suicidio

Giovani e suicidio: la situazione in Italia

In Italia il suicidio è la seconda causa di morte tra i giovani. Secondo l’Osservatorio Nazionale Adolescenza i tentativi di suicidio da parte dei teenager in due anni (dal 2015 al 2017) sono quasi raddoppiati: si è passati dal 3,3% al 5,9%, ovvero 6 su 100 di età tra i 14 e i 19 anni hanno provato a togliersi la vita. Un dramma che riguarda soprattutto le ragazze (71%). Il 24% degli adolescenti ha invece pensato almeno una volta a un gesto estremo.

Comportamento suicidario: definizioni

L’ideazione suicidaria si riferisce a pensieri di suicidio o alla volontà di togliersi la vita. Il comportamento suicidario si riferisce alle azioni intraprese da un soggetto che sta valutando o preparandosi a causare la propria morte. Il tentativo di suicidio si riferisce a un gesto atto a provocare la propria morte che non ha avuto successo nel suo intento. Il suicidio si riferisce all’aver causato intenzionalmente la propria morte.

Cosa provoca il desiderio di suicidio negli adolescenti?

L’adolescenza è un periodo dello sviluppo in cui avvengono importanti cambiamenti: nel corpo, nei pensieri e nei sentimenti. L’adolescente è preda di forti sentimenti di stress, confusione, paura e incertezza. Per alcuni adolescenti, i normali cambiamenti dello sviluppo, se sono aggravati da altri eventi o cambiamenti, nelle loro famiglie o nelle amicizie, così come difficoltà a scuola o nelle relazioni sociali, può essere molto sconvolgente. I problemi possono sembrare troppo difficili o imbarazzanti da superare per cui  per alcuni, il suicidio può sembrare una soluzione.

Il tentativo di suicidio

Il tentativo di suicidio può dipendere da un atto improvviso, ma può anche seguire un periodo di depressione. Infine, può essere un atto di emulazione, se si è visto qualcuno che abbia messo in atto questo comportamento nel proprio ambiente familiare o sociale. Molti ragazzi si fanno del male, ma non allo scopo di uccidersi realmente: è solo un modo per richiamare l’attenzione degli adulti. Alcuni ragazzi infatti si sentono particolarmente vulnerabili; essi avvertono che qualcosa nella loro vita non sta andando nel giusto verso e questo li conduce a provare costantemente un forte stato di ansia. Appena qualcosa fuori del comune succede, come ad esempio il non riuscire ad entrare in un gruppo, essere derisi dai compagni ecc., lo sconforto può essere tale da spingere verso questo atto estremo, per ricevere attenzione. I ragazzi che tentano il suicidio in genere si sentono poco ‘normali’, non riescono a fare quello che fanno gli altri o a reagire nel modo opportuno: sono fragili, si fanno prendere facilmente dalla depressione.

Quanto incidono gli episodi di bullismo?

Non è il bullismo in sé a causare ansia nel ragazzo, ma il modo in cui egli reagisce a questi atti di sopraffazione fra compagni. Qualsiasi tipo di risposta, aggressiva o passiva, potrebbe far provare al ragazzo un senso di fallimento, di incapacità.

Cosa si sa del suicidio degli adolescenti?

Le ricerche scientifiche sul tema hanno scoperto quanto segue:

  • Ci sono 25 tentativi di suicidio per ogni suicidio completato, con un rapporto ancora più alto fra i giovani;
  • I più forti fattori di rischio per il tentativo di suicidio in gioventù sono: depressione, abuso di sostanze e comportamenti aggressivi o molesti;
  • I maschi hanno probabilità 4 volte maggiori di morire per suicidio rispetto alle femmine;
  • Le ragazze hanno maggiori probabilità di tentare il suicidio rispetto ai ragazzi.

Quale è il periodo più a rischio?

Il periodo più a rischio è quello dell’inizio della scuola superiore. Questo è il momento in cui gli adolescenti tentano di stabilire quale è il loro posto nel mondo, come entità separate e non come semplici ‘figli di qualcuno’. E’ questa l’età in cui imparano nuove abilità, come quella di discriminare fra ciò che è socialmente accettabile e ciò che non lo è; è questo il momento in cui rinforzano la loro autostima. Se qualcosa va storto nella vita del ragazzo, è bene che i genitori lo seguano e lo aiutino a superare il suo periodo di difficoltà.

Quali sono i maggiori fattori di rischio per il suicidio?

I fattori di rischio per il suicidio variano a seconda dell’età, del genere, delle influenze culturali e sociali e possono variare nel tempo. I maggiori fattori di rischio sono:

  • Uso di sostanze;
  • Comportamenti impulsivi;
  • Eventi indesiderati della vita o perdite recenti (ad esempio, il decesso o il divorzio dei genitori);
  • Storia familiare di suicidio;
  • Violenza in famiglia, incluso abuso fisico, sessuale, verbale o psicologico;
  • Precedenti tentativi di suicidio;
  • Armi da fuoco in casa;
  • Carcere;
  • Esposizione al comportamento suicidario di altri, inclusi familiari, colleghi, o notizie di suicidio di persone sconosciute.

Segnali di allarme

I segnali di allarme che possono destare sospetti, specialmente se si presentano associati sono:

  • Cambiamenti nelle abitudini alimentari e disturbi del sonno;
  • Perdita di interesse nelle attività abituali;
  • Ritiro da amici e familiari;
  • Tentativi di fuga;
  • Uso di alcool e droghe:
  • Trascuratezza nell’aspetto personale;
  • Assunzione di rischi non necessari;
  • Pensieri sulla morte e il morire;
  • Aumento dei disturbi fisici associati frequentemente a disagio emotivo, come mal di stomaco, mal di testa e stanchezza;
  • Perdita di interesse a scuola;
  • Sentimenti di tristezza e di noia;
  • Difficoltà di concentrazione;
  • Mancanza di piacere nel ricevere lodi;
  • Frasi tipo:  “Voglio uccidermi” o “Mi suiciderò”,  “Non sarò un problema per lungo tempo” o “Se mi succede qualcosa, voglio che tu sappia …”;
  • Regalare o buttare via i suoi oggetti preferiti;
  • Allegria ingiustificata dopo un periodo di depressione;
  • Espressione di pensieri bizzarri;
  • Tentativi o minacce di suicidio.

Cosa fare

Prendere sempre sul serio ogni segnale di allarme e parlarne con un terapeuta. Il trattamento varia a seconda dell’età del ragazzo, del suo stato di salute generale, della serietà dei suoi pensieri o del tentativo di suicidio, ecc. Una valutazione completa dell’adolescente e della famiglia contribuisce a prendere le migliori decisioni relative alle sue esigenze di trattamento. Le raccomandazioni terapeutiche possono riguardare una terapia individuale per l’adolescente, oppure una terapia familiare e,
se necessario, un ricovero prolungato per fornire all’adolescente un ambiente sorvegliato e sicuro.

Prevenzione del suicidio

Il riconoscimento e l’intervento precoce nei disturbi psicologici adolescenziali  (gestione dell’ansia, dello stress e dei comportamenti aggressivi), così come nei comportamenti di abuso di sostanze è il modo più efficace per prevenire il suicidio.

I genitori conoscono il carattere dei figli, sanno che possono essere più o meno estroversi, ma ciò cui devono stare soprattutto attenti è il silenzio, il ritiro dalla vita sociale. Se si vede che il ragazzo cambia comportamento, diventa aggressivo oppure irritabile, facile al pianto, non bisogna lasciarsi sfuggire l’occasione di tentare di aprire un dialogo e soprattutto ascoltare, senza giudicare. E’ importante mantenere una comunicazione aperta, sia con il ragazzo sia con i suoi amici.

Dott.ssa Giuliana Proietti

 

Adolescenza

Editore: Xenia, Collana: I tascabili
Anno edizione: 2004 Pagine: 128 p., Brossura
Autori: Giuliana Proietti – Walter La Gatta

Immagine
Pexels

Mix

ciclotimia

Ciclotimia e disturbo bipolare

La ciclotimia e il disturbo bipolare: di cosa si tratta? Il disturbo bipolare consiste nell'oscillazione fra due polarità. Ad oscillare ...
Leggi Tutto
complesso edipico

Il Complesso edipico: di cosa si tratta?

Complesso edipico: di cosa si tratta? Nella teoria psicoanalitica il complesso di Edipo riguarda un desiderio infantile di coinvolgimento sessuale ...
Leggi Tutto
Matilde di Canossa

Matilde di Canossa: la donna più potente del Medioevo

Matilde di Canossa è senz'altro una delle figure femminili più interessanti dell'alto medioevo; basti pensare che questa donna cominciò a ...
Leggi Tutto
hiv

Aids: conoscerlo ed evitarlo

Che cosa significa il termine "AIDS"? AIDS è un acronimo inglese (SIDA in francese) usato per definire la "sindrome da ...
Leggi Tutto

Psicoterapia: istruzioni per l’uso

Non tutti quelli che decidono di voler iniziare una psicoterapia hanno chiaro in mente cosa li attende. Non tutti sanno ...
Leggi Tutto
l'abbraccio

L’abbraccio come forma di comunicazione

L'abbraccio: una definizione Abbracciare significa cingere, afferrare, serrare con le braccia una persona, per lo più in segno di affetto ...
Leggi Tutto
infertilità

Infertilità: aspetti psicologici

Differenza fra sterilità e infertilità La sterilità è l'incapacità assoluta di concepire, mentre l'infertilità riguarda l'impossibilità di concepire, o portare a termine la ...
Leggi Tutto
cocaina

Cocaina: cosa è, come funziona

Cocaina: che cosa è La cocaina è una sostanza stupefacente. Agisce come stimolante del sistema nervoso centrale, è vasocostrittore ed anestetico, con ...
Leggi Tutto
disturbi dell'ansia

I disturbi dell’ansia

Perché i disturbi dell'ansia Dalla notte dei tempi e ben prima che nascesse la disciplina psicologica, l'ansia viene considerata una ...
Leggi Tutto
disturbo bipolare

Disturbo bipolare: come aiutare chi ne soffre

Disturbo bipolare: di cosa si tratta Il disturbo bipolare è una patologia psichiatrica, caratterizzata dall’alternanza, talvolta anche repentina, di depressione, euforia o ...
Leggi Tutto
Colette

Colette: una vita da film

Colette scrisse una ottantina di libri, ma non solo per questo è un vero e proprio mito letterario, soprattutto in ...
Leggi Tutto
disturbo ossessivo compulsivo

Potresti soffrire di disturbo ossessivo compulsivo? Test

Potresti soffrire di disturbo ossessivo-compulsivo? Ti presentiamo questo test, per aiutarti a capirlo e come punto di riferimento. Si    No  ...
Leggi Tutto
sua madre

Io, lui e sua madre – Consulenza on Line

Il problema: sua madre Gentile Dottoressa, sono sposata da 1 anno e qualche mese, dopo 2 di convivenza e 6 ...
Leggi Tutto
Presidente Schreber

Freud, il caso del presidente Schreber, la paranoia

Il Presidente Schreber, alias Daniel Paul Schreber (sopra), Presidente della Corte di Appello di Dresda, pubblicò un libro – nell'anno ...
Leggi Tutto

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.