Mitologia

Nell’autunno del 1909, a due settimane dal ritorno dall’America, Jung disse a Freud: “L’archeologia, o piuttosto la mitologia, mi ha assolutamente conquistato”.

Al che Freud rispose: “Mi fa proprio piacere che anche Lei si stia interessando alla mitologia” aggiungendo: “Un po’ di solitudine in meno… Spero che presto lei converrà cone me che assai probabilmente la mitologia è incentrata sullo stesso nucleo delle nevrosi”.

Quattro giorni dopo Jung rispose: “Per me non esiste più alcun dubbio su ciò che i miti più antichi e più spontanei tentano di esprimere: parlano nel modo più “naturale” del nucleo delle nevrosi”.

Per comprendere i problemi delle nevrosi dunque si apriva una nuova strada: quella della antica mitologia e della storia della civiltà.

Jung, notte dopo notte, mese dopo mese, si immergeva nella lettura dei miti e questo gli faceva venire nuove idee circa il significato della psicoanalisi come movimento intellettuale. Jung intendeva riaccendere nelle persone di cultura la sensibilità al simbolo e al mito. Anche la stessa figura di Cristo poteva essere, secondo lo psicoanalista svizzero, utilizzata in questo senso: riportando Cristo al vecchio, profetico Dio della vigna, sarebbe stato possibile convogliare gli istinti estatici della Cristianità in un solo progetto, tornando a rendere il culto e il mito sacro ciò che erano un tempo, una festa di gioia e di ebbrezza, dove l’uomo riguadagnava la moralità e la sacralità di un animale.

Freud era un po’ preoccupato per queste pericolose associazioni che l’amico Jung faceva fra mito, religione e psicoanalisi. Non voleva essere considerato il fondatore di un mito religioso: le sue intenzioni non si spingevano certamente così in là… Freud specificò chiaramente a Jung che non stava cercando di fare della psicoanalisi un sostituto della religione.

Bibliografia:

Lettere fra Freud e Jung 1906-1913, Boringhieri
Donn, Freud e Jung, Leonardo

Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

Immagine:
Mengs, Wikimedia

ceneri di Freud

Le ceneri di Freud

Nel 1939, dopo la morte di Freud, avvenuta quando lo psicoanalista aveva 83 anni, la sua salma fu cremata e ...
Leggi Tutto

Così era Freud, racconta l’ultima sua paziente ancora in vita

Il racconto dell'ultima paziente di Freud. In un giorno di primavera del 1936, Margarethe Walter, accompagnata da suo padre, chiese ...
Leggi Tutto
Mitologia

Quando Freud e Jung ‘scoprirono’ la mitologia

Nell'autunno del 1909, a due settimane dal ritorno dall'America, Jung disse a Freud: "L'archeologia, o piuttosto la mitologia, mi ha ...
Leggi Tutto
morte

Freud in vita e in morte

Freud aveva molta paura della morte. Il suo tormentato rapporto con questo evento ineluttabile si manifestava attraverso molte fobie, ossessioni ...
Leggi Tutto
libreria

Quando la libreria scricchiolò e Freud e Jung ebbero paura degli spiriti

Sopra: la libreria di Freud. Nel Marzo 1909 Carl Jung, insieme alla moglie Emma andarono a trovare i Freud presso ...
Leggi Tutto
quarta conferenza

Pro e contro il complesso edipico

Nell'Ottobre del 1897, Sigmund Freud scrisse al suo collega ed amico Wilhelm Fliess: «Ho trovato in me, come negli altri, ...
Leggi Tutto
sala d'attesa Freud

Dalle riunioni del mercoledì alla società psicoanalitica viennese

Sopra: sala d'attesa di casa Freud, dove avvenivano le riunioni del mercoledì. Per molto tempo la psicoanalisi fu solo Sigmund ...
Leggi Tutto
Italia

I viaggi in Italia del Dr. Freud

Per tutta la sua vita, Freud fu particolarmente attratto dalla Grecia e dall'Italia, luoghi dove sono nati i miti e ...
Leggi Tutto
sessualità

Sessualità, nevrosi e perversioni secondo Freud

Sessualità in Freud: una sessualità autonoma, sterile, finalizzata al piacere autoerotico, come quella del bambino A sinistra: Freud con la madre ...
Leggi Tutto
pessima impressione

1907 Jung fa una ‘pessima impressione’ parlando di Freud

Sopra Freud in una foto da lui inviata a Jung Nell'estate 1907 Carl Jung partì per Amsterdam, dove doveva tenere ...
Leggi Tutto
Dora

I sogni di Dora (e la relativa interpretazione di Freud)

Pour faire une omelette il faut casser des oeufs. (Per fare una frittata bisogna rompere le uova). E' una celebre ...
Leggi Tutto
i sogni

Freud, i sogni ed il sogno dell’iniezione di Irma

Sopra: schema sulla concezione freudiana del sogno Con il libro L'Interpretazione dei sogni (1899) Freud rinuncia allo studio della base ...
Leggi Tutto
Amleto

Sofocle, Shakespeare, Edipo, Amleto e Freud: scopriamo la liaison

Sopra: Amleto Freud nella Interpretazione dei Sogni (1899) analizza i casi di Edipo e di Amleto, trovandovi delle affinità riguardo ...
Leggi Tutto
Dora e il fratello Otto Braun

Freud e il caso clinico di Dora

Sopra: Ida (Dora) e il fratello Otto Braun, nel 1890 In una lettera del 14 ottobre 1900, Freud comunicò a ...
Leggi Tutto

1905: Tre saggi sulla Teoria Sessuale

Tre saggi sulla teoria sessuale, al di là di quello che farebbe pensare il titolo, è un libro abbastanza piccolo ...
Leggi Tutto
Psicopatologia della vita quotidiana

Psicopatologia della vita quotidiana

Nel 1904 Freud pubblicò la Psicopatologia della Vita Quotidiana (1901) in forma di volume. Con questo libro egli trovò crescente ...
Leggi Tutto
Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona Civitanova Marche, Fabriano
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche Fabriano e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

3 thoughts on “Quando Freud e Jung ‘scoprirono’ la mitologia”

  1. Con tutto il rispetto per Jung e Freud, non credo affatto che i miti siano frutto di nevrosi. Anzi,ritengono che non solo loro due, ma molti pseudoscienziati abbiano tentato di fare della psicoanalisi un sostituto della religione.

  2. Se quello che ci sta chiedendo è l’effettiva validità scientifica dei test di personalità presenti online la risposta è: scarsissima!

    Un test valido deve essere infatti somministrato ad un campione rappresentativo della popolazione generale e deve presentare dei risultati ripetibili anche su campioni diversi, o in condizioni diverse (es. diverso somministratore).

    Lei capisce che questo non è possibile per ogni singolo test che viene messo online. Questi devono essere considerati più un divertimento che un modo per fare scienza.

  3. Gentile staff di Psicolinea,
    visto che spesso anche in questo blog si parla o si nominano TEST ON-LINE o QUESTIONARI ON-LINE e premesso che in genere chi utilizza i test online lo fa per il proprio interesse primariamente, mi chiedevo se siete a conoscenza di modi (ammesso che sia possibile) per avere la certezza che un test on-line sia effettivamente svolto dalla persona interessata. Ho visto che alcune università lo fanno e proprio per questo mi chiedo se c’è un metodo per assicurare la “bontà” del risultato.

    Grazie
    Roberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.