Share Button

libreriaA sinistra: la libreria di Freud.

Nel Marzo 1909 Carl Jung, insieme alla moglie Emma andarono a trovare i Freud presso la casa di Berggasse 19. (Tra l’altro, poco prima di andare a Vienna, Jung aveva confessato a Freud che Sabina Spielrein, la giovane russa, un tempo sua paziente e collaboratrice al lavoro sul test associativo, si era innamorata di lui).L’ultima sera che i due trascorsero nello studio di Freud successe un incidente che li sbalordì entrambi. Prima di raccontare quanto avvenne occorre precisare che Jung si interessava ai fenomeni spiritici e che aveva addirittura incentrato la sua tesi di laurea sull’osservazione di una sua parente, Helene Preiswerk, che fungeva da medium nelle sedute spiritiche. Freud invece non credeva ai fenomeni spiritici.

Jung così raccontò il fatto: “Avevo una strana sensazione. Era come se il mio diaframma fosse di ferro e si fosse arroventato, come una volta incandescente. E in quel momento vi fu un tale schianto nella libreria che era accanto a noi, che entrambi ci alzammo in piedi spaventati, temendo che potesse caderci addosso. Dissi a Freud: Ecco, questo è un esempio del cosiddetto fenomeno di esteriorizzazione catalitica’.

E Freud: “Suvvia, questa è una vera sciocchezza!”

Ma no – rispose Jung – si sbaglia Herr Professor, e per provarglielo ora le predico che ci sarà un altro scoppio!”

E infatti – racconta Jung – non avevvo finito di dirlo che si udì nella libreria un altro schianto uguale al primo. Freud guardò Jung con grande stupore, ma non disse nulla. (Jung, Ricordi, sogni, riflessioni, Rizzoli).

Rientrato a Zurigo, Jung scrisse a Freud: “Quando ho lasciato Vienna soffrivo di un senso di incompiutezza a causa dell’ultima sera passata insieme. Mi sembrava che lei avesse trovato davvero troppo stupida e forse anche sgradevole la familiarità da me dimostrata con gli spiriti“.

Freud confessò al collega svizzero che all’inizio era stato quasi tentato di accettare l’episodio come dimostrazione dell’esistenza dei fenomeni occulti… Dopo la partenza di Jung tuttavia, tutta la sua credulità, o meglio, il suo desiderio di credere era ormai svanito, insieme alla ‘magia della presenza’ del collega.

Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

Facebook Comments

● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull’Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube

Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

ARTICOLI CORRELATI:

Jung: quando Freud era ‘persona non grata’
A sinistra: Jung da giovane Nel suo libro 'Ricordi, sogni e riflessioni', Jung scrive, a proposito di Freud: "... Quando conobbi la sua opera, progettavo una ...
1907 Jung visita casa Freud
Nella foto: Freud 1907 Jungfece visita a Freud nel suo studio di Berggasse 19. In particolare i due parlarono della teoria sessuale: come si sa ...
Fritz Wittels e la prima biografia di Sigmund Freud
Fritz Wittels, medico e psicoanalista austriaco (1880-1950), allievo di Freud, membro della società psicologica del mercoledì, viene ricordato soprattutto perché scrisse la prima biografia ...
1905 Freud pubblica Il motto di spirito e la sua relazione con l’inconscio
Anzitutto chiariamo cosa si intende per ‘motto di spirito’: una frase, una battuta o un breve racconto che serve ad esprimere, in maniera mascherata, ...
Jung e gli archetipi
Continuiamo a presentare un'ampia sintesi della serie di articoli apparsi recentemente sul Guardian per ricordare Carl Gustav Jung, a cinquanta anni dalla morte. L'autore, Mark ...
La pazzia? E’ la regola, non un’eccezione
Darian Leader, psicoanalista britannico, insegna alla Leeds Metropolitan University e alla Brunel University di Londra. Collabora con la Croce Rossa nell'area infantile, è membro ...
Stile di vita in casa Freud
Frau Freud. Nei ricordi della cameriera Paula Fichtl, la signora Freud era una donna calma e gentile, piuttosto timida. Martha amava curare la casa ...
Thomas Mann e la posizione di Freud nello spirito moderno
Sul British Medical Journal del 10 ottobre 1942 (più o meno 70 anni fa, in piena Seconda Guerra Mondiale), Sir Walter Langdon-Brown scriveva una ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *