Psicologia delle masse e analisi dell’Io – Freud 1921

Psicologia delle masse

Nel 1921 Freud pubblicò un libretto, di circa cento pagine, chiamato Psicologia delle masse e analisi dell’Io. Era quello un periodo di grave crisi economica e un periodo in cui stavano nascendo le lotte operaie organizzate, le grandi ideologie, le dittature. In Austria si assiste  agli effetti della disgregazione dell’Impero asburgico, avvenuta alla fine del 1918; in Italia nascono il Partito Nazionale Fascista e il Partito Comunista Italiano, mentre in Germania Adolf Hitler diventa leader del Partito nazionalsocialista tedesco.

Freud cominciò ad interessarsi sempre di più ai comportamenti delle masse, affrontando i temi sociologici in chiave psicoanalitica. Prendendo spunto dal testo di Gustave Le Bon, Psicologia delle Folle, Freud cominciò a riflettere sulla psicologia collettiva, cercando di dimostrare che i fenomeni che regolano la vita di gruppo non sono poi così lontani dalle scoperte psicoanalitiche relative ai processi individuali.

Vi sono anzitutto due tipi di masse: quella occasionale, transitoria, non organizzata e quella organizzata (e dunque “artificiale”), che proprio per questo è destinata a durare di più nel tempo (un esempio ne sono la Chiesa e l’esercito).

L’ “anima della massa” viene dunque descritta come  elementare e passionale, incline alle illusioni, essendo il SuperIo temporaneamente accantonato, a vantaggio di un legame di tipo quasi ipnotico, che fa scatenare le pulsioni, perdere lo spirito critico, sentire un senso di onnipotenza e di impunità.

Gli individui che fanno parte di una massa perdono dunque autonomia ed equilibrio, ma acquisiscono la sensazione di essere forti, in quanto parte di un tutto organizzato, che rassicura e protegge.

La massa è mutevole, impulsiva, irritabile ed, essendo governata interamente dall’inconscio, non tollera alcun indugio fra il desiderio e la realizzazione di quel desiderio: il suo anelito però non dura mai a lungo, perché la massa è incapace di volontà duratura. Del resto, niente di tutto quello che fa la massa è premeditato.

L’individuo nella massa vive dunque una regressione narcisistica, con la scomparsa di tutte le inibizioni individuali, a favore di istinti, buoni e cattivi, ormai del tutto fuori controllo. Non è raro che la massa compia atti crudeli, come il linciaggio, ma anche gesti di generosità estrema, superando anche i limiti imposti dalla necessità di autoconservazione.

Ogni individuo rinuncia al suo “ideale dell’Io” per trasferirlo sul suo Leader: la prima identificazione la si ha con il leader, che simbolizza il gruppo e lo dirige. Si tratta di una identificazione narcisistica: una parte di sé, il proprio Ideale dell’Io, viene sostituito dall’Ideale dell’Io del Leader (e da qui la riduzione dell’individualità e dello spirito critico, in quanto l’ideale dell’Io del capo diventa l’Ideale dell’Io di tutti, cancellando le differenze e le rivalità a favore di un sentimento di identità e di comunione). Ciascuno è legato al Capo da un legame d’amore e si aspetta che anche il Capo lo ricambi con lo stesso amore. Il segreto del Capo è dunque nell’Eros, che “tiene unite tutte le cose del mondo”.

Essendo negata l’ambivalenza, l’idealizzazione del Capo in realtà maschera l’odio, l’invidia, l’aggressività, che vengono proietti sugli avversari e su quanti, all’interno del gruppo, non si identificano completamente con il Leader. A questo proposito, va anche considerato che le “piccole differenze” vengono narcisisticamente sovrainvestite e diventano grandi differenze: in questo modo il dissidente del gruppo può diventare più nemico del nemico stesso, in quanto mette a repentaglio l’unità del gruppo.

Il sentimento sociale sta dunque nella trasformazione di un sentimento precedentemente ostile in un attaccamento positivo, sotto forma di identificazione.

Accade, secondo Freud, un qualcosa di molto simile anche nell’amore: in fondo anche due persone possono essere considerate un gruppo, un piccolo gruppo, (una “folla a due”) e, quando si innamorano, vivono la stessa condizione di suggestionabilità, tipica delle masse.

Dr. Giuliana Proietti, psicoterapeuta, Ancona

Fonte: Dominique Bourdin, Cento anni di psicoanalisi, Dedalo

Immagine: manifestazione a Giacarta, Wikimedia

nevrosi

Nevrosi e Psicosi – Freud 1924

In due articoli del 1924 Freud precisa le affinità e le differenze fra nevrosi e psicosi: "La nevrosi sarebbe un ...
Leggi Tutto
L'Io

L’Io e l’Es – Freud (1922)

Nell’opera L’Io e l’Es del 1922, Freud individua tre istanze dell’apparato psichico che non chiama più conscio, preconscio e inconscio, ...
Leggi Tutto
Psicologia delle masse

Psicologia delle masse e analisi dell’Io – Freud 1921

Nel 1921 Freud pubblicò un libretto, di circa cento pagine, chiamato Psicologia delle masse e analisi dell'Io. Era quello un ...
Leggi Tutto
narcisismo

Freud, Introduzione al narcisismo

Ecco come descrive Freud, nel 1914, la sua 'Introduzione al Narcisismo' ad uno dei suoi seguaci della prima ora (Abraham): ...
Leggi Tutto
Totem e tabù

1913 Totem e tabù

Dopo la rottura con C.G. Jung ed in risposta all'interesse per la mitologia del suo ex allievo, Freud pubblicò, nel ...
Leggi Tutto

Freud-Jung: ultima corrispondenza di fuoco

Sopra: Carl Guastav Jung  nel 1912 A sin. Freud e la figlia Anna in vacanza sulle Dolomiti,  1912, Come sostenne ...
Leggi Tutto
secondo svenimento

1912: secondo svenimento pubblico di Freud

Freud svenne due volte, in presenza di Jung: una volta nel 1909, prima di partire per l'America, un'altra volta nel ...
Leggi Tutto

Psicoanalisi: il Comitato Segreto

Da sinistra: Rank, Abraham, Eitington, Jones. In basso: Freud, Ferenczi e Sachs ritratti nel 1920. Durante l'estate del 1912 Jones ...
Leggi Tutto
Leonardo da Vinci

Un ricordo d’infanzia di Leonardo da Vinci

Nel 1910 Sigmund Freud pubblicò "Un ricordo d'infanzia di Leonardo Da Vinci", la sua prima psicobiografia. L'inventore della psicoanalisi era ...
Leggi Tutto
norimberga

1910: Il Congresso di Psicoanalisi a Norimberga

Nel 1910 fu organizzato un Congresso di psicoanalisi, allo scopo di da far convergere i sostenitori della scienza psicoanalitica in ...
Leggi Tutto
Freud e Jung

Freud e Jung ospiti di Putnam sui Monti Adirondack

Sopra: Lake Placid e Monti Adirondack. Scrisse Freud, nel 1924, nella sua autobiografia: ”La psicoanalisi non ha perso terreno in ...
Leggi Tutto
Statua di un prete

Freud alla Clark University (1909)

Sopra: Statua di un prete, antichità cipriota (sesto secolo A.C.) conservata presso il Metropolitan Museum di New York. La storia ...
Leggi Tutto
quarta conferenza

Quarta Conferenza sulla psicoanalisi – Freud 1909

Sopra: Edipo e la Sfinge Continuiamo a parlare delle conferenze tenute da Freud presso la Clark University di Worcester, USA ...
Leggi Tutto

Freud, la nevrosi ossessiva e l’Uomo dei Topi

L'Uomo dei Topi era un paziente di Freud, un avvocato di circa trent’anni che aveva sofferto fin dalla prima infanzia ...
Leggi Tutto
Salisburgo

I retroscena del Congresso di Salisburgo (27 Aprile 1908)

Ernest Jones. Arrivò a Salisburgo il giorno prima che iniziasse il Congresso. Quando varcò la soglia dell'Hotel Bristol si sentì ...
Leggi Tutto
Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Psicoterapeuta Sessuologa
ANCONA FABRIANO CIVITANOVA MARCHE
Per appuntamenti: 347 0375949 - g.proietti@psicolinea.it

E' possibile anche fissare degli appuntamenti Via Skype.
https://www.psicolinea.it/sostegno-psicologico-distanza/

Per leggere il CV:
https://www.psicolinea.it/dr-giuliana-proietti_psicologa_sessuologa_ancona/

Per vedere dei videofilmati su YouTube
https://www.youtube.com/user/RedPsicCdt

Per la pagina Facebook
https://www.facebook.com/Giuliana.Proietti.Psicosessuologia

Per il Profilo Facebook
https://www.facebook.com/giuliana.proietti.psicologa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Ti piace Psicolinea? Seguici anche sui Social ;-)

RSS
Facebook
YouTube
Instagram