Freud rivisitato con scandalo e denunce di plagio

Denunce di Plagio dell’opera di Freud – A chi appartiene il linguaggio di Freud? Chi ha il diritto di interpretarlo?

Le iniziative per ricordare Sigmund Freud a 150 anni dalla sua nascita si moltiplicano (fra cui ricordiamo la nostra, Freudiana, nella quale stiamo pubblicando a puntate la vita di Sigmund Freud – che troverete nei post precedenti o cercando ‘freudiana’ sui motori di ricerca).

Vogliamo però riportarvi un’accesa controversia, con complessi strascichi giudiziari, che riguarda l’editore Bollati Boringhieri, il quale ha pensato di ri-tradurre l’opera di Freud, con qualche aggiornamento.

Certamente ogni revisione, ogni correzione di eventuali refusi è un’opera meritoria, però effettivamente sembra che, in questa vicenda si sia ecceduto nelle traduzioni e nel trasformismo, quasi per lanciare una provocazione a 360 gradi : di chi è veramente Freud? Della società psicoanalitica italiana? Del suo editore? Del suo traduttore ufficiale? Dei suoi lettori? Chi ha il diritto di cambiare il suo innaturale modo di esprimersi in Italiano? Ed è un dubbio, crediamo legittimo. A questo punto: dobbiamo tutti studiare il tedesco e leggere Freud nella versione originale, per tentare di capirlo davvero?

Ecco cosa se ne dice in un articolo, tratto da Rai News 24:

L’opera, recentemente pubblicata, è stata già ritirata dal commercio. La nuova traduzione, che riguarda per il momento solo Scritti di metapsicologia e Storia della Psicanalisi, si presenta in effetti come una revisione, affidata a Michele Ranchetti, quasi come se la precedente versione, curata da Renata Colorni sotto la direzione di Cesare Musatti, non fosse attendibile.

La Colorni non ha gradito la revisione, che è stata fatta senza il suo consenso, ed ha denunciato per plagio la Bollati Boringhieri, con relativa richiesta di un risarcimento adeguato alla gravità del danno subìto. Secondo il germanista Luigi Reitani nella nuova versione ci sono errori davvero enormi. «Trovo che tutta l’operazione sia di una leggerezza sconcertante, a cominciare dalla scelta dei testi inseriti nei due volumi. Il proposito principale del curatore era quello di ‘contestualizzare’ Freud, ma il risultato è invece quello di smembrare i suoi scritti. Non si capisce per esempio perché dal volume degli Scritti di Metapsicologia sia escluso Al di là del principio del piacere, che a detta dello stesso Ranchetti di quegli scritti rappresenta il vertice speculativo».

«L’esito della nuova traduzione – sostiene Reitani – è contraddittorio e confuso. La ‘Besetzung’ di Freud – finora tradotta in italiano con ‘investimento’, il termine più vicino alla sua connotazione militaresca ed economica, diventa ‘caricamento’, con effetti talvolta bizzarri. Il termine ‘Melancholie’, che in Freud designa una situazione patologica e non uno stato d’animo, è appiattita nel comune ‘malinconia’, contro il più preciso ‘melanconia’ della precedente traduzione. Il termine ‘Einfall’, usato per esprimere l’importante concetto di ‘associazioni libere’, si trasforma in ‘idee spontanee’ o ‘libere idee spontanee’. ‘Repräsentanz’ è stato tradotta non proprio limpidamente con ‘vicario’, con qualche acrobazia nei composti, per cui l’espressione ‘psychische (Vorstellungs-)repräsentanz’ è resa con ‘vicario psichico (in forma di rappresentazione)’. ‘Fixierung’ diventa ‘ancoraggio’ (e non più ‘fissazione’), non so con quale coerenza rispetto al principio di un lessico che si vorrebbe più vicino al linguaggio quotidiano».

«La distinzione tra ‘Befriedigung’ e ‘Erfüllung’ è sostanzialmente annullata dal traduttore Stefano Franchini, che talvolta – invertendo quanto aveva fatto Musatti – sceglie ‘appagamento’ per il primo e ‘soddisfacimento’ per il secondo, mentre altre volte usa invece per entrambi i termini ‘soddisfacimento’, o impiega ‘esaudire’ per il verbo ‘erfüllen’, per poi ritornare ancora ad ‘appagamento’ per ‘Erfüllung’. ‘Versagung’ diventa di volta in volta ‘fallimento’, ‘rifiuto’ e persino ‘fiasco’, ma permane ancora la scelta musattiana di ‘frustrazione’. ‘Selbstgefühl’ è banalizzato in ‘amor proprio’, salvo a riproporlo altrove come ‘sentimento di sé’ sulla scia di Musatti.

Questa preoccupante oscillazione nella resa degli stessi termini non è rara, come prova ancora il caso dell’espressione ‘halluzinatorische Wunschpsychose’, che ora è tradotta con ‘psicosi allucinatoria conforme al desiderio’, ora semplicemente con ‘psicosi allucinatoria di desiderio’». Reitani ammette che «sarebbe sbagliato pretendere una resa sempre uniforme degli stessi termini (neppure l’edizione di Musatti lo faceva), ma ciò non giustifica l’arbitrio e la casualità delle soluzioni». Ragion per cui non esita a dichiarare di preferire assolutamente la vecchia edizione. A proposito della quale gli piace ricordare che «la traduzione e la cura editoriale di Renata Colorni sono state a ragione additate a livello internazionale come un esempio straordinario di intelligenza ermeneutica e di affidabilità nella lettura.

Naturalmente questo non significa che non possano esserci punti in cui oggi si possono proporre soluzioni alternative. Ma questo dovrebbe avvenire sulla base di solide argomentazioni, cosa che l’edizione Ranchetti evita appunto di fare». Ai suoi critici Ranchetti obietta che «Freud non è il genio che ha capito tutto una volta per sempre, va riletto e rimesso in discussione, situato nel suo contesto». Ma Reitani giudica questa affermazione «così incontestabile da risultare banale. Quale pensatore non va continuamente riletto e rimesso in discussione? Non capisco come Ranchetti possa far passare la sua edizione come un invito a leggere Freud liberandolo dalla crosta di una lettura istituzionale. Al contrario trovo che la sua scelta di testi e le sue scelte di traduzione siano molto più dogmatiche, perché vincolano l’interpretazione assai più di quello che faceva l’edizione Musatti, che dava conto delle proprie scelte e offriva così la possibilità di metterle in discussione». Abbaglio clamoroso quello che trasforma il piccolo Hans, il bambino di cinque anni del celebre caso omonimo, in un ragazzo di quindici anni. Ma la vera sconvenienza – secondo Reitani – «è che la cosiddetta ‘nuova’ traduzione è in gran parte derivata dalla precedente senza che questo sia detto. Da qui la fondata accusa di plagio. Dove invece il testo è stato mutato, il risultato è a mio avviso disastroso, perché ai vecchi e nuovi fraintendimenti si aggiunge la perdita completa dell’eleganza della prosa di Freud. E poi c’è il problema della mutata terminologia. Ammetto che si possano proporre soluzioni nuove, ma non si può cambiare da un giorno all’altro tutta la nomenclatura freudiana senza spiegarne le ragioni e motivare le scelte fatte».

Come risponde alle accuse il curatore dell’opera contestata, Michele Ranchetti? «Ben venga la segnalazione dei refusi, ma non basta fissarsi su questi, senza segnalare, per esempio, che abbiamo pubblicato materiali inediti molto importanti.» – afferma dalle colonne del Corriere della Sera.

E rilancia la sua accusa: «La psicoanalisi italiana è un ambiente sordo. Si vuol mettere sull’altare Freud, rifiutando ogni nuovo invito alla lettura, magari senza averlo neanche letto attentamente. L’Inghilterra ha prodotto l’edizione critica più autorevole delle opere freudiane, quella di James Stracey: un’edizione unica e completa che fu la base per Musatti. Eppure, è stata a sua volta rivista completamente e presto uscirà una nuova edizione senza scatenare nessuno scandalo.

In altri climi culturali il progetto di ridiscutere un monumento culturale come Freud è lecito… In Italia non è così, specie se la revisione di Freud, come nel mio caso, non nasce all’interno della Società psicoanalitica italiana, che oggi si sente proprietaria morale dell’edizione Musatti».

Tratto da Rai News 24

Giuliana Proietti

Pierre Janet

Freud e Janet: storia di un’ingiustizia

Pierre Janet anticipò molte delle teorie di Freud, ma oggi pochi ne conoscono il nome. Sopra: Pierre Janet Provate a ...
Leggi Tutto
isteria

Tutto sull’isteria

L'isteria è una sindrome nevrotica dal quadro clinico molto eterogeneo, caratterizzato da sintomi fisici senza base organica. Ciò ha indotto ...
Leggi Tutto

Freudiana Declino di Charcot e ascesa di Bernheim

Hyppolite Bernheim Charcot era famoso presso i suoi contemporanei per la sua attività legata all'isteria e all'ipnotismo. Il suo aprire ...
Leggi Tutto
Berggasse 19

Berggasse 19: casa Freud

Sopra: Berggasse a Vienna Nell'estate del 1891, la famiglia Freud traslocò nell'appartamento di Berggasse 19, nel IX distretto comunale di ...
Leggi Tutto
Charcot

Freud a scuola da Charcot

Freud e l'occasione della vita: apprendere l'ipnosi da Charcot Sopra: Charcot alla Salpétrière Il 18 luglio del 1885 Freud, in ...
Leggi Tutto

Sigmund Freud e la sua Principessa

Sopra: Freud e Martha nel 1886 Freud aveva incontrato Marta Bernays, si era innamorato e fidanzato con lei nel giugno ...
Leggi Tutto

Freud ed i suoi sigari

Quando il nipote di Sigmund Freud, Harry, rifiutò l’offerta di un sigaro da parte dello zio, da questi si sentì ...
Leggi Tutto
Freud e la madre

Freud e la madre

Sopra: Freud, 17 anni con la madre Amalia Il giovane Freud, primo figlio della famiglia di Jacob Freud e Amalie ...
Leggi Tutto

Freudiana – Gli anni della formazione di Freud

La famiglia di Jacob Freud, trasferitasi a Vienna, non raggiunse mai la sicurezza economica, ma riuscì però a garantire al ...
Leggi Tutto

Freudiana: Freud e l’ebraismo

Pur non essendo stato allevato alla maniera ebraica ortodossa e non essendo in grado di leggere l’ebraico, Freud conservò un ...
Leggi Tutto
famiglia Freud

Freudiana : La famiglia Freud

1866 A sinistra: Jacob e Sigmund Freud Il 24 luglio 1844 Abraham Siskind Hoffman, un mercante ebreo residente nella città ...
Leggi Tutto
ottocento

Freudiana: L’ambiente culturale nella prima metà dell’Ottocento

Prima metà dell'Ottocento: l'ambiente culturale Collana Freudiana. - Romanticismo L’illuminismo aveva ‘rischiarato’ la mente degli uomini, liberandoli dalle tenebre dell’ignoranza, ...
Leggi Tutto
Storia

Freudiana: la storia sullo sfondo

La storia dell'Austria al tempo della nascita di Freud Il Congresso di Parigi si riunì nella capitale francese dal 25 febbraio al ...
Leggi Tutto
ebraismo

Freudiana La condizione degli ebrei al tempo di Freud

L'ebraismo al tempo di Freud Per la collana Freudiana parliamo della condizione degli ebrei nei paesi europei al tempo della ...
Leggi Tutto
Pribor

Freudiana: Freiberg / Příbor, il paese dove è nato Freud

Pribor: la città natale di Freud Il viaggio alla scoperta di Freud comincia dal luogo della sua nascita: Austria, città ...
Leggi Tutto
Scienza ed arte

Freudiana: la scienza sullo sfondo

La scienza al tempo di Freud Conosciamo, per la collana Freudiana, dove era arrivata la scienza nel periodo di Freud ...
Leggi Tutto

Freudiana L’ebraismo

Freudiana: Il debito di Freud verso l'ebraismo Il termine indica le credenze religiose, le tradizioni culturali, i rituali, i vincoli ...
Leggi Tutto
Arte al tempo di Freud

Freudiana L’arte al tempo di Freud

Che tipo di arte andava di moda al tempo di Freud? Collana Freudiana  La rivoluzione industriale cominciava a distruggere le tradizioni ...
Leggi Tutto
Freudiana

Freudiana: presentazione

Freudiana Comincia oggi una serie di articoli dedicati a Freud e alla sua opera. Questo è il primo post. In ...
Leggi Tutto
Libido di cosa si tratta

Freudiana – La libido: di cosa si tratta?

Libido: di cosa si tratta? Informazioni sul concetto psicoanalitico di libido. Lo trovi in Freudiana, collana di articoli su Freud ...
Leggi Tutto
Sigmund Freud

Sigmund Freud: la biografia

La nascita Nacque il 6 Maggio 1856 in Moravia, a Freiberg, da una modesta famiglia ebrea. A causa del crescente ...
Leggi Tutto
libri di Freud

Libri di Sigmund Freud

Riassunti dei libri di Sigmund Freud a cura della Redazione di Psicolinea.it ● Sigmund Freud, L’INTERPRETAZIONE DEI SOGNI (1899) Il ...
Leggi Tutto
Please follow and like us:

Author Profile

Redazione di Psicolinea
Redazione di Psicolinea
Psicolinea è uno dei primi siti di psicologia in Rete, nato ufficialmente il 13 Ottobre 2001.
Fondatori e Curatori del Sito sono gli psicoterapeuti sessuologi Dr. Giuliana Proietti, la quale cura la rubrica di Consulenza online Dentro e fuori di Te e il Dr. Walter La Gatta, , il quale cura la rubrica di posta per la Consulenza online Questioni di Sex.

Il sito si avvale di numerosi collaboratori, che pubblicano anche in inglese e francese.

Psicolinea ha come slogan  "la psicologia amica", perché il suo intento è quello di diffondere il sapere psicologico, rendendolo accessibile a tutti.

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche, Fabriano e via Skype
Tweets di @psicolinea

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché scegliere i Terapeuti di Psicolinea: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Ti piace Psicolinea? Seguici anche sui Social ;-)

RSS
Facebook
YouTube
Instagram