Ancona, Marche, Italy
0039 347 0375949
psicolinea@psicolinea.it

1908 Il Congresso di Salisburgo

Sito di psicologia, online dal 2001

Created with Sketch.

1908 Il Congresso di Salisburgo

Congresso

Il Congresso di Salisburgo sarebbe un grande onore per me; ma immagino che sarei di impiccio e che perciò non verrò indicato” scrisse Freud a Jung, il quale rispose: “Lei si sbaglia di grosso se pensa che noi le permetteremo di mancare a Salisburgo o a Innsbruck!”.Freud sembrava poco interessato ad assumere l’incarico di Presidente, perché gli sembrava che se fosse stato un altro a farlo, una persona autorevole, la psicoanalisi ci avrebbe sicuramente guadagnato.

Il Congresso si fece poi a Salisburgo e cominciò alle otto del mattino di lunedì 27 Aprile 1908. Si teneva all’Hotel Bristol, dove erano seduti 42 uomini, in maggioranza austriaci, fra i quali c’erano i maggiori allievi di Freud, come Jung, Ferenczi, Jones, Brill, Abraham. Inoltre, c’era Eugen Bleuler, il personaggio di rispetto che Freud avrebbe visto bene come Presidente dell’assemblea, onore che fu invece offerto ad Alfred Adler.

Ernest Jones ce li descrive come ‘tutti medici, in maggioranza seri professionisti, ed è vero che portavano un capotto più ampio ed un cappello a tesa più larga di quelli che si vedevano di solito a Zurigo, Londra o Berlino… Ma si trattava di una moda comune a Vienna”. Tuttavia, continua Jones, “erano decisamente piccolo-borghesi e non possedevano l’educazione e la classe cui ero abituato a Londra’. Jung li aveva descritti a Jones come ‘un branco di intellettuali degenerati che fanno poco onore a Freud”. (Fonte: R.W. Clark, Freud, Rizzoli)

Molti dei ‘viennesi’ avevano difeso la psicoanalisi nel 1902, ma ora guardavano con sospetto il gruppo di Zurigo, gli ultimi arrivati, cui Freud conferiva una posizione di enorme prestigio.Furono presentate sei relazioni, fra le quali una di Freud, che riportava estratti di un caso clinico di un celebre paziente, ‘l’uomo dei topi’. In seguito questo Convegno sarebbe stato ricordato come il Primo Congresso Internazionale di Psicoanalisi. Freud fu il primo a parlare. Fu un discorso fatto a bassa voce, con tono discorsivo. Parlò dalle otto alle undici, sebbene fosse previsto l’intervento di un’ora. I colleghi però lo invitarono a continuare e così il discorso continuò fino alle 13.00. Parlò soprattutto dell’ ambivalenza, di odio e amore nei confronti della stessa persona e della precoce separazione dei due atteggiamenti che in genere risulta da una repressione dell’odio. A tale separazione di regola fa seguito una reazione all’odio, sotto forma di insolita tenerezza e orrore per la violenza. Questo è almeno quello che ci riferisce Ernest Jones.

Karl Abraham parlò poi di schizofrenia, in pieno accordo con la visione di Freud, affermando che questa malattia aveva cause psichiche e risultava da un blocco massiccio dei processi sensoriali. Jung andò invece contro-corrente: imputò infatti la schizofrenia alla presenza di tossine nel cervello, facendola quasi esulare dalle competenze della psicoanalisi. Jung e Abraham non si piacevano e non si sarebbero mai piaciuti.In una lettera alla moglie, Freud scrisse che il Congresso era stato un ‘grande successo’.

Quanto a Jung, dopo il Congresso Freud gli disse: “Non ho dubbi che dopo essersi allontanato da me di qualche passo Lei riuscirà ad imboccare la via del ritorno, e insieme potremo andare lontano. Non saprei spiegarle il motivo di questa certezza; probabilmente nasce da ciò che provo mentre la guardo”.

Fonti:
R.W. Clark, Freud, Rizzoli
E. Jones, Vita e opere di Freud, Garzanti
S. Freud-C. Jung, Lettere fra Freud e Jung 1906-1913, Boringhieri
Donn, Freud e Jung, Leonardo
Ellenberger, La scoperta dell’inconscio, Boringhieri

Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

Immagine:
Sala dell’Hotel Bristol di Salisburgo

complesso edipico

Il Complesso edipico: di cosa si tratta?

Complesso edipico: di cosa si tratta? Nella teoria psicoanalitica il complesso di Edipo riguarda un desiderio infantile di coinvolgimento sessuale ...
Leggi Tutto
complesso edipico

Il Complesso edipico spiegato da Freud medesimo

In base alla mia esperienza, che è già molto grande, i genitori hanno la parte più importante nella vita psichica ...
Leggi Tutto
Interpretazione dei sogni

L’interpretazione dei sogni: un’autobiografia in maschera di Sigmund Freud

Il libro L'interpretazione dei sogni è pieno di allusioni ad avvenimenti e abitudini che erano familiari ai lettori della Vienna ...
Leggi Tutto
seduzione infantile

Come e perché Freud abbandonò l’ipotesi della seduzione infantile

Freud, come abbiamo visto, per un certo periodo di tempo pensò che la salute psichica dell'età adulta potesse dipendere da ...
Leggi Tutto
la seduzione infantile

L’ipotesi della seduzione infantile in Freud

L'ipotesi della seduzione infantile - cioè del trauma sessuale sotto forma di una seduzione avvenuta nella prima infanzia - fu ...
Leggi Tutto

Freud: Prefazioni a L’Interpretazione dei sogni (1899)

Prefazioni a L'interpretazione dei sogni Quando si legge il libro "L'interpretazione dei sogni", pochi si soffermano sulle prefazioni alle varie ...
Leggi Tutto
L'interpretazione dei sogni

L’interpretazione dei sogni: fasi di elaborazione del libro

L'interpretazione dei sogni: genesi di  un libro Il 31 Dicembre 1883 Freud scrisse alla fidanzata Marta che aveva fatto uno ...
Leggi Tutto
Interpretazione dei sogni

L’interpretazione dei sogni spiegata a chi non leggerà mai il libro

Il volume della Traumdeutung (Interpretazione dei sogni) uscì in realtà il 14 novembre 1899, ma l'editore preferì scrivere sul frontespizio ...
Leggi Tutto
Transfert

Freud: nascita del concetto di ‘transfert’

A differenza di Breuer, Freud non fuggì di fronte all'attrazione sessuale che le pazienti manifestavano nei suoi confronti: con sorprendente ...
Leggi Tutto
libera associazione

Freud: dall’ipnosi alla tecnica della libera associazione

Secondo molti studiosi della psicoanalisi, Freud abbandonò l'ipnosi per diverse ragioni: 1. Il richiamo alla mente di ricordi traumatici nell'alterato ...
Leggi Tutto
rimozione

Freud: la ‘rimozione’ spiegata da lui medesimo

Si è molto scritto sul concetto di rimozione in psicoanalisi, da parte di altri autori diversi da Freud, per cui ...
Leggi Tutto
Freud

Freud e il “come se”

Freud e il come se: cosa significa Freud riteneva che, una volta conseguite maggiori conoscenze sulla psiche umana, sarebbe stato ...
Leggi Tutto
rimozione

Origine del concetto di ‘rimozione’

Il termine 'rimozione', nel linguaggio psicoanalitico sta ad indicare un processo inconscio, che consente di escludere dalla coscienza determinate rappresentazioni ...
Leggi Tutto
resistenza nei sogni

Freud: Il mio amico R. e la resistenza nei sogni

Affrontando il problema dell'interpretazione dei sogni, Freud avanzò una supposizione fondamentale, che era una diretta applicazione del determinismo psichico: egli ...
Leggi Tutto
Freud

Freud: nascita del concetto di ‘resistenza’

Freud, nei suoi casi clinici, si rese conto di aver incontrato un ostacolo, una 'resistenza', ogni volta che cercava di ...
Leggi Tutto

La catarsi ed il metodo catartico

'Catarsi' in greco (kàtharsis) significa 'purificazione', ovvero liberazione dell'individuo da una contaminazione o 'miasma', visibile o invisibile, che danneggia o ...
Leggi Tutto
Studi sull'isteria

1895 Studi sull’isteria

Studi sull'isteria: agli albori della psicoanalisi A sinistra: Josef Breuer (foto aeiou) Nel 1895 fu pubblicato il libro ‘Studi sull’isteria’ ...
Leggi Tutto

Lo strano caso di Anna O.

Sopra: Berta Pappenheim, Anna O. (1880 circa) Il caso Anna O. è l’inizio di qualsiasi storia della psicoanalisi. E' così ...
Leggi Tutto
determinismo psichico

Il Determinismo Psichico in Freud

Il determinismo psichico in Freud Il ‘determinismo psichico’ è alla base della costruzione psicologica di Freud, che può pervenire a ...
Leggi Tutto
Freud tradiva la moglie

Freud tradiva la moglie con la cognata

Come si sa, Freud era sposato con Martha Bernays, nata il 26 Luglio1861 e morta a novanta anni, il 2 ...
Leggi Tutto
Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Psicoterapeuta Sessuologa
ANCONA FABRIANO CIVITANOVA MARCHE
Per appuntamenti: 347 0375949 - g.proietti@psicolinea.it

E' possibile anche fissare degli appuntamenti Via Skype.
https://www.psicolinea.it/sostegno-psicologico-distanza/

Per leggere il CV:
https://www.psicolinea.it/dr-giuliana-proietti_psicologa_sessuologa_ancona/

Per vedere dei videofilmati su YouTube
https://www.youtube.com/user/RedPsicCdt

Per la pagina Facebook
https://www.facebook.com/Giuliana.Proietti.Psicosessuologia

Per il Profilo Facebook
https://www.facebook.com/giuliana.proietti.psicologa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Ti piace Psicolinea? Seguici anche sui Social ;-)

RSS
Facebook
YouTube
Instagram