resistenza nei sogni
Share Button

Affrontando il problema dell‘interpretazione dei sogni, Freud avanzò una supposizione fondamentale, che era una diretta applicazione del determinismo psichico: egli suppose che i sogni avessero un significato e che il significato fosse determinato da cause specifiche. Suppose anche che il significato dei sogni potesse essere fatto risalire a queste fonti determinanti e che così potesse essere compreso il contenuto del sogno.

Freud supponeva che il significato del sogno fosse collegabile ad un avvenimento psicologico di particolare importanza per il soggetto. Cominciò ad esaminare i sogni (suoi e dei suoi pazienti), partendo dal contenuto manifesto (cioè ciò che viene ricordato) e applicò il metodo associativo, per avere accesso al contenuto latente, che rimaneva nascosto.

Anche nei sogni operava la resistenza.

Prendiamo il sogno, citato nella Interpretazione dei sogni (1899), dell’amico R.

Contenuto manifesto:
“… L’amico R. è mio zio. provo per lui una grande tenerezza”.

Le associazioni lo portarono a scoprire il seguente materiale:

Il sogno aveva avuto luogo in un periodo in cui Freud era molto interessato a sapere se avesse ottenuto o no la cattedra di professore. Egli si chiedeva con preoccupazione se il fatto di essere ebreo avrebbe potuto interferire con una nomina per la quale si sentiva qualificato dal punto di vista della capacità e del talento. Aveva saputo che due amici, anch’essi ebrei, non avevano ricevuto il desiderato incarico di professore. Uno di questi amici era R., l’altro somigliava vagamente a suo zio.
Lo zio che gli era apparso in sogno, come l’amico R., erano da Freud considerati dei cattivi soggetti: R. era una persona un po’ folle, lo zio un poco di buono.
Esaminando le associazioni fra queste due figure, Freud cominciò a riconoscere il desiderio sottostante che questi due amici non fossero stati esclusi dall’incarico semplicemente perché erano ebrei: dovevano essere stati esclusi perché uno era un pazzo ed uno un poco di buono. Nel sogno dunque vi era un mascheramento: il sogno rappresentava la gratificazione mascherata di un desiderio estremamente ostile, che questi due amici fossero considerati disprezzabili.

Poiché Freud sapeva di non essere né pazzo, né poco di buono, poteva così sentirsi libero di aspirare al ruolo di professore.

La sua prima reazione, ricordando il sogno, era stata quella di non attribuirgli alcun senso: non pensava valesse la pena di trovare delle associazioni, ma ci provò ugualmente, ricordando le resistenze che incontrava nell’interpretare i sogni dei suoi pazienti.

La comprensione del significato latente del sogno gli permise di comprendere che esistono dei desideri nascosti, inaccettabili per la coscienza ed anche delle resistenze al loro ricordo.

Conclusioni: ciò che viene rimosso è inaccettabile al pensiero conscio.
Esso viene tenuto fuori dalla coscienza mediante l’operazione di un processo dinamico.

Le prime formulazioni di Freud furono tutte volte a spiegare anzitutto questo processo dinamico.

Testo consultato:

Elizabeth Zetzel e W.W. Meissner, Psichiatria psicoanalitica, Boringhieri

Immagine: Dalì, paesaggio con farfalle

Dott.ssa Giuliana Proietti
Psicolinea.it

Il Complesso edipico

Definizione: Struttura psichica in cui si organizzano i sentimenti amorosi e ostili che il bambino avverte nei confronti dei genitori ...
Leggi Tutto
complesso edipico

Il Complesso edipico raccontato da Freud medesimo

In base alla mia esperienza, che è già molto grande, i genitori hanno la parte più importante nella vita psichica ...
Leggi Tutto
Interpretazione dei sogni

L’interpretazione dei sogni: un’autobiografia in maschera di Sigmund Freud

Il libro L'interpretazione dei sogni è pieno di allusioni ad avvenimenti e abitudini che erano familiari ai lettori della Vienna ...
Leggi Tutto
seduzione infantile

Come e perché Freud abbandonò l’ipotesi della seduzione infantile

Freud, come abbiamo visto, per un certo periodo di tempo pensò che la salute psichica dell'età adulta potesse dipendere da ...
Leggi Tutto
la seduzione infantile

L’ipotesi della seduzione infantile in Freud

L'ipotesi della seduzione infantile - cioè del trauma sessuale sotto forma di una seduzione avvenuta nella prima infanzia - fu ...
Leggi Tutto

Freud: Prefazioni a L’Interpretazione dei sogni (1899)

Prefazioni a L'interpretazione dei sogni Quando si legge il libro "L'interpretazione dei sogni", pochi si soffermano sulle prefazioni alle varie ...
Leggi Tutto
L'interpretazione dei sogni

L’interpretazione dei sogni: fasi di elaborazione del libro

L'interpretazione dei sogni: genesi di  un libro Il 31 Dicembre 1883 Freud scrisse alla fidanzata Marta che aveva fatto uno ...
Leggi Tutto
Interpretazione dei sogni

L’interpretazione dei sogni spiegata a chi non leggerà mai il libro

Il volume della Traumdeutung (Interpretazione dei sogni) uscì in realtà il 14 novembre 1899, ma l'editore preferì scrivere sul frontespizio ...
Leggi Tutto
Transfert

Freud: nascita del concetto di ‘transfert’

A differenza di Breuer, Freud non fuggì di fronte all'attrazione sessuale che le pazienti manifestavano nei suoi confronti: con sorprendente ...
Leggi Tutto
libera associazione

Freud: dall’ipnosi alla tecnica della libera associazione

A sinistra: il divano di S. Freud Secondo molti studiosi della psicoanalisi, Freud abbandonò l'ipnosi per diverse ragioni: 1. Il ...
Leggi Tutto
rimozione

Freud: la ‘rimozione’ spiegata da lui medesimo

Si è molto scritto sul concetto di rimozione in psicoanalisi, da parte di altri autori diversi da Freud, per cui ...
Leggi Tutto
Freud e il come se

Freud e il “come se”

Freud e il come se: cosa significa Freud riteneva che, una volta conseguite maggiori conoscenze sulla psiche umana, sarebbe stato ...
Leggi Tutto
rimozione

Origine del concetto di ‘rimozione’

Il termine 'rimozione', nel linguaggio psicoanalitico sta ad indicare un processo inconscio, che consente di escludere dalla coscienza determinate rappresentazioni ...
Leggi Tutto
resistenza nei sogni

Freud: Il mio amico R. e la resistenza nei sogni

Affrontando il problema dell'interpretazione dei sogni, Freud avanzò una supposizione fondamentale, che era una diretta applicazione del determinismo psichico: egli ...
Leggi Tutto
Freud

Freud: nascita del concetto di ‘resistenza’

Freud, nei suoi casi clinici, si rese conto di aver incontrato un ostacolo, una 'resistenza', ogni volta che cercava di ...
Leggi Tutto

La catarsi ed il metodo catartico

'Catarsi' in greco (kàtharsis) significa 'purificazione', ovvero liberazione dell'individuo da una contaminazione o 'miasma', visibile o invisibile, che danneggia o ...
Leggi Tutto
Studi sull'isteria

1895 Studi sull’isteria

Studi sull'isteria: agli albori della psicoanalisi A sinistra: Josef Breuer (foto aeiou) Nel 1895 fu pubblicato il libro ‘Studi sull’isteria’ ...
Leggi Tutto

Lo strano caso di Anna O.

Sopra: Berta Pappenheim, Anna O. (1880 circa) Il caso Anna O. è l’inizio di qualsiasi storia della psicoanalisi. E' così ...
Leggi Tutto
determinismo psichico

Il Determinismo Psichico in Freud

Il determinismo psichico in Freud Il ‘determinismo psichico’ è alla base della costruzione psicologica di Freud, che può pervenire a ...
Leggi Tutto
Freud tradiva la moglie

Freud tradiva la moglie con la cognata

Come si sa, Freud era sposato con Martha Bernays, nata il 26 Luglio1861 e morta a novanta anni, il 2 ...
Leggi Tutto

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.