Paul Ekman

Intervista a Paul Ekman, di Giuliana Proietti

Read English version

GP Lei ha iniziato ad interessarsi di psicologia leggendo Freud, che ha studiato in un Corso di retorica. So che ha apprezzato molto il suo stile di scrittura, ma cosa può dirci circa le sue teorie? L’hanno convinta sin dall’inizio?

PE No, non mi hanno convinto. Certamente alcune delle sue idee sono così fondamentali che non si possono studiare gli esseri umani senza fare riferimento ad esse; molte delle nostre più importanti azioni sono motivate da processi inconsci; la sessualità ha un ruolo molto importante nel farci comprendere molti comportamenti umani; le esperienze infantili hanno un profondo effetto sulla nostra personalità. Ma molti particolari delle sue teorie non li condivido. Ed ha anche tenuto molto poco in conto le emozioni.

GP Il Dr. Martin Seligman, spesso dice, nei suoi libri, che la psicologia freudiana è troppo pessimista, perché focalizzata principalmente sul trattamento del dolore e del disagio. Al contrario, la psicologia positiva guarda alla prevenzione del disagio, raggiungibile anche attraverso lo stato di benessere. Lei pensa sia possibile ‘indossare’ espressioni facciali positive per diventare più ottimisti e sicuri di sé?

PE Dubito del fatto che indossare un’espressione positiva possa cambiare la qualità della vita; oltre tutto molte persone non riescono volontariamente ad attivare uno dei due specifici muscoli che esprimono la gioia, orbicularis oculi, pars lateralis.

GP Lei ha dichiarato che, da ragazzo, si è interessato alla psicologia perché, in qualche modo, ‘voleva cambiare il mondo’: la psicoterapia era un modo per risolvere o almeno alleviare i problemi dell’umanità. Ora dice di aver cambiato idea. Perché? C’è qualcos’altro nel mondo che può assumersi questo compito?

PE Io sono arrivato a credere che, per comprendere le cause della sofferenza, molto di più può essere fatto dalla ricerca anziché dalla terapia. Entrambe sono importanti, ma ho pensato che i miei talenti potevano essere meglio impiegati nel campo della ricerca.

GP La sua lunga ricerca sulle espressioni facciali ha di fatto creato una nuova scienza su questo argomento, scienza che, in teoria, sarebbe possibile insegnare a tutti… Questa nuova abilità potrebbe realmente aiutare le persone a migliorare le loro relazioni umane?

PE Lo spero. Certamente può aiutare a capire meglio ciò che sentono gli altri. E’ più difficile comprendere i nostri stessi sentimenti, ma ho scritto su queste cose nel mio ultimo libro EMOTIONS REVEALED.

GP Lei ha detto che nelle espressioni umane ci sono i ‘temi’, che riguardano le espressioni universali, e le ‘variazioni’, che riguardano specifiche culture. Quali sono le ‘variazioni’ che appartengono tipicamente al popolo italiano?

PE Mi piacerebbe aver trascorso abbastanza tempo in Italia per conoscerle.

GP Recentemente alcuni scienziati hanno dichiarato di essere pronti al trapianto della faccia umana: se questo fosse realmente possibile, le espressioni su questa faccia devono essere considerate tipiche del nuovo proprietario (che muove i suoi muscoli secondo le sue abitudini) o dovute esclusivamente alle caratteristiche anatomiche della persona deceduta, la cui faccia è stata trapiantata?

PE Ciò che crea le espressioni sono vari centri situati nel cervello; di conseguenza, se il cervello non viene trapiantato, appariranno le stesse espressioni.

GP Nella sua ricerca sulle espressioni facciali lei ha sicuramente affrontato il fenomeno dell’arrossire: non una vera espressione, ma qualcosa che generalmente fa pensare che la persona interessata possa essere ‘colpevole’ o almeno ‘coinvolta’. E’ giusta questa semplice interpretazione delle cose?

PE Secondo Darwin si arrossisce quando ci si sente al centro dell’attenzione degli altri in modo eccessivo o indesiderato. Si arrossisce quando c’è una lode o quando gli altri notano che si è fatto qualcosa in modo sbagliato.

GP Quanta influenza hanno la vita familiare, l’istruzione, l’atmosfera generale nella quale si cresce nel determinare le espressioni tipiche di una persona? E’ possibile cambiarle da adulti?

PE Domande interessanti, ma non conosciamo le risposte.

GP Lei è Consulente sia per il Dipartimento della Difesa americano, il Pentagono e per gli artisti che disegnano cartoni animati… Cosa le dà maggiore soddisfazione?

PE Mi diverte il lavoro con i disegnatori, mi piace aiutarli a fare un lavoro che possa essere divertente; il lavoro con il Dipartimento della Difesa è volto a salvare vite umane attraverso una migliore indagine sui terroristi ed anche se il mio aiuto fornisce solo un piccolissimo contributo, salvare vite umane è più importante.

Giuliana Proietti

Chi è PAUL EKMAN ?

Paul Ekman, è Professore (Emerito) di Psicologia all’Università della California, a San Francisco. Ekman è conosciuto in tutto il mondo come esperto nella ricerca sulle emozioni e la comunicazione non verbale ed in particolare per i suoi studi sull’espressione delle emozioni e la corrispondente attività fisiologica sul viso. La sua ricerca è stata finanziata dal National Institute of Mental Health per 46 anni.

Contrario a quanto ritenevano alcuni antropologi, come Margaret Mead, Ekman ha scoperto che la maggior parte delle espressioni facciali e le loro corrispondenti emozioni non sono determinate culturalmente, ma sono presumibilmente di origine biologica, come teorizzato da Charles Darwin. Le teorie di Ekman sono ora universalmente accettate dal mondo scientifico. Le espressioni da lui ritenute universali riguardano la rabbia, il disgusto, la paura, la gioia, la tristezza e la sorpresa.

Ekman ha anche parlato delle “microespressioni facciali” che possono aiutare nello scoprire se qualcuno mente, in un lavoro chiamato Progetto Diogene. Ha anche sviluppato il Facial Action Coding System (FACS) per classificare tutte le possibili espressioni umane.

Il suo ultimo libro è Emotions Revealed (Times Books, April, 2003).

www.paulekman.com

Psicolinea.it © Agosto 2005

Imm: Sito Paul Ekman

Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona Civitanova Marche, Fabriano
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche Fabriano e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.