edipo
Share Button

Complesso edipico: sebbene Freud non abbia mai dedicato un libro a questo argomento, il complesso edipico è al centro della psicoanalisi e la sua storia è quasi identica a quella di questa disciplina.

Nel suo ultimo libro, postumo e incompiuto, “Compendio della Psicoanalisi”, pubblicato nel 1940, il fondatore del movimento psicoanalitico ha scritto: “mi permetto di pensare che se la psicoanalisi non avesse al suo attivo che la sola scoperta del complesso d’Edipo rimosso, ciò sarebbe sufficiente a farla schierare tra le nuove, preziose acquisizioni del genere umano (FreudCompendio di Psicoanalisi, 1938). ”

La scoperta del complesso edipico, nel lavoro e nel pensiero di Freud, ha una lunga tradizione.

Fu durante la sua autoanalisi, intrapresa dopo la morte di suo padre nel 1896, che Freud per la prima volta pensò all’eroe della tragedia di Sofocle “Edipo Re “. L’argomento può essere riassunto in poche righe. Edipo era il figlio di Laio, re di Tebe e Giocasta era sua moglie. La coppia regnava su Tebe. Essendo venuti a sapere che questo figlio avrebbe ucciso il padre e sposato sua madre, i due genitori decidono di abbandonarlo appena nato, affidandolo a un servo. Il bambino viene effettivamente abbandonato nel bosco, ma lo salva un pastore, che lo consegna a Polibo, re di Corinto, che non poteva avere figli da sua moglie Peribia.

Quando anche Edipo consulta l’oracolo e viene a sapere il suo destino, cerca di opporvisi fuggendo a Tebe. Per strada tuttavia uccide un uomo, senza sapere che è suo padre Laio. Arrivato a Tebe, risolve l’enigma della sfinge e, per ringraziarlo, Creonte, fratello della regina vedova Giocasta gli offre la mano della sorella. Così Edipo sposa sua madre.

Troviamo la prima menzione di questa leggenda negli scritti di Freud in una lettera che scrisse nel 1897 a Wilhelm Fliess: ”

15 ottobre, 1897

“… Mi è nata una sola idea di valore generale: in me stesso ho trovato l’innamoramento per la madre e la gelosia verso il padre, e ora ritengo che questo sia un evento generale della prima infanziase è così si comprende l’interesse palpitante che suscita l’Edipo ReLa saga greca si rifà a una costrizione che ognuno riconosce per averne avvertita in sé l’esistenza. Ogni membro dell’uditorio è stato, una volta, un tale Edipo in germe e in fantasia e, da questa realizzazione di un sogno trasferita nella realtà, ognuno si ritrae con orrore e con tutto il peso della rimozione che separa lo stato infantile da quello adulto.”.

Da allora in poi, nel corso degli anni e nei successivi scritti, Freud non smetterà di affinare e integrare questa idea di base: il desiderio del bambino per il genitore dell’altro sesso, l’ostilità verso il genitore dello stesso sesso, al punto di renderlo il concetto-chiave della psicoanalisi.

Il complesso di Edipo troverà in particolare un posto nella teoria freudiana negli stadi dello sviluppo psico-sessuale. Si tratta di 5 fasi: orale (0-18/24 mesi), anale (2-4 anni), fallica (4-6 anni), di latenza (6-10/11 anni) genitale (pubertà).

Durante la fase fallica, il bambino scopre i piaceri che può ricavare dal suo pene e comincia ad esibirlo di fronte a sua madre, vedendo in suo padre un “rivale”; questa fase è seguita dal complesso di castrazione: il bambino teme di essere punito e castrato da suo padre, il che lo porta a rinunciare al suo desiderio libidico per sua madre e, più tardi (durante lo stadio genitale, che si verifica nell’adolescenza), comincia ad interessarsi ad altre donne, di età compatibile con la propria.  Freud vide nella punizione che l’Edipo di Sofocle si procura quando capisce il doppio crimine che ha commesso,  la cecità, un “sostituto” della castrazione paterna.

Elaborato di libro in libro, il complesso di Edipo è sempre stato, sin dai tempi di Freud, oggetto di violente critiche. Prima di tutto a causa della spinosa questione delle bambine, per le quali il fondatore della psicoanalisi ha cercato di proporre una versione femminile del complesso, ma senza riuscire a convincere altri psicoanalisti, a partire da  Melanie Klein.

Poi, e soprattutto, molti critici hanno messo in discussione la sua universalità, ancora difesa da Freud in “Totem e tabù” (1913). Gli etnologi sono stati in prima linea in questa lotta. Se il francese Claude Levi Strauss sostenne che la proibizione dell’incesto era in effetti il fondamento di tutte le culture umane, un’idea che si adatta perfettamente con il complesso di Edipo agli occhi degli psicoanalisti, altri etnologi sono stati più critici. Alcuni, evocando ad esempio la parentela matrilinea di alcuni popoli melanesiani, sostenevano che il complesso di Edipo non poteva essere applicato a loro, poiché presuppone un’identità di fatto tra il padre biologico e la figura che incarna l’autorità.

Ai nostri tempi tuttavia, è soprattutto la delicata estensione del complesso edipico alle nuove forme di famiglie,
molto lontane da ciò che accadeva nella Vienna del primo Novecento (si pensi alle famiglie monoparentali, ricomposte, con genitori omosessuali…): si può ancora pensare che il complesso edipico possa avere un valore universale?

Dr. Giuliana Proietti

Immagine
Wikimedia

sogni

Conosci l’interpretazione dei sogni? Test

Secondo Freud, ci sono dei simboli che hanno un significato unico e universale e che quindi possono essere interpretati con ...
Leggi Tutto
terapia jungiana

La terapia Junghiana

La terapia junghiana segue il modello di Freud, come ha spesso ammesso lo stesso Jung. In rari casi, quando l'approccio ...
Leggi Tutto
archetipi

Jung e gli archetipi femminili nei miti e nelle religioni

Carl Jung osservò che miti e religioni, nelle varie culture, contengono temi ed entità comuni: per esempio immagini della madre, ...
Leggi Tutto
Mandala

Conoscersi a fondo con il mandala

Cosa è Mandala è un termine sanscrito indicante un’immagine simbolica fondata sulle figure geometriche del cerchio e del quadrato, oppure ...
Leggi Tutto
edipo

Il complesso edipico, ieri e oggi

Complesso edipico: sebbene Freud non abbia mai dedicato un libro a questo argomento, il complesso edipico è al centro della ...
Leggi Tutto
miti

Jung e i miti

I miti sono la prova più arcaica e profonda che abbiamo sullo spirito e la natura del genere umano. Il ...
Leggi Tutto
Jung

Jung visto da Deirdre Bair

Diceva Oscar Wilde  che ogni grande uomo ha i suoi discepoli, ma di solito è Giuda che poi ne scrive ...
Leggi Tutto
Freud e Jung

Quando Jung spiegò cosa esattamente lo differenziava da Freud

Nel libro Il problema dell’inconscio nella psicologia moderna, Jung spiega le ragioni che lo hanno portato ad allontanarsi da Freud ...
Leggi Tutto
Sabina Spielrein

Sabina Spielrein: a dangerous method

Sabina Spielrein era una giovane donna, che Jung conobbe come paziente ma che poi amò appassionatamente: di lei Freud e ...
Leggi Tutto
Freud vita e morte

Differenze fra Freud e Jung

Teoria della Libido Jung  non era d'accordo con Freud riguardo al ruolo della sessualità. Credeva che la libido non fosse ...
Leggi Tutto
archetipi

Gli archetipi di Jung

Gli archetipi vengono trattati da Jung in tutto il suo lavoro: nel suo libro sul confronto tra l'io e l'inconscio, ...
Leggi Tutto
figlio di Freud

Ernst Freud: il figlio di Sigmund

Sopra: Il figlio di Freud Ernst (di cui si parla in questo articolo) e a destra il fratello Martin  (1915). Ernst Freud, nato ...
Leggi Tutto
sophie freud

Sarà pure una Freud, ma non è freudiana: Sophie Freud

Sophie Freud, la nipote di Freud La professoressa (ora in pensione) Sophie Freud, come si può vedere nei links sotto ...
Leggi Tutto
BBC Freud manoscritto

Sigmund Freud On The BBC – 1938 – Brief Audio Clip

BBC: L'unico audio di Sigmund Freud Il 7 Dicembre del 1938,la BBC chiese a Sigmund Freud di fare una breve ...
Leggi Tutto
testamento

Il testamento professionale di Sigmund Freud

Questo è considerato il testamento di Freud. Le due pagine che vedete a fianco sono il testo di un'intervista radiofonica ...
Leggi Tutto
Sigmund Freud

Senza Freud non saremmo quelli che siamo

Saremmo oggi gli stessi se non vi fosse stato il padre della psicoanalisi? Di sicuro no. «È una Bibbia della nostra ...
Leggi Tutto

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.