Tornano a Vienna le ceneri perdute di Alfred Adler

Alfred Adler

Alfred Adler, uno dei primi allievi di Freud (ed anche uno dei primi ad abbandonare il Maestro), fondatore della “psicologia individuale”, a  cui si deve la definizione del “complesso di inferiorità” torna a Vienna con tutti gli onori. O meglio, tornano a Vienna le sue ceneri, dopo una scomparsa durata settanta anni.

In realtà i suoi resti sono sempre stati nel cimitero di Warriston, presso Edimburgo e sono stati ritrovati dopo una ricerca condotta nel 2007.

Adler morì probabilmente a causa di un infarto, durante una visita di tre settimane ad Aberdeen, nel 1937. Fu cremato, ma del suo scrigno per molti anni non rimase traccia.

Le ceneri ritrovate sono ora destinate a tornare in Austria, dove saranno nuovamente seppellite in una tomba degna della personalità che accoglie, presso il cimitero centrale di Vienna.

Al ricevimento funebre saranno presenti i rappresentanti della Società austriaca per la Psicologia Individuale, i membri dello Scottish Institute of Human Relations e della Società Psicoanalitica Britannica.

Dr. Giuliana Proietti, psicoterapeuta, Ancona

Fonte:

Lost ashes of Alfred Adler return to Vienna, BBC News

Immagine: Wikimedia

Psicolinea ti consiglia anche...

Lou Andreas Salomè
Lou (forma abbreviata di Louise) nacque a San Piet...
La terapia psicodinamica è eff...
La psicoterapia psicodinamica è efficace su una va...
Sigmund Freud e la sua Princip...
Sigmund Freud e la sua Principessa
Leggi anche:  Se fossi un uomo, che uomo saresti? Test
Sopra: Freud...
1920 Sesto Congresso di Psicoa...
Il Sesto Congresso Internazionale di Psicoanalisi ...
Il matrimonio non fa bene agli...
Da qualche anno si dice che le persone coniugate s...
Spaccherei tutto - Consulenza ...
Gentile Dottoressa, avrei necessità di un suo cons...
Un 'cugino' di troppo - Consul...
Gentile Dott.ssa, mi chiamo "Francesco".Sto insiem...
Tutto ciò che non interessava ...
Questo mese è uscito, in lingua francese, un nuovo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *