Sterilita’ incurabile

sterilità

Il problema dell’infertilità è in costante crescita anche se, nello stesso tempo, la medicina mette a punto ogni anno dei nuovi metodi e nuove cure. Dalla prima bambina nata con fecondazione artificiale in Gran Bretagna, nel 1978 ai sofisticati trattamenti moderni come la FIVET, gli embrioni crio-conservati, l’ICSI, la possibilità della donazione di ovoviti, ecc. la medicina ha indubbiamente fatto moltissimi progressi in questo campo.

Ciò nonostante, in molte coppie infertili questi trattamenti non hanno successo. Uno studio svedese si è chiesto cosa succede alla coppia che, dopo essersi sottoposta a diversi trattamenti di fecondazione assistita, si rende conto di non avere più speranza. Dopo anni e anni di attesa, speranze, disperazione, le persone riescono davvero a rassegnarsi?

Uno studio svedese, seppure non nuovissimo (2006) si rivela particolarmente interessante, perché i suoi risultati non sono quantitativi, ma qualitativi. In altre parole, i ricercatori non hanno voluto scoprire le statistiche rispetto ad una o più variabili, ma hanno cercato di comprendere i vissuti di un gruppo di donne sterili, che si erano sottoposte venti anni prima ad interventi per favorire la fertilità.

Sono state dunque ricontattate delle donne che 20 anni prima avevano cercato un aiuto per problemi di infertilità. Il campione originale consisteva in un gruppo di 151 donne che avevano subito la chirurgia tubarica in un ospedale svedese nel periodo 1980-1984. Delle 151 donne che si è cercato di ricontattare, hanno risposto solo 39 e queste sono state tutte intervistate. Delle 39 donne, 14 non avevano avuto figli e non ne avevano adottati: lo studio si è concentrato prevalentemente su queste donne.

L’approccio metodologico è stato qualitativo: si è cercato cioè di comprendere l’esperienza vissuta piuttosto che cercare di ottenere dati quantitativi, data anche l’esiguità del campione. Il mezzo per la raccolta di informazioni è stata l’intervista semi-strutturata in profondità.

L’intervistatore ha scritto le risposte fornite ad ogni domanda, che sono state poi ripetute all’intervistata per ottenere un feedback riguardo ad una comprensione almeno accettabile di quello che il soggetto aveva tentato di raccontare. Il passo successivo è stato quello di raccogliere queste storie e cercare di trarne delle conclusioni

Al momento dell’intervista, l’età media delle 14 donne era di 52 anni (range 48-60 anni). Metà di loro erano ancora sposate o conviventi con lo stesso uomo che aveva partecipato ai trattamenti contro l’infertilità, venti anni prima. L’altra metà erano divorziate o separate, e due di loro si erano risposate. Sei delle sette donne divorziate imputavano le ragioni del divorzio all’ infertilità; in ogni caso il dato è che queste donne sono state tutte lasciate dal loro compagno o marito. Tutte le donne lavoravano a tempo pieno o part-time, con l’eccezione di due donne che non lavoravano a causa di motivi di salute.

Nel guardare indietro al tempo delle indagini e delle cure mediche, la maggior parte di queste donne ha mostrato di avere ricordi molto dettagliati riguardo ai diversi interventi medici e alle discussioni avute con i loro ginecologi. Questi sono stati i temi prevalenti emersi dalle interviste:
Adozione: non è stata considerata una valida alternativa per varie ragioni, come la paura del razzismo, il coniuge contrario, i costi finanziari e le indagini psico-sociali preliminari.

Autostima: Quasi tutte le donne hanno riferito di essersi sentite inferiori alle altre donne, di aver perso la stima di sé.

Isolamento sociale: tutte affermano di aver sperimentato un isolamento sociale molto forte durante gli anni della ricerca attiva del concepimento. Questa esperienza di solitudine è persistita negli anni per la metà delle donne del campione e stava in qualche modo rivitalizzandosi ora, poiché i loro coetanei stavano diventando nonni. Improvvisamente, quel poco di vita sociale che si erano ricostruite si organizzava nuovamente intorno ai bambini, con gli amici che dovevano provvedere alla custodia dei nipotini e con l’organizzazione di eventi incentrati sulle esigenze di questi bambini.

Senso di perdita: Il loro personale senso di perdita è diventato quello della loro intera famiglia, di potenziali nonni che non erano diventati tali e che di questo si erano dispiaciuti.

Questioni di interesse: Altri problemi familiati hanno riguardato questioni di interesse: non avendo eredi diretti, molti parenti mostravano interesse sulla gestione dei soldi e l’eredità.

Sessualità: come ben documentato anche in altri studi (Diamond et al., 1999; Möller, 2001), tutte le donne del campione hanno affermato che la loro vita sessuale e il loro desiderio sessuale erano stati molto influenzati, in senso negativo, dalla loro infertilità. Nove donne su quattordici hanno rivelato che, con la notizia della sterilità incurabile il loro desiderio sessuale era immediatamente scomparso. Per alcune, questa è stata una fonte di preoccupazione, ma altre hanno accettato la cosa senza problemi. Due di loro hanno poi ritrovato il desiderio sessuale: una con un nuovo compagno, un’altra con il proprio marito.

Il ricordo dei trattamenti contro l’infertilità: Per tutte, la mancanza di figli è diventato il tema centrale della storia della loro vita. Queste donne hanno trascorso una media di 8 anni (range 4-12 anni) della loro vita attivamente coinvolte nelle indagini mediche e nel trattamento dell’infertilità. Alcune ricordano di aver avuto la notizia della sterilità incurabile dal proprio ginecologo, in modo ‘brutale’ . Questo ha provocato sulle prime un sentimento di ‘odio’ nei confronti del medico, ma a posteriori questo sentimento si è trasformato addirittura in gratitudine, in quanto ricevere una notizia in modo così diretto le aveva aiutate ad andare avanti con la loro vita e in qualche modo ad accettare meglio la loro condizione di coppia sterile.
Interesse verso gli altri: Tutte hanno riferito che la mancanza di figli le aveva spinte a prendersi cura di qualcuno, più spesso un bambino di altre persone. Durante le fasi attive del trattamento dell’infertilità non vi era invece alcun interesse per i bambini degli altri, che anzi venivano allontanati.

Animali: Cani e gatti sono stati i sostituti dei figli non avuti. Molte hanno parlato dei loro cani come dei loro ‘bambini’. Sentono che la cura prestata all’animale le ha aiutate a superare l’egocentrismo e l’eccessiva cura di sé stesse.

Nuovi obiettivi di vita: Gli obiettivi si sono spostati sul viaggiare (molte hanno fatto dei viaggi avventurosi in tutto il mondo) e sulle attività legate al lavoro (corsi di formazione, lavoro straordinario, ecc.).Tutte, tranne tre, avevano trovato stili di vita di cui erano piuttosto soddisfatte mentre in tre casi su quattordici la loro storia di vita si focalizzava ancora sulla dolorosa identità di donna sterile e dunque di persona fallita.

Giuliana Proietti

Fonte: Wirtberg, A. Möller, L. Hogström, S-E. Tronstad, A. Lalos, Life 20 years after unsuccessful infertility treatment, Oxford Journals

Psicolinea.it © 2010

Mix

Come scegliere un sessuologo

La medicina sessuale: come scegliere un sessuologo

COME SCEGLIERE UN SESSUOLOGO Dr. Giuliana Proietti Tel. 347 0375949 email g.proietti@psicolinea.it SESSUOLOGO A ANCONA -  CIVITANOVA MARCHE - FABRIANO ...
Leggi Tutto
ipnosi e disturbi psicosomatici

Ipnosi e disturbi psicosomatici Dr. Walter La Gatta

IPNOSI E DISTURBI PSICOSOMATICI ANCONA FABRIANO  TERNI CIVITANOVA MARCHE e Via Skype Dr. Walter La Gatta Tel. 348 3314908 Cosa ...
Leggi Tutto
Foto Dr. Walter La Gatta

Psicoterapeuta Sessuologo Dr. Walter La Gatta

Psicoterapeuta Sessuologo Dr. Walter La Gatta Ancona, Terni, Civitanova Marche e Fabriano. Anche via Skype  Per appuntamenti con il Dr ...
Leggi Tutto
Dr. Giuliana Proietti

Dr.ssa Giuliana Proietti Fabriano

Dr.ssa Giuliana Proietti FABRIANO Psicoterapeuta Sessuologa Tel. 347 0375949 Email g.proietti@psicolinea.it Ancona Fabriano  Civitanova Marche e Via Skype Leggi il ...
Leggi Tutto
la bellezza

Bellezza: la percezione di un’armonia

Che cosa è la bellezza Si tratta soprattutto della percezione di un'armonia, di sensazioni piacevoli che provengono da uno stimolo ...
Leggi Tutto
desiderio sessuale femminile

Il desiderio sessuale femminile e cosa fare quando non c’è

In genere quando si parla di desiderio sessuale femminile non ci si riferisce a uno standard condiviso, che potrebbe riguardare ...
Leggi Tutto
la gioia

La gioia: l’emozione più bella

La gioia: definizione La gioia è un’emozione piacevole di alta intensità che proviamo quando crediamo, con certezza, che uno scopo ...
Leggi Tutto
sogni erotici

I sogni erotici

Sogni e polluzioni notturne in adolescenza Tra i ragazzi sono molto comuni i "sogni bagnati", dovuti a un orgasmo spontaneo ...
Leggi Tutto
emozioni

Sai riconoscere e gestire le tue emozioni? Test

Sai riconoscere e gestire al meglio le tue emozioni?  Scoprilo con questo test. 1. Un collega d’ufficio ti mette in ...
Leggi Tutto
persona coraggiosa

Sei una persona coraggiosa? Test

Scopri, con questo test,  se sei una persona coraggiosa. Metti una spunta su ogni singola affermazione, se sei d'accordo, se ...
Leggi Tutto
casa natale

Quando Anna Freud visitò la casa natale del padre (1931)

Casa natale di Freud: festeggiamenti nel 1931 con la figlia Anna Nel 1931 gli psicoanalisti Nicolaj Osipov, Jaroslav Stuchlik ed ...
Leggi Tutto
il sesso non va

Lui è la mia vita, ma il sesso non va – Consulenza online

Gentile dottoressa, da 11 mesi sono fidanzata con un ragazzo che amo tantissimo, come mai ho amato nella mia vita ...
Leggi Tutto
3 figli

3 figli e vita di coppia cambiata – Consulenza online

salve sono monica di 33 anni ho 3 figli, da 10 mesi l'ultima,ecco inizia tutto da qui !da quando ho ...
Leggi Tutto
Chiedi una Consulenza online

Chiedi una Consulenza Psicologica su Psicolinea!

Come fare richiesta di Consulenza psicologica - sessuologica gratuita su Psicolinea? Devi semplicemente inserire la tua richiesta nei commenti a ...
Leggi Tutto

Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Psicoterapeuta Sessuologa
ANCONA FABRIANO CIVITANOVA MARCHE
Per appuntamenti: 347 0375949 - g.proietti@psicolinea.it

E' possibile anche fissare degli appuntamenti Via Skype.
https://www.psicolinea.it/sostegno-psicologico-distanza/

Per leggere il CV:
https://www.psicolinea.it/dr-giuliana-proietti_psicologa_sessuologa_ancona/

Per vedere dei videofilmati su YouTube
https://www.youtube.com/user/RedPsicCdt

Per la pagina Facebook
https://www.facebook.com/Giuliana.Proietti.Psicosessuologia

Per il Profilo Facebook
https://www.facebook.com/giuliana.proietti.psicologa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Ti piace Psicolinea? Seguici anche sui Social ;-)

RSS
Facebook
YouTube
Instagram