio Boltraffio, ma poi capì che stava semplicemente confondendo i cognomi. L’episodio divenne un momento chiave nella sua carriera, tanto che ne parlò nel suo “Meccanismo psichico della dimenticanza” (1898), a proposito dei nomina propria. Lo psicologo viennese attraverso questo esempio spiegava i meccanismi attraverso i quali la mente, pur ricordando perfettamente immagini e sensazioni di opere d’arte, può dimenticare i nomi propri degli artisti che le hanno prodotte.

Al posto del Signorelli si presentarono infatti alla mente di Freud delle formazioni sostitutive e cioè quelle dei pittori Botticelli e Boltraffio, che rappresentano uno spostamento dal termine rimosso. Quando il nome mancante ‘Signorelli’ gli venne comunicato da altri, Freud lo riconobbe e poté così ricostruire, a posteriori, gli spostamenti che avevano portato sino al nome di Boltraffio. In questo processo i nomi sono trattati in modo analogo alle lettere di una frase trasformata in rebus: non solo le parole che si associano fra loro, ma pezzi, frammenti di parola, che rimandano dall’una all’altra lungo un reticolo nelle cui intersezioni trapela il contenuto rimosso, strettamente connesso a vissuti fondamentali come la sessualità e la morte.

L’interesse iniziale di Weber non era quello di scrivere un saggio su Freud. Al contrario, voleva parlare di sé stesso e delle sue esperienze personali. ,”A 16 anni ero molto attratto da una amica di mia madre molto giovane e seducente”, racconta Weber per spiegare la genesi del libro. “Lei riusciva a farmi sentire consapevole di ciò che significava essere un uomo quando ero ancora nella pubertà”. In un cocktail party organizzato dai suoi genitori nel 1964, l’autore ricorda di aver osservato questa donna avviarsi verso i Karpes – degli amici di famiglia psicoanalisti, che sembravano molto diversi da tutti gli altri, e iniziare una conversazione con loro. Questo per raccontare a che cosa associa la psicoanalisi nelle sue memorie.

Il libro di Weber è dunque un’occasione per disegnare una galleria di ritratti eleganti, che combina liberamente la storia dell’arte con i ricordi personali e la psicoanalisi. Weber sostiene nel libro che Freud era così colpito dal lavoro di Signorelli in quanto sentiva che, come ebreo, “apparteneva ai dannati”, coloro cioè che, come nella rappresentazione del Signorelli del Giudizio Universale, dopo morti sarebbero stati gettati all’inferno.

Il libro non è stato pubblicato in italiano, ma è reperibile in inglese.

Dr. Walter La Gatta

Fonte:
The Art Newspaper

Immagine:
Giudizio Universale del Signorelli, Wikipedia

Facebook Comments


Libero professionista ad Ancona e Terni

Si occupa di:

Psicoterapie individuali e di coppia
Terapie Sessuali (Delegato Regionale del Centro Italiano di Sessuologia per le Regioni Marche e Umbria) 
Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

Riceve ad Ancona,Terni e via Skype, su appuntamento.

Per appuntamenti telefonare direttamente al: 348 – 331 4908

Co-fondatore dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta

Tweets di @Walter La Gatta

Visita il nostro Canale
YouTube

Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierlo come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

ARTICOLI CORRELATI:

Freud in vita e in morte
Freud aveva molta paura della morte. Il suo tormentato rapporto con questo evento ineluttabile si manifestava attraverso molte fobie, ossessioni e somatizzazioni. Ricordiamo infatti ...
Quando Anna Freud visitò la casa natale del padre (1931)
Nel 1931 gli psicoanalisti Nicolaj Osipov, Jaroslav Stuchlik ed Eugen Windholz, del gruppo di Kaschau, ebbero l'idea di apporre una targa commemorativa nella casa ...
Sofocle, Shakespeare, Edipo, Amleto e Freud: scopriamo la liaison
A sinistra: Amleto Freud nella Interpretazione dei Sogni (1899) analizza i casi di Edipo e di Amleto, trovandovi delle affinità riguardo ai sentimenti e ai ...
1893 La comunicazione preliminare
Nella Comunicazione Preliminare, Freud e Breuer estesero il concetto di isteria traumatica di Charcot all'isteria in generale. I sintomi isterici - essi dissero - ...
Freud: dall’ipnosi alla tecnica della libera associazione
A sinistra: il divano di S. Freud Secondo molti studiosi della psicoanalisi, Freud abbandonò l'ipnosi per diverse ragioni: 1. Il richiamo alla mente di ricordi traumatici ...
Freud: nascita del concetto di ‘resistenza’
Freud, nei suoi casi clinici, si rese conto di aver incontrato un ostacolo, una 'resistenza', ogni volta che cercava di scoprire i ricordi dimenticati: ...
Quando la libreria scricchiolò e Freud e Jung ebbero paura degli spiriti
A sinistra: la libreria di Freud. Nel Marzo 1909 Carl Jung, insieme alla moglie Emma andarono a trovare i Freud presso la casa di Berggasse ...
Hilda Doolittle
  di Giuliana Proietti Hilda Doolittle, ancora poco conosciuta in Italia, è una poetessa americana, la cui biografia appare veramente incredibile, ricca come è di viaggi, ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *