fobia del buio

Sera. Non sò perchè sono qua, non sò perchè scrivo, non sò se lei mi può aiutare, non sò se si intende di queste cose, forse no, ma volevo parlare, “confidarmi”, anche se non è adatta come parola, dato che la mia lettera la leggeranno a centinaia…Frequento il terzo anno di un tecnico per il turismo, ho 16 anni. Ed ho una dannata paura del buio. Non sò se considerarla addirittura fobia…ho letto che per considerarsi tale dovrebbero esserci seri attacchi di panico..è così? Ho questa paura da quando ero bimba, e ho notato che aumenta sempre di più quando sento di particolari delitti, certe sere non riesco ad addormentarmi per quanta è, altre invece no, ma sò che c’è sempre, lo sento. Ho sempre pensato, e penso tutt’ora che derivi da un mostro che vidi quando ero piccola in una serie televisiva che guardava e guarda tutt’ora mia mamma, “Streghe”, avrò avuto 5 anni o giù di li…tutt’ora quando mi capita di sentirne parlare mi prende l’ansia. Tutt’ora, la notte, nel buio, mi immagino il suo volto, ma non solo il suo…tanti volti, che non conosco, che non ho mai visto, ma li immagino…mi allarmo per ogni minimo rumore, e mi immagino delle figure che mi seguono, e corro per l’ingresso di casa spaventata…sagome di uomini, o donne, senza volto, tutte nere, o con un volto sconosciuto, che mi vengono dietro e non sò perchè….ed io scappo.Qualche tempo fa, non sò se due o tre mesetti, vidi uno speciale su una serial killer americana, non sò cosa mi stava passando per la testa…misi il canale, lo lasciai cinque minuti poi appena vidi la sua faccia mi voltai, quella notte non riucii a dormire quasi per nulla…il cuore mi batteva a mille, avevo il fiatone, e piangevo….Non riesco a spiegarmi qui, sarei sempre voluta andare da uno psicologo, per avere qualcuno a cui parlare di tutto, che magari ti aiuti…Ormai penso si sia capito, che non ho paura del buio in quanto tale, ho paura di ciò che si cela dietro, di tutto quello che si nasconde in lui..nessuno sa questo, no

Gentilissima,

Hai probabilmente sviluppato una fobia del buio, forse a cominciare da quel trauma che ben ricordi. Credo però che a questo contribuisca anche l’abitudine familiare a vedere certi films, senza alcuna protezione per i bambini, dove gli omicidi e le scene di violenza sono la regola e non l’eccezione. Una persona particolarmente sensibile, vedendo certe scene, può identificarsi con la vittima e poi sviluppare delle paure immotivate, confondendo fantasia e realtà. Credo che l’idea di rivolgerti ad uno psicologo possa essere giusta. Altre cose che penso potrebbero essere indicate: 1. parlarne con i genitori: a volte i genitori possono essere molto di aiuto quando i figli hanno bisogno di risolvere un loro problema. Forse non si sono accorti di questo tuo disagio, forse non ne avete parlato insieme in modo sufficiente. Prima di escludere questa possibilità dunque, prova a cercare un contatto con loro. 2. Spegnere la televisione per un certo periodo di tempo: in Tv, oltre ai filmacci che abbiamo detto, si parla di una serie di atti criminali, serial killer, infanticidi e quant’altro, come se quella fosse la realtà… Per fortuna non è così e tutto quel trash viene utilizzato nei contenitori televisivi solo per fare audience. Così, una cosa che magari è successa chissà dove nel mondo te la amplificano, te la fanno vedere come se in qualche modo ti potesse riguardare, in modo da suscitare emozioni e tenere incollati allo schermo milioni di telespettatori (il famoso “pubblico sovrano”… Mah!). Per questo, concediti una vacanza: almeno tre mesi senza vedere la TV. Solo musica, chat e film divertenti: anche questa non è la realtà, ma come “autoterapia” può funzionare.
Ciao e auguri.

Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

About

cocaina

Cocaina: cosa è, come funziona

Cocaina: che cosa è La cocaina è una sostanza stupefacente. Agisce come stimolante del sistema nervoso centrale, è vasocostrittore ed anestetico, con ...
Leggi Tutto
casa natale

Quando Anna Freud visitò la casa natale del padre (1931)

Casa natale di Freud: festeggiamenti nel 1931 con la figlia Anna Nel 1931 gli psicoanalisti Nicolaj Osipov, Jaroslav Stuchlik ed ...
Leggi Tutto
segreti di un'anima

Segreti di un’anima: il primo film sulla psicoanalisi, 1926

E arrivò il momento in cui anche il cinema si accorse di Freud. Nel 1925 il produttore hollywoodiano Samuel Goldwyn ...
Leggi Tutto
analisi laica

L’analisi laica, Freud e il caso Theodor Reik

Theodor Reik (Vienna, 12 maggio 1888 – New York, 31 dicembre 1969) fu uno psicoanalista austriaco, seguace e stretto collaboratore ...
Leggi Tutto
Fritz Wittels

Fritz Wittels e la prima biografia di Sigmund Freud

Fritz Wittels, medico e psicoanalista austriaco (1880-1950), allievo di Freud, membro della società psicologica del mercoledì, viene ricordato soprattutto perché ...
Leggi Tutto
Francia

La psicoanalisi fu accolta tiepidamente in Francia, Freud dixit

Freud non era soddisfatto della diffusione della pediatria in Francia. Nel 1923 Freud rilasciò una intervista al giornalista francese Raymond ...
Leggi Tutto
obiezioni alla psicoanalisi

Obiezioni alla psicoanalisi

I maggiori obiettori della psicoanalisi sono stati, sin dall'inizio, gli antropologi, i filosofi e gli psichiatri: per loro la teoria ...
Leggi Tutto

I gusti letterari di Sigmund Freud

Di Sigmund Freud si può dire veramente di tutto, tranne che il padre della psicoanalisi non avesse un ottimo livello ...
Leggi Tutto
periodo ungherese

Freud, la psicoanalisi e il periodo ungherese

Sopra: Anton Von Freund (1880-1920) Come si può facilmente immaginare, anche Sigmund Freud, seppure giunto ormai all'apice del successo professionale, ...
Leggi Tutto
grande guerra

Freud e la Grande Guerra

Nel Luglio 1914 Sigmund Freud pensava più alle dimisssioni di Carl Gustav Jung più che all'imminente conflitto mondiale ("Finalmente ci ...
Leggi Tutto
sorelle Freud

Sigmund Freud , le sue sorelle e l’invidia del pene

Le sorelle Freud furono delle vittime, non solo del nazismo (tutte, tranne Anna, sposata in America, morirono in un campo ...
Leggi Tutto
Mosè di Michelangelo

1913 Freud studia il Mosè di Michelangelo

In genere "l'incomparabile bellezza di Roma" riusciva a ritemprare lo spirito di Freud. E fu per questo che, dopo la ...
Leggi Tutto
Jung e Freud

Jung: quando e perché decise di allontanarsi da Freud

"Sotto l'influenza della personalità di Freud avevo - per quanto possibile - rinunciato al mio proprio giudizio, e represse le ...
Leggi Tutto
pregiudizi razziali

Jung ha dei pregiudizi razziali (Freud dixit)

Secondo quanto Freud comunicò ad Abraham nell'Agosto del 1908, dopo il famoso viaggio in America fatto insieme, il padre della psicoanalisi ...
Leggi Tutto
sorella preferita

Rosa Freud, la sorella preferita di Sigmund: una vita davvero sfortunata

Sopra: Le sorelle Freud. Da sinistra: Adolfine [Dolfi], Marie [Mitzi], Rosa, and Pauline [Pauli]  Prints & Photographs Division Library of ...
Leggi Tutto

Freud e le sue due mogli

Il documento che vedete qui a sinistra sarebbe la 'prova provata' che Freud aveva una relazione con Minna, sua cognata, ...
Leggi Tutto

Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona Civitanova Marche, Fabriano
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche Fabriano e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.