La prima volta

prima volta

Esiste la convinzione che la donna “perda il suo fiore” la prima volta che viene penetrata. Ma non si perde l’imene come si perderebbe una chiave. Si tratta del residuo di una membrana, programmato per autodistruggersi, che cristallizza molte angosce e soprattutto pregiudizi. Piccola rassegna di idee sbagliate, giusto per mettersi l’anima in pace.

Quasi tutte le ragazze vivono nella paura della “prima volta”: qualcuno ha detto loro che avrebbero sentito dolore e sanguinato. Le ragazze crescono in previsione di un evento necessariamente spaventoso: il giorno in cui il pene, come un coltello, le perforerà… Inoltre, che sorpresa. Il giorno arriva … e molto spesso “niente di particolare”. Niente sangue e niente dolore (se il pene è stato correttamente lubrificato).

1 / L’imene è come un velo?

La parola imene, di origine greca, significa “membrana” e fa riferimento ad un dio coronato di fiori che tiene una torcia in una mano e un velo da sposa nell’altro. A parte il suo significato, la parola viene usata – per abuso linguistico – per descrivere qualcosa che non è assolutamente un velo… Ma piuttosto un’apertura con delle piccole escrescenze in eccesso (1). Sono i residui di una membrana che si distrugge naturalmente. Il processo di distruzione ha inizio poco prima della nascita.Gérard Zwang, pioniere della ginecologia moderna: ” L’imene è il residuo della membrana urogenitale, all’unione del seno urogenitale (che darà il vestibolo) e i dotti di Müller (che daranno la vagina). Questa membrana rimane completa fino agli ultimi mesi di gravidanza. Prima della nascita essa si distrugge parzialmente sul davanti, dietro l’uretra, rimanendo solo con la sua parte posteriore. Così si crea una comunicazione tra la vagina e l’esterno. Attraverso questa apertura scorrerà il sangue mestruale che compare durante la pubertà . “In altre parole, l’imene non ha nulla a che fare con una membrana impermeabile che potrebbe scoppiare, forarsi, bucarsi o “esplodere”. L’imene non ottura la vagina. Inutile andarci con la piccozza.2 /L’ imene “imperforato” è un mito?
Nelle immagini di Google, è comune imbattersi in immagini spaventose dell’imene simili a porte ermeticamente chiuse … Le porte bunker sono definite “imene imperforato “. Esse sono spesso affiancate a quelle che rappresentano un imene perforato. Come se ci fosse un prima e un dopo …imene perforato

Gérard Zwang: “ Che l’imene sia il tappo della vagina  fa parte delle fobie infondate, come la vagina dentata. L’imperforazione è una malformazione rara. Non l’ho mai vista, né mai ne ho sentito parlare in 40 anni di pratica. Il classico sintomo rivelatore è l’ematocolpo, vale a dire l’accumulo di sangue delle prime mestruazioni nella vagina. Si deve intervenire, si dice, per fare una deflorazione artificiale. Atto chirurgico eroico che non ho mai visto citato nei miei atti professionali … Inutile dire che nessuna donna mantiene questa imperforazione nell’età adulta . ”

Per riassumere: l’imene imperforato è raro come l’asino che vola. Se l’avete, andatevi a registrare al Guinness dei primati.

3 / E l’imene cribiforme?
Quando si digita “imene” su internet, viene un brivido lungo la schiena. Con la scusa di informare le donne, le immagini mediche contribuiscono a diffondere il terrore. Esse comprendono cinque categorie generali di imene. L’anulare (una membrana di colore rosa con un piccolo foro di 11 mm di diametro), il cribiforme (una membrana rosa con piccoli fori), il separato (una membrana rosa aperta con una linguetta al centro), l’imperforato (una membrana intatta) e il forato (una membrana aperta con pezzettini appesi). Questo tipo di modelli inducono naturalmente le ragazze vergini a pensare di avere una probabilità su quattro di avere l’imene imperforato … O il cribiforme, un po’ meno rassicurante. Per quanto riguarda l’imene perforato, sembra che non sia quello di una vergine … O no ??

cribiforme

Gérard Zwang: ” La membrana persistente è di solito semilunare. È una struttura molto leggera, friabile. La raggiungono dei rami vascolari e nervosi molto sottili. La prima penetrazione (pene, dita, dildo) la fa rompere facilmente. Lascia solo i resti della membrana, tre, quattro, cinque caruncole mirtiformi. Queste sono piccole formazioni triangolari. Dopo dieci o quindici giorni esse sono completamente cicatrizzate, senza dolore. ”

Per riassumere: se siete donne normali, vale a dire che avete fatto sport e utilizzato le dita o il manico di un pettine (le ragazze raramente si comprano un dildo per i loro esperimenti), potete star sicure che “la prima volta” è in realtà lontana dall’essere la prima: l’imene ne ha già viste di tutti i colori. E quando pensate di “offrire” la vostra cosiddetta verginità intatta, ciò che offrite è molto spesso solo il residuo di una membrana che si è rotta in pezzi già molto tempo fa… Normale. Essa ha avuto, fin dall’inizio, non proprio l’aspetto di un bel paio di tende rosa.

4 / La prima penetrazione fa male?
E’ comune attribuire il dolore del primo rapporto alla presenza dell’imene che ostruisce la vagina e che deve essere “lacerato” … Il dolore è in realtà causato dall’assenza di lubrificazione. Il pene (dildo, dita, il manico del pettine…) raschiano le pareti. Fa male, normale. Soprattutto se stringi i denti e dici “Mi farà male.”

Gérard Zwang: ” L’imene è innervato dai recettori sensoriali per fortuna molto sparsi. “ Traduzione: non senti niente, o quasi. Il dolore ha soprattutto origine dalla “distensione per la prima volta dell’apertura vaginale e il passaggio tra i fasci antero-posteriori del muscolo elevatore dell’ano, molto contratti se la novizia è preoccupata, tesa, e, infine, la mancanza di lubrificazione se l’officiante non è riuscito a far bagnare la sua cara, o non ci ha messo la saliva. La stragrande maggioranza delle donne lo sopporta bene, la novizia lo sopporterà tanto meglio quanto maggiore sarà la sua fiducia nel visitatore o se è lei ad aver deciso l’intervento “.

In altre parole, immaginate che il vostro imene abbia finora resistito alle sessioni di bicicletta, di equitazione e di masturbazione, immaginiamo che si presenti sotto forma di tessuto che pende da una parte o dall’altra dell’apertura, immaginiamo che il pene (o dildo, o manico del cacciavite, scherziamoci su) sia poco lubrificato … Esso tira un pezzo di tessuto che si sta lacerando. Non sentirete granché. O meglio, la vostra mente sarà così occupata da altro (sarete sorprese, o eccitate, o distratte), per cui la disintegrazione dell’imene passerà inosservata.

5 / La “prima volta” fa sanguinare?
Se le donne non hanno mai messo le mani tra le gambe e utilizzato un dildo, una carota, o il manico di un pennello, sì. Le donne perdono due o tre gocce di sangue. Ma non è sempre così. Le percentuali sono difficili da dare. Nel suo libro, L’Angoisse du morpion avant le coït, (dove si affronta la questione della verginità), il giornalista Antonio Fischetti riporta la cifra del 34% delle donne che sanguinano al primo rapporto. Wikipedia parla di “poco più della metà” non si capisce bene da dove vengano queste stime. Nei paesi in cui si usa esporre il lenzuolo macchiato, è comune che il marito e la moglie siano complici nel fabbricare la bufala visto che hanno entrambi interesse che gli altri pensino che “è tutto a posto. Un fegato di pollo fresco risolve il caso … E tutti sono felici.

Gérard Zwang: ” L’emorragia si riduce a poche gocce. Purtroppo, non c’è è una statistica (chiedete almeno a 100 delle vostre lettrici), ma un certo numero di donne non sanguina, essendo la membrana totalmente esangue: 10%, 20%? Non lo so … “.

Per concludere: l’emorragia dipende dallo sviluppo dell’irrigazione arteriosa. Di solito è molto scarsa. Inoltre, più si cresce, più l’imene si atrofizza. Le vergini di 40 e 50 anni, dice Gérard Zwang, hanno l’imene che ha l’aspetto di una bandiera alla fine della battaglia, sbiadita e distorta” la membrana è caduta a pezzi“. In altre parole, quello che alcuni credono di ” prendere ” alle donne non è affatto un bel tesoro. “L’integrità anatomica” di una donna non è che una finzione. L’imene si disintegra naturalmente. È fatto per rompersi. Questi frammenti assomigliano ai tentacoli di un piccolo anemone di mare.
La forma che prende l’imene è quella di un animale marino. Stranamente, il fatto che l’imene sia programmato per mutare in corolla non viene spiegato da nessuna parte. Digitate “caruncole mirtiformi” su Google Image: resterete sorpresi.

Dr. Agnès Giard

Fonte Immagini:

Atlas du sexe de la femme, di Gérard Zwang, éd. La Musardine.

L’angoisse du morpion avant le coït, di Antonio Fischetti, éd. Albin Michel.

(1) Le foto dell’imene sono disponibili – con le spiegazioni – nell’opera di Gérard Zwang Atlas du sexe de la femme. L’opera, edita nel 2001, è un documento indispensabile per  “vedere” ciò che Gérard Zwang spiega nell’opera Le sexe de la femme (1967).

Gli schemi della vagina sono tratti da siti di ginecologia

Traduzione autorizzata, a cura di psicolinea.it
Articolo originale:

Première fois : va-t-il me trouer ou me perdre ? Les 400 culs

Immagine principale:
Imeneo Wikimedia

GUARDA LA NOSTRA PLAYLIST CONSULENZA RADIO LINEA

About

Il Sessuologo e la Sessuologia

Il Sessuologo e la sessuologia: saperne di più

IL SESSUOLOGO E LA SESSUOLOGIA: SAPERNE DI PIU' ANCONA - FABRIANO - CIVITANOVA MARCHE - TERNI E VIA SKYPE Dr ...
Leggi Tutto
Mappa del Sito

Mappa del Sito Psicolinea

Mappa del Sito. Tutti gli Articoli presenti su Psicolinea. Anzitutto vogliamo esprimere un sentito ringraziamento agli Autori, che nel tempo ...
Leggi Tutto
Sessuologo Ancona

Perché rivolgersi al sessuologo? Sessuologi di Ancona

Perché rivolgersi al sessuologo? La sessualità è una parte fondamentale di ciò che siamo, quindi il modo in cui viviamo ...
Leggi Tutto
Ancona - Terapia di Coppia

Ancona – Terapia di Coppia per coppie etero e LGBT

ANCONA - TERAPIA DI COPPIA PER COPPIE ETERO E LGBT Dr. Giuliana Proietti Tel 347 0375949 Dr. Walter La Gatta ...
Leggi Tutto
psicologia psicoterapia sessuologia

Forum di Psicolinea

Forum di Psicolinea: Cosa è successo? Gentilissimi Lettori, Tutta la consulenza online di Psicolinea, dal 2001 ad oggi è qui, ...
Leggi Tutto
Psicoterapeuti Ancona Fabriano

PSICOTERAPEUTI Ancona Fabriano. Chiama ora!

PSICOTERAPEUTI ANCONA FABRIANO CHIAMA PER APPUNTAMENTO! TERNI CIVITANOVA MARCHE E VIA SKYPE Dr. Giuliana Proietti 347 0375949 Dr. Walter La ...
Leggi Tutto
Interviste

Media & Social Media – Interviste, Articoli, Contributi

Media & Social Media - Interviste, Articoli, Contributi PSICOLOGI, PSICOTERAPEUTI, SESSUOLOGI Dr. Giuliana Proietti - Tel. 347 0375949 Dr. Walter ...
Leggi Tutto
Consulenza Psicologica via Skype

Consulenza Psicologica online Via Skype

CONSULENZA PSICOLOGICA ONLINE VIA SKYPE CONTATTI PER APPUNTAMENTO VIA SKYPE Dr. Giuliana Proietti Tel. 347 0375949 g.proietti@psicolinea.it Dr. Walter La ...
Leggi Tutto
Consulenza gratuita

Servizi gratuiti di Psicolinea

SERVIZI GRATUITI E' possibile chiedere  una consulenza gratuita ai Terapeuti di psicolinea.it !  CONSULENZA GRATUITA VIA TELEFONO: Sempre e Solo ...
Leggi Tutto
Consulenza psicologica in forma scritta

Consulenza psicologica in forma scritta

CONSULENZA PSICOLOGICA IN FORMA SCRITTA Richiedi una Consulenza personalizzata in forma scritta, a casa tua (Servizio a pagamento) Le richieste ...
Leggi Tutto
Consulenza psicologica gratis e a pagamento

Consulenza psicologica gratis e a pagamento

CONSULENZA PSICOLOGICA GRATIS E A PAGAMENTO Ancona - Terni - Civitanova Marche - Fabriano e Via Skype Dr. Giuliana Proietti ...
Leggi Tutto
Chi Siamo, Cosa facciamo

Psicolinea, uno tra i primi siti di psicologia

Salve, prima volta su Psicolinea? CI PRESENTIAMO: Fondatori e Curatori di Psicolinea: Dr. Giuliana Proietti  - Tel. 347 0375949 Dr ...
Leggi Tutto
psicoterapia

Terapeuti di Psicolinea: Psicoterapia a Ancona, Terni, Civitanova Marche Fabriano

TERAPEUTI DI PSICOLINEA PSICOTERAPIA Ancona Fabriano Terni Civitanova Marche Dr. Giuliana Proietti Tel. 347 0375949 Dr. Walter La Gatta Tel ...
Leggi Tutto
About Psicolinea

About Psicolinea: Chi siamo, Cosa facciamo

About PSICOLINEA: CHI SIAMO, COSA FACCIAMO Tutte le info che cercavi su in una sola pagina! About... I Terapeuti di ...
Leggi Tutto
Contatti con i Terapeuti di Psicolinea

Contatti con i Terapeuti di Psicolinea

CONTATTI con i Terapeuti di Psicolinea ANCONA - TERNI - FABRIANO - CIVITANOVA MARCHE E VIA SKYPE Dr Giuliana Proietti ...
Leggi Tutto
Consulenza online Archivio Storico Generale

CONSULENZA ONLINE Archivio Storico Generale

CONSULENZA ONLINE ARCHIVIO STORICO GENERALE Su questa pagina trovi tutta la Consulenza online di Psicolinea, dal 2001 a oggi. Info ...
Leggi Tutto

Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Agnes Giard
Dr. Agnes Giard
Agnès Giard autrice di libri, giornalista e dottore in antropologia, ha lavorato in passato su nuove tecnologie, artisti underground e cultura popolare giapponese, prima di dedicarsi alla sessualità. Nel 2000, è diventata corrispondente per la rivista giapponese SM Sniper con cui lavora da più di dieci anni. Nel 2003 ha pubblicato un libro d'arte in Giappone: Fetish Fashion poi ha iniziato una serie di ricerche che saranno pubblicate in collaborazione con artisti contemporanei giapponesi come Tadanori Yokoo, Makoto Aida, Toshio Saeki, etc. Il suo primo libro, L'Imaginaire érotique au Japon, tradotto in giapponese, è classificato 4 ° tra i libri stranieri più venduti. La sua biografia completa è disponibile qui:
http://sexes.blogs.liberation.fr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Ti piace Psicolinea? Seguici anche sui Social ;-)

RSS
Facebook
YouTube
Instagram