Janis Joplin è morta di droga pochi mesi prima di Jim Morrison e pochi mesi dopo Jim Hendrix: come loro ha cantato l’alcool, il sesso, la solitudine; come loro è stata una star creata dal pubblico a dispetto del sistema e non viceversa.

C’è sicuramente da dire molto sulla breve vita torturata che appartenne a questa ragazza

che credeva forse di non aver ricevuto nulla dalla vita, mentre invece possedeva la forza e la grandezza del mito: un mito autentico, vero, forse troppo umano ma che proprio dalle sue debolezze ha tratto il suo indiscusso fascino. Sono bastati quattro anni per farla entrare nella storia della musica rock-blues.

Janis Lyin Joplin nacque il 19 gennaio 1943 al St. Mary’s Hospital di Port Arthur, bigotta ma importante cittadina petrolifera nel Texas. Suo padre Seth, originario di Amarillo, lavorava presso la locale “Texano Canning company”, mentre sua madre Dorothy proveniva dal Nebraska.

La giovane passò un’infanzia normale, poi, sebbene la famiglia appartenesse alla borghesia, da adolescente mostrò subito i segni di un anticonformismo che l’avrebbe poi contraddistinta da grande. Sovrappeso e con il viso rovinato dall’acne, cominciò a distaccarsi da tutto e da tutti.

Rifiutata e presa in giro dagli altri, Janis cercava e trovava conforto nei lavori degli emarginati come scrittori, musicisti e artisti in genere; del resto quando la società respinge una persona ci si comporta di conseguenza, rifiutandola.

Lei si sentiva un brutto anatroccolo e si rifugiò nella musica country e soprattutto nel blues, l’unica musica che, nella sua viscerale e universale tristezza, potesse esprimere il suo drammatico bisogno di aiuto non corrisposto.

Paradossalmente Port Arthur rese Janis Joplin ciò che era: un’atmosfera più tollerante avrebbe potuto diluire il fuoco che le bruciava dentro, e il fuoco è ciò che ognuno ha riconosciuto in lei.

Dopo essersi diplomata nel maggio del 1960 al “Thomas Jefferson High”, fuggì di casa e si iscrisse all’università delle belle arti a Austin sempre nel Texas. Per mantenersi negli studi ed avere di che vivere, alternava il lavoro di cameriera a quello di cantante in qualche club. Si faceva accompagnare da un gruppo di bluegrass, i “Waller Creek Boys”; il suo repertorio era Leadbelly, Bessie Smith.

Ma intanto cominciò a fare uso di amfetamine e per curarsi da una intossicazione di metredina dovette tornarsene a casa. Poi nel 1963 se ne andò a San Francisco in autostop con un suo amico, Chet Helmes, che aveva conosciuto a Austin. In California conobbe qualche personaggio che di lì a poco sarebbe divenuto famoso, come David Crosby e Jorma Kaukonem (futuro chitarrista del gruppo dei Jefferson Airplane) dal quale si fece accompagnare per qualche esibizione.

Nel Texas ci ritornò nell’estate del 1965 dopo essere stata a New York; aveva cominciato a bere pesantemente e fu una vera fortuna l’ingaggio al “The Eleventh Door” di Austin che le permise di rimanersene tranquilla fino al maggio del 1966.

Nel frattempo il suo amico Chet Helms, rimasto in California, era diventato il manager di una nuova band formatasi nel 1965, “The Big Brother & the Holding company”, e vedendo il successo ottenuto da altri gruppi con cantanti donne, come i Jefferson Airplane con Grace Slick, convinse la nostra texana a tornare a San Francisco per unirsi al gruppo.

Iniziò così nel giugno del 1966 l’avventura di Janis Joplin con i Big Brother. Fu subito chiaro che la scelta si rivelò esatta perché l’abilità che lei aveva nel trasmettere la sua energia al pubblico divenne chiara e determinante per il successo. Janis non solo cantava ma dava delle sofferte interpretazioni alle canzoni con la sua voce roca e abrasiva.

Nel 1967 uscì il primo album, a dire la verità mediocre, ma fu il famoso Festival di Montery tenutosi in giugno che imposero all’America e al mondo intero la sua personalità; la sua esibizione fu incredibile, sicuramente la più gradita dal pubblico insieme a quella di Jimi Hendrix.

Dopo Monterey per Janis il successo divenne più facile ma insieme alla celebrità aumentò l’insicurezza e il senso di solitudine che non l’aveva mai abbandonata. “Sul palco faccio l’amore con 25.000 persone ma poi torno a casa da sola”.

Così si abbandonò completamente all’alcool, alla droga e ad una vita sessuale disordinata. Uscì un secondo album “Cheap thrills” che ebbe un immediato successo e questa volta i critici le tributarono i giusti meriti; ma lei fuggì ancora una volta abbandonando i Big Brothers, dai quali pretendeva forse una maggiore versatilità per l’improvvisazione e la sperimentazione.

Erano le sue esibizioni live a far discutere con la loro carica emozionale enorme e struggente. La Joplin era diventata una superstar e più la gente la cercava, più lei si ritirava in se stessa. Nel 1969 si ripresentò con un nuovo gruppo, la “Kozmic Blues band” e durante un concerto tenutosi a Tampa in Florida, la nostra protagonista venne multata per aver usato un linguaggio blasfemo e il fatto ebbe una risonanza indubbiamente negativa soprattutto per ciò che poteva riguardare gli ingaggi. Ma lei aveva bisogno in ogni caso di riposo e fu convinta a interrompere i concerti per un po’.

Nel febbraio 1970 se ne andò in vacanza in Brasile e a Rio incontrò certo David Niehaus di cui si innamorò e con il quale trascorse momenti di grande felicità. Riprese i concerti a luglio aggregandosi ad una carovana di musicisti illustri che con il nome di “Festival Express” si muoveva con il treno. A settembre cominciarono le registrazioni dell’album “Pearl” (simpatico nomignolo con il quale veniva chiamata Janis).

Destò sorpresa l’annuncio che fu dato il 4 ottobre 1970 del rinvenimento del suo cadavere nella stanza di un albergo. A causare la morte fu un’overdose di eroina ma l’ipotesi del suicidio forse è da escludere proprio perché era quello uno dei momenti più felici e sereni dell’artista. L’album “Pearl”, uscito postumo un anno dopo raggiunse in pochi giorni il primo posto delle classifiche e vi rimase per qualche mese.

Di fronte alla morte, alla tragedia di una vita trascorsa in maniera per i più sbagliata ma sicuramente intensa, ciò che resta di lei sono gli albums, le canzoni, la sua voce. Quella roca, abbruttita dall’alcool, ma stupenda voce, che per lei rappresentava l’unico modo per elevarsi dalle catene di una vita crudele, per rivelare la sua anima.

Imm. Wikimedia

Psicolinea ti consiglia anche...

Il desiderio sessuale femminil...
Il desiderio sessuale femminile e cosa fare quando...
Hilda Doolittle
Hilda Doolittle, ancora poco conosciuta in Italia,...
Krafft-Ebing, il primo sessuol...
Krafft-Ebing, il primo sessuologo
Leggi anche:  Come evolverà il rapporto? Consulenza online
Vita familiar...
Paul Gauguin: una biografia
Paul Gauguin: una biografia Eugène Henri Paul G...
Un uomo che non fa per lei - C...
Un uomo che non fa per lei - Consulenza online ...
Maledetti quarant'anni
Ieri sera, a Senigallia, ho avuto il piacere di pr...
Freud, la psicoanalisi e le do...
Freud, la psicoanalisi e le donne Cosa vogliono...
Come parlano le donne
Come parlano le donne - Tratto dal libro : Voci di...

Dr. Lanfranco Bruzzesi

Esperto musicale, collabora con psicolinea per la stesura di biografie di personaggi famosi, in particolare nel mondo della musica. Lanfranco Bruzzesi è inoltre il principale ispiratore dell'Associazione Culturale Ankon Cultura, che ha sede ad Ancona e che organizza conferenze, viaggi ed altri eventi culturali.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.