telepatia
Share Button

Freud, nel 1925, rimase talmente impressionato dagli esperimenti di telepatia condotti da Cecil Murray presso la Society for Psychical Research, che si sentì “pronto a rinunciare alle sue resistenze nei confronti della possibilità di trasferire il pensiero”.
Scrisse a tale proposito a Jones:

“Come ricorderai, avevo già espresso un parere favorevole nei confronti della telepatia, durante il nostro viaggio a Harz”.
(NB Nel 1921 i sette principali esponenti della psicoanalisi si erano recati, senza le rispettive famiglie, in una gita di piacere sui monti Harz, nella Germania orientale, per una settimana, alloggiando in alberghi confortevoli e visitando mostre di antichità. La zona di Harz è famosa per le sue leggende sulle streghe e dunque era il luogo ideale per parlare di cose magiche. Fu lì che Freud lesse un suo saggio sulla telepatia, nel quale lamentava tra l’altro che gli psicoanalisti, in quanto studiosi dell’occulto, avevano ricevuto un comportamento altezzoso e sprezzante da parte della scienza ufficiale, ma che ciò non doveva stupire in quanto la psicoanalisi si opponeva a tutto ciò che era convenzionalmente limitato, deciso una volta per tutte, universalmente accettato. Gli altri psicoanalisti però trovarono questo saggio troppo controverso e Freud rinunciò alla sua pubblicazione).

Tornando alla lettera di Freud in cui ricorda la sua convinzione sull’esistenza della telepatia:

“Ma non c’era bisogno di dirlo pubblicamente; la mia convinzione non era particolarmente forte, ed ha prevalso la scelta diplomatica di non accostare troppo la psicoanalisi all’occultismo. Ora, la revisione dell’Interpretazione dei sogni per la nuova edizione, mi ha dato la spinta a riconsiderare il problema della telepatia. Nel frattempo comunque, ho fatto degli esperimenti, con Ferenczi e con mia figlia, e questo mi ha convinto, al punto che le considerazioni diplomatiche sono state messe da parte”.
Sul finire della lettera a Jones però Freud mostra che la preoccupazione di fare un salto troppo ardito e compromettente, che avrebbe potuto far abbassare la considerazione della psicoanalisi da materia scientifica a scienza occulta, era ancora troppo forte in lui, tanto che raccomanda a Jones, in caso di critiche sulla telepatia, di “rispondere in modo tranquillo, spiegando che questa accettazione della telepatia è una cosa mia personale, come il mio essere ebreo o la mia passione per il fumo, e che la telepatia non è legata alla psicoanalisi”

Sigmund Freud aveva sviluppato diverse ipotesi sulla trasmissione del pensiero, o telepatia, ritenendolo un modo arcaico di comunicazione tra individui e forse anche un processo fisico che si stabiliva fra le menti di due persone. Questa la sua definizione: “Il processo della telepatia avviene quando un atto psichico di una persona si realizza nelle stesse forme psichiche in un’altra persona” (1933a ).

Anche in altre occasioni ribadì che il suo era un interesse personale, che aveva da tempo, sin da quando si era convinto che poteva comunicare a distanza con la sua fidanzata Martha (cioè quando era a Parigi, a studiare l’ipnosi con Charcot). (Jones, 1957, vol. 3).

Il suo approccio voleva rimanere scientifico, non mistico, tanto che, considerando la telepatia praticata dai medium, Freud raccomandava che venisse studiata la loro psicologia, così come quella dei loro clienti.

In conclusione, sembra evidente che Freud era convinto che la telepatia fosse un fenomeno possibile, anche se non dimostrabile.
Oltre al saggio di cui si è detto, “Psicoanalisi e Telepatia”, letto sui monti Herz ai suoi seguaci nel 1921, Freud tornò sull’argomento con il saggio “Sogni e telepatia” (1922),ed ancora nel 1925 su “Il significato occulto dei sogni” (1925), pubblicato sulla Nuova Introduzione alla psicoanalisi(1933).

Dr. Giuliana Proietti, psicoterapeuta, Ancona

Fonti:
Freud museum
Telepathy enotes
Eli Zaretsky, Storia sociale e culturale della psicoanalisi, Feltrinelli
Immagine: Nevit, Wikimedia

Freud Signorelli

Freud a lezione da Signorelli per studiare la memoria

Nel 1897, ad Orvieto, piccola cittadina umbra, Sigmund Freud ebbe una rivelazione. Nella cattedrale della città, davanti alla rappresentazione del giudizio ...
Leggi Tutto
Famiglia Freud 1898

I Freud: una famiglia molto potente e disfunzionale

Recentemente, anche sulle pagine dei giornali italiani, è comparsa l'immagine e l'incredibile storia di un personaggio poco conosciuto nel nostro ...
Leggi Tutto
donne

Freud, la psicoanalisi e le donne

Freud non può essere sicuramente considerato un teorico femminista perché, come è notorio, Freud di donne comprese ben poco. Dobbiamo ...
Leggi Tutto
Anna Freud e Sigmund Freud

Anna Freud e la psicoanalisi

Anna Freud, la più giovane dei sei figli del fondatore della psicoanalisi, fu l'unica a seguire le orme del padre ...
Leggi Tutto
Freud

Freud e il disagio della civiltà (1929)

Il libro "Il disagio della civiltà" appartiene alla piena maturità del pensiero freudiano. Fu pubblicato in due parti, nel 1929 ...
Leggi Tutto
Nobel

Freud e il premio Nobel

Nel diario di Freud del 1929, alla prima pagina, troviamo una nota sommaria: "scartato per il Premio Nobel". In tutto, ...
Leggi Tutto
madre di Freud

1930: quando Freud perse la sua adoratissima madre

Freud, settantenne e malato di cancro alla mascella, trascorse, nel 1930, le vacanze estive a Grundlsee, per essere vicino alla ...
Leggi Tutto
Thomas Mann

Thomas Mann e la posizione di Freud nello spirito moderno

Sul British Medical Journal del 10 ottobre 1942 (più o meno 70 anni fa, in piena Seconda Guerra Mondiale), Sir ...
Leggi Tutto

Jacques Lacan, Freud e la società umana

Elisabeth Roudinesco ha da poco pubblicato il libro Lacan, envers et contre tout. La Roudinesco (classe 1944) è figlia di ...
Leggi Tutto
Arnold Zweig

Arnold Zweig, Sigmund Freud, l’ebraismo e il genere umano

Nel 1929 Freud era molto popolare all'interno della comunità ebraica e veniva considerato come un eroe. Quell'anno lo scrittore (e ...
Leggi Tutto

Freud, il piccolo Hans e l’analisi infantile

S. Freud, Analisi della fobia di un bambino di cinque anni Storia di Hans Nel 1908 Freud pubblicò il caso ...
Leggi Tutto
Tagore

1926: il 70 anno di Sigmund Freud e l’incontro con Tagore

Freud compie 70 anni. L'incontro con Tagore Nel 1926 Freud arrivò all'età di settanta anni e ricevette vari onori. La ...
Leggi Tutto
telepatia

Freud e la telepatia

Freud, nel 1925, rimase talmente impressionato dagli esperimenti di telepatia condotti da Cecil Murray presso la Society for Psychical Research, ...
Leggi Tutto
America

Sigmund Freud e l’America (1909)

La psicoanalisi va in America Sopra, seduti: Sigmund Freud, G. Stanley Hall, Carl Gustav Jung. In piedi, da sinistra, Abraham ...
Leggi Tutto

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

One thought on “Freud e la telepatia”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.