Storia dei Vibratori

Storia dei Vibratori

Storia dei Vibratori

Psicolinea 2001-2021

Psicolinea Informazioni Ispirazione e Supporto
Terapeuti di Psicolinea:
Dr. Giuliana Proietti - Tel. 347 0375949
Dr. Walter La Gatta  -   Tel. 348 3314908
Costo della Terapia: 60 euro

YouTube

A partire dalla medicina di Ippocrate e fino a Freud, se si parlava di sessualità femminile si pensava all’utero, e da qui all’isteria.

La medicina greca pensava di aver individuato i sintomi dell’isteria nelle donne nubili, vedove o con mariti inadatti a dare loro soddisfazione sessuale.

Secondo i greci, questa mancanza di appagamento dell’hystero (utero) produceva sintomi di ansia, malessere, insonnia, nervosismo… In una parola: ‘isteria’.

A8

Per molti secoli eccitazione sessuale femminile non aveva ancora un nome e, in sua assenza, non vi erano sistemi di cura.

A partire dal diciannovesimo secolo sorsero i primi centri specializzati in massaggi, i quali introdussero dei trattamenti d’acqua sul clitoride, per rendere le donne ‘meno nervose’. Altri consigli: prendere il treno, cavalcare, sedere su sedie a dondolo ecc. ll tutto per tenere a freno i sintomi dell’isteria.

Verso la metà degli anni settanta del diciannovesimo secolo arrivò la prima macchina sessuale a vapore: “The Manipulator” dove una sfera vibrava grazie all’energia prodotta da un piccolo strumento azionato dal vapore.

Nel 1921, la rivista Hearst pubblicò il primo annuncio pubblicitario sui vibratori, rivolto agli uomini: comprare il prodotto poteva servire non solo a curare la propria moglie dall’isteria, ma anche a conservarla “giovane e bella”.

Negli anni Trenta del secolo scorso apparvero i primi filmati porno, in cui i vibratori venivano utilizzati per dare piacere, più che per ‘curare’ le donne: da quel momento in poi fu difficile, anche per i pubblicitari, continuare a vendere lo strumento come un dispositivo medicale, sebbene fosse raccomandato, già allora, da molti sessuologi.

Ad esempio, nel 1949, Clark raccomandò il loro utilizzo in Employment of Love in Marriage (Clark, L. The Enjoyment of Love in Marriage, New York : Crest Books, 1949) così come Kelly in Sex Manual (Kelly, G.K., Sex Manual, 8th ed. August, Georgia : Southern Medical Supply Co., 1959) o Albert Ellis in The Art and Science of Love (Ellis, A., The Art and Science of Love, New York :Lyle Stuart, 1960).

Terapie di Coppia online psicolinea

Costo 60 euro /Durata 1 ora /Frequenza: da definire

I vibratori tornarono in voga negli anni sessanta del secolo scorso, come giocattoli del sesso. In quel periodo di rivoluzione sessuale, il vibratore non era ancora concepito come un oggetto per l’autoerotismo, ma come strumento di piacere durante il rapporto. E dunque, in quegli anni, il vibratore aveva forma generalmente fallica e somigliava in tutto e per tutto ad un pene, spesso gigantesco.

I sexy shop non erano però ancora molto diffusi ed in ogni caso non erano ritenuti posti per signore: questi strumenti venivano dunque venduti come ‘massaggiatori facciali’ o altre cose del genere. Sul finire degli anni sessanta l’utilizzo dei vibratori fu studiato scientificamente da Masters e Johnson e riportato nel libro Human Sexual Response.

Terapie onlineTERAPIE ONLINE
Costo: 60 euro/ Durata: 1 ora/ Frequenza: da definire

⇒Dr. Giuliana Proietti Tel. 347 0375949
⇒Dr. Walter La Gatta Tel. 348 3314908
Telefona o Scrivi in whatsapp

Ma il lavoro scientifico che più di tutti fu influente sull’argomento è quello della terapeuta Helen Singer Kaplan, che suggerì l’uso del vibratore nelle donne anorgasmiche.

Nel libro The New Sex Therapy : Active Treatment of Sexual Dysfunction (New York, 1974), la Dr.ssa Kaplan mostra diversi metodi in cui un vibratore può essere utilizzato nella disfunzione orgasmica. Ad esempio, attraverso l’introduzione del pene in vagina, in contemporanea combinazione con la stimolazione clitoridea da parte di un vibratore.

Dice la Kaplan :

“Alcune donne altamente resistenti all’orgasmo coitale sono capaci di raggiungere l’orgasmo quando sono stimolate con un vibratore durante il coito”.

La sessuologa suggerisce questi strumenti anche per consentire la risposta orgasmica a donne che non hanno mai avuto orgasmi in precedenza (disfunzione orgasmica primaria), laddove la masturbazione manuale non fosse di sufficiente intensità, di utilizzare un vibratore.

Il vibratore è infatti, dice testualmente la Kaplan ciò che “consente la stimolazione più forte ed intensa che si conosca”.

Nello gennaio 1966, Mary Jane Sherfey, psicoanalista, riportò nel Journal of The American Psychoanalytic Association e poi nel libro The Nature and Evolution of Female Sexuality Random House, 1972) che :

” Nella pratica clinica un certo numero di donne sposate o single che usano il vibratore elettrico sono giunte alla mia attenzione. Dal punto di vista del normale funzionamento fisiologico, queste donne mostrano una sessualità sana, disinibita ed il numero degli orgasmi raggiunti è una misura delle potenzialità orgasmiche della femmina umana”.

Leggi anche:  Sexting: vantaggi e pericoli

Con l’avvento di Internet il mercato dei vibratori è letteralmente esploso.

A questo punto ci si è resi conto che la forma fallica non era, tutto sommato la migliore, o la più desiderata dalle donne, per provare ‘buone vibrazioni’ e che anzi, la forma ad orecchio di coniglio era molto più indicata. Da allora il mercato è stato invaso da tutti vibratori in forma di conigli e poi si sono ulteriormente evoluti.

I vibratori spesso permettono alle donne di raggiungere l’orgasmo velocemente e facilmente, ma non per questo realizzano orgasmi più intensi di quelli prodotti in altro modo: l’orgasmo è sempre quello, ma il tipo di stimolazione può sostituire un partner assente, o inesperto, incapace di dare piacere.

L’uso del vibratore può essere anche usato nei preliminari, sotto forma di gioco erotico.

Oggi i vibratori sono di diversi tipi: a batteria, a corrente elettrica, con regolatori di velocità ed altri accessori.

Le forme? Anche queste di tutti i tipi (sirene, marmotte, paperette, bruchi ecc.), compresa la classica, di tipo fallico.

Il materiale utilizzato è in genere il silicone, che trasmette una sensazione di flessibilità e maneggevolezza. La lunghezza varia dai 14 ai 21 centimetri ed il diametro massimo raggiunge i 4,5 cm, il peso 0-200 g.

Le stimolazioni possono essere adatte per gli organi genitali esterni (clitoride) o interni (punto G, anche se non è ancora provato che esista).

Il costo va dai 30 fino a oltre i 120 euro.

Dott.ssa Giuliana Proietti

PSICOTERAPIA SESSUOLOGIA ONLINE
Costo : 60 euro/ Durata: 1 ora/ Frequenza: da definireDr. Giuliana Proietti Instagram

YouTube

Psicolinea 2001-2021

20+ anni di Psicolinea:
Informazioni, Ispirazioni e Supporto

PsicolineaCosto 60 euro / Durata 1 ora / Frequenza: da concordare

 

Immagini
Pexels

3 thoughts on “Storia dei Vibratori

  1. pericolo??
    forse non avete capito bene.
    Il vibratore è soprattutto un gioco individuale!!
    Poi forse se la donna vuole può essere anche usato nel rapporto di coppia, ma è sostanzialmente fatto per masturbarsi.

    …e questo non mi sembra un pericolo!

  2. quoto la domanda appena fatta da anonimo.
    non c’e’ il rischio che da gioco di coppia si trasformi in uno strumento di piacere individuale?

  3. la domanda e’ la seguente: ho un ottimo rapporto di coppia con mia moglie. abbiamo acquistato un vibratore e a lei piace quando sporadicamente nel rapporto sessuale viene usato. ogni tanto lo utilizza da sola anche quando non ci sono. e’ normale?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *