cadaveri

Quando Freud svenne, parlando di cadaveri (1909)

Freudiana

Racconta Jung:

“L’anno 1909 fu decisivo per i nostri rapporti. Ero stato invitato a tenere delle conferenze sugli esperimenti di associazione alla Clark University (Worcester, Mass.). Indipendentemente da me, anche Freud aveva ricevuto un invito e decidemmo di fare il viaggio insieme. Ci incontrammo a Brema, dove si unì a noi Ferenczi. A Brema capitò l’incidente dello svenimento di Freud, del quale si è tanto discusso. Fu indirettamente provocato da me, per il mio interesse per i “cadaveri delle paludi”. Sapevo che in certe regioni della Germania settentrionale si trovavano questi cosidetti “cadaveri delle paludi”: sono corpi di uomini preistorici che, o annegarono nelle paludi o vi furono seppelliti. L’acqua degli acquitrini nella quale giacciono i corpi contine acidi dell’humus, che consumano le ossa e nello stesso tempo conciano la pelle, si che questa e i capelli sono conservati perfettamente. Sostanzialmente si tratta di un processo di mummificazione naturale, nel corso del quale i corpi sono schiacciati sino ad appiattirsi sotto il peso della torba. Tali resti vengono occasionalmente ritrovati da scavatori di torba nello Holstein, in Danimarca e in Svezia.

Avendo letto di questi cadaveri di palude, me ricordai quando eravamo a Brema ma, essendo un poco frastornato, li confusi con le mummie delle cantine di piombo della città. Questo mio interesse diede sui nervi a Freud. Più volte mi chiese: “Perché ci tenete tanto a questi cadaveri”?

Si arrabbiò esageratamente, e a tavola, mentre conversavamo sull’argomento, improvvisamente svenne. In seguito mi disse di essere convinto che tutto questo chiacchierare di cadaveri significava che io avevo desideri di morte nei suoi riguardi. Fui più che sbalordito dalla sua interpretazione: ero allarmato specialmente per l’intensità delle sue fantasie, tanto forti che potevano, come era evidente, causargli uno svenimento.

Fonte: Carl Gustav Jung, Ricordi, sogni, riflessioni. ed. Rizzoli

Cosa successe a Freud? Diverse sono state le interpretazioni: uno svenimento ‘isterico’, perché malgrado la psicoanalisi avesse ormai 14 anni di vita, Freud non si era mai sottoposto a questo trattamento (anche se trascorse anni facendo auto-analisi). Il pensiero della morte poteva averlo in qualche modo turbato; seconda spiegazione è che avesse bevuto un po’ troppo e che quindi i cadaveri c’entrassero poco con lo svenimento; terza spiegazione fu che era rimasto colpito dal desiderio inconscio di morte da parte di Jung nei suoi riguardi (per Freud Jung era allora una sorta di ‘principe ereditario’ della psicoanalisi).
Il fatto è comunque davvero molto strano, ma il bello è che non è l’unico: la cosa si ripeterà ancora, in presenza di Jung, nel 1912.

Dott.ssa Giuliana Proietti

Anna Freud

Anna Freud: l’erede designata della psicoanalisi

Anna Freud Anna Freud. Sesta e ultima figlia di Sigmund e Martha Freud, Anna nacque a Vienna il 3 Dicembre ...
Leggi Tutto
Presidente Schreber

Freud, il caso del presidente Schreber, la paranoia

Freud, il caso del presidente Schreber, la paranoia L'interesse di Freud al caso Schreber non era quello di approfondire la ...
Leggi Tutto

1920 Sesto Congresso di Psicoanalisi a L’Aia, 8-11 Settembre

Il Sesto Congresso Internazionale di Psicoanalisi durò quattro giorni, dall'8 all'11 Settembre del 1920 e si tenne a L'Aja, presso ...
Leggi Tutto
terapia psicodinamica

La terapia psicodinamica è efficace

La psicoterapia psicodinamica è efficace su una vasta gamma di sintomi psicologici, fra cui depressione, ansia, panico e altri problemi ...
Leggi Tutto
la psicoanalisi

Freud, la psicoanalisi e le detective stories

Psicoanalisti e detectives hanno molto in comune: entrambi studiano le prove, gli indizi, ricostruiscono le storie, cercano di trovare le ...
Leggi Tutto
Edward Bernays

Edward Bernays: l’inventore delle pubbliche relazioni

Edward Bernays: l'inventore delle pubbliche relazioni Edward Bernays è un personaggio conosciuto in Italia solo fra gli addetti ai lavori, ...
Leggi Tutto
psicoanalisi selvaggia

Freud e la psicoanalisi selvaggia

La psicoanalisi selvaggia: ciò che preoccupava Freud Un brevissimo scritto di Freud del 1910 ci parla del pericolo della ‘psicoanalisi ...
Leggi Tutto
Adler Stekel e Jung

Quando Freud fu abbandonato da Adler, Stekel e Jung

Quando Freud fu abbandonato da Adler, Stekel e Jung “Ritengo che quando sarà giunto il momento di scrivere la storia ...
Leggi Tutto

Sophie Freud

L'avanzamento nazista in Europa durante la seconda guerra mondiale obbligò l'adolescente Sophie Freud (figlia di Martin, figlio di Sigmund) a ...
Leggi Tutto

Anna Freud Bernays: L’unica sorella di Sigmund scampata ai campi di concentramento

Anna Freud Bernays (1859-1955), sorella di Sigmund Freud, fu la più fortunata delle cinque sorelle, dal momento che poté morire ...
Leggi Tutto

Hilda Doolittle

Hilda Doolittle, ancora poco conosciuta in Italia, è una poetessa americana, la cui biografia appare veramente incredibile, ricca come è ...
Leggi Tutto

Sandor Ferenczi

Così scriveva nel 1931 Ferenczi, uno dei primi allievi di Freud: "Sono conosciuto come uno spirito inquieto, o, come mi ...
Leggi Tutto
Wilhelm Reich

Libri di Wilhelm Reich – Riassunti

Libri di Wilhelm Reich - Riassunti ANALISI DEL CARATTERE Nel movimento psicoanalitico, Reich si distinse per la sua teoria del ...
Leggi Tutto

Psicolinea ti consiglia anche...

Quando Eugen Bleuler scoprì Fr...
Eugen Bleuler (in foto) direttore dell'ospedale ps...
Freud nevrotico (per autodiagn...
I problemi di Freud aumentarono quando, nel 1896, ...
Ripensare il lavoro terapeutic...
Il lavoro terapeutico può essere migliorato?
Leggi anche:  Freud, i sogni ed il sogno dell'iniezione di Irma
Il...
In analisi da dieci mesi - Con...
Buongiorno, ho 34 anni e da 10 mesi sono in analis...
1912: secondo svenimento pubbl...
Freud svenne due volte, in presenza di Jung: una v...
I gusti letterari di Sigmund F...
Di Sigmund Freud si può dire veramente di tutto, t...
Freud: nascita del concetto di...
Freud, nei suoi casi clinici, si rese conto di ave...
Stile di vita in casa Freud
Stile di vita in casa Freud Frau Freud. Nei ric...
Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti Psicoterapeuta Sessuologa ANCONA FABRIANO CIVITANOVA MARCHE ROMA CONSULENZA ONLINE VIA SKYPE Per appuntamenti: 347 0375949 - g.proietti@psicolinea.it E' possibile anche fissare degli appuntamenti Via Skype. https://www.psicolinea.it/sostegno-psicologico-distanza/ Per leggere il CV: https://www.psicolinea.it/dr-giuliana-proietti_psicologa_sessuologa_ancona/ Per vedere dei videofilmati su YouTube https://www.youtube.com/user/RedPsicCdt Per la pagina Facebook https://www.facebook.com/Giuliana.Proietti.Psicosessuologia Per il Profilo Facebook https://www.facebook.com/giuliana.proietti.psicologa
http://www.clinicadellacoppia.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.