Arthur Schnitzler

Arthur Schnitzler fu un drammaturgo e romanziere austriaco, noto per i suoi drammi psicologici che descrivevano la Vienna borhese di fine secolo.

Figlio di un noto medico ebreo, prese la laurea in medicina ed esercitò la professione di medico per gran parte della sua vita, pur senza molta convinzione, dedicandosi in particolare alla psichiatria. Si fece un nome come scrittore con Anatol (1893), una serie di sette atti unici che rappresentavano gli amori casuali di un ricco e giovane viennese. Questi lavori teatrali rivelarono uno spiccato senso di osservazione psicologica nel descrivere i personaggi, sapendo evocare precisi stati d’animo, attraverso un distaccato, spesso malinconico, umorismo.

A questo lavoro seguì Reigen (1897), un ciclo di 10 dialoghi, che ritrae la crudeltà di uomini e donne in preda della lussuria. I dialoghi furono portati in scena nel 1920, non senza scandalo, e nel 1950 da essi fu tratto un film di successo francese, La Ronde, da Max Ophüls. Schnitzler spesso evoca l’atmosfera di corruzione e decadenza che osservava negli ultimi anni dell’impero asburgico. Esplorò la psicologia umana, descrivendo l’egoismo in amore, la paura della morte, la complessità della vita erotica, e la morbosità dello spirito indotta da una faticosa introspezione.  Il suo romanzo di maggior successo, è il sottotenente Gustl (1901), il primo capolavoro europeo scritto con l’artificio narrativo del monologo interiore (che costò a Schitzler la radiazione da tenente medico dell’esercito, a causa dell’impietosa immagine che dava della vita militare)

Freud e Schnitzler, contemporanei e concittadini, non poterono dunque non incontrarsi, anche se si frequentarono poco.

Sappiamo che nel 1922 Arthur Schnitzler visitò Freud a casa di quest’ultimo, a Berggasse. Freud affermò in seguito di aver sempre evitato Schnitzler perché lo considerava il suo “doppio letterario”.

Dopo la visita a Freud, così Schnitzler parlò dell’incontro nel suo diario:

“a casa del Prof. Freud. (I suoi auguri per il mio compleanno, la mia risposta, il suo invito.) Moglie e figlia Anna (alla quale Lili ha insegnato per alcuni mesi l’anno scorso). – Ci ho parlato brevemente solo un paio di volte fino ad ora. – E’ stato molto affettuoso. Conversazione su ospedale e periodo del servizio militare, capi in comune, ecc – il tenente Gustl ecc – poi mi ha mostrato la sua biblioteca – le sue cose, le traduzioni, gli scritti dei suoi allievi; – ogni sorta di bronzi antichi, ecc, – Lui non svolge più la pratica medica, fa solo formazione agli allievi che a questo scopo si fanno analizzare da lui. Mi ha dato una nuova bella edizione delle sue lezioni. – Mi ha accompagnato a tarda sera da Berggasse a casa mia. – Il discorso è diventato più caldo e più personale – A proposito di invecchiare e morire “

Per quanto riguarda Freud, abbiamo una famosa lettera del 14 maggio 1922, in cui Freud scrive a Schnitzler: ” … sempre, quando mi sono abbandonato alle Sue belle creazioni, ho creduto di trovare dietro la loro parvenza poetica gli stessi presupposti, interessi e risultati che conoscevo come miei propri. Il Suo determinismo come il Suo scetticismo – che la gente chiama pessimismo -, la Sua penetrazione nelle verità dell’inconscio, nella natura istintiva dell’uomo, la Sua demolizione delle certezze convenzionali della civiltà, l’adesione dei Suoi pensieri alla polarità di amore e morte, tutto ciò mi ha commosso come qualcosa di incredibilmente familiare. (In una piccola opera del 1920, Al di là del principio del piacere, ho tentato di indicare nell’eros e nell’istinto di morte le forze primigenie il cui antagonismo domina ogni enigma della vita). Così ho avuto l’impressione che Ella sapesse per intuizione – ma in verità a causa di una raffinata autopercezione – tutto ciò che io con un lavoro faticoso ho scoperto negli altri uomini. Credo, anzi, che nel fondo del Suo essere Lei sia un ricercatore della psicologia del profondo, così onestamente imparziale e impavido come non ve ne sono stati mai”.

Dr. Giuliana Proietti, psicoterapeuta, Ancona

Fonti:
Freud Museum
Doppio Sogno

Immagine: Arthur Schnitzler, Freud Museum

Wilhelm Reich

Wilhelm Reich, l’inventore della liberazione sessuale

Wilhelm Reich ebbe un'infanzia quasi melodrammatica e psicoanaliticamente affascinante: nato il 24 marzo 1897 in una fattoria in Galizia (territorio oggi ...
Leggi Tutto
Atene 1900

Quando Freud visitò Atene

All'inizio di settembre del 1904, Sigmund Freud visitò Atene insieme al fratello minore e andò fino all'Acropoli, per ammirare le rovine dei ...
Leggi Tutto
peli pubici

Freud e i peli pubici

In poesia, i peli pubici sono spesso paragonati all'erba o ad una pelliccia. Analizzando questa metafora, Freud disse nel 1932 ...
Leggi Tutto
Otto Rank

Il rapporto fra Sigmund Freud e Otto Rank

Freud era in genere abbastanza aperto nel rivedere la sua teoria e  le tecniche della psicoanalisi. Questa sua apertura mentale ...
Leggi Tutto
Esther Freud

Esther Freud, la scrittrice

Inquadriamo bene il personaggio: figlia del pittore Lucian Freud e di Bernadine Coverley; Lucian Freud era a sua volta figlio ...
Leggi Tutto
Edward Bernays

L’ingegneria del consenso: Edward Bernays e l’invenzione della propaganda

Edward Bernays fu considerato dal giornale Life come uno dei cento americani più influenti del ventesimo secolo. Questo articolo riguarda ...
Leggi Tutto
Charlie Chaplin

Charlie Chaplin: per Freud un caso umano semplice e trasparente

Charlie Chaplin rimase qualche tempo a Vienna, nel 1931 e Freud cercò anche di incontrarlo, nonostante le sue precarie condizioni ...
Leggi Tutto
Leopold e Loeb

Il caso Leopold e Loeb e il parere mancato del Professor Freud

Ogni volta che c'è un delitto, in TV e sui giornali abbiamo l'esperto psicologo o criminologo, che tenta di spiegarci ...
Leggi Tutto
Vienna

1924 Vienna conferisce a Freud la cittadinanza onoraria

Quando Vienna si ricordò di Freud e gli conferì la cittadinanza onoraria. Nel 1923 Freud aveva subito la prima operazione ...
Leggi Tutto
Alfred Adler

Tornano a Vienna le ceneri perdute di Alfred Adler

Alfred Adler, uno dei primi allievi di Freud (ed anche uno dei primi ad abbandonare il Maestro), fondatore della "psicologia ...
Leggi Tutto
Freud

Tutto ciò che non interessava a Freud: la coscienza e l’ipercoscienza

Questo mese è uscito, in lingua francese, un nuovo libro che sembra davvero molto interessante e speriamo pertanto che venga ...
Leggi Tutto
Arthur Schnitzler

Arthur Schnitzler

Arthur Schnitzler fu un drammaturgo e romanziere austriaco, noto per i suoi drammi psicologici che descrivevano la Vienna borhese di ...
Leggi Tutto
Sophie Freud

Sophie Freud: una biografia

Sopra: Freud con la figlia Sophie (1920) Nel 1920 morì ad Amburgo, a soli 27 anni, di influenza, la quinta ...
Leggi Tutto
Susie, la nipotina

Judy Garland e Susie, la nipotina di Freud

Chi non ricorda Judy Garland nel personaggio di Dorothy che canta 'Somewhere Over the Rainbow'? Bé, francamente non tutti, ma ...
Leggi Tutto
casa Freud

Anche a casa Freud si litiga, e molto

Rivalità in casa Freud: una famiglia come tante altre. Sopra: Sir Clement Freud e più in basso Lucian Freud (autoritratto), ...
Leggi Tutto
L'interpretazione della morte

L’interpretazione della morte: Freud protagonista di un thriller

L'interpretazione della morte: un thriller il cui protagonista è Freud New York, agosto 1909. Sigmund Freud, accompagnato da Carl Jung, ...
Leggi Tutto
Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona Civitanova Marche, Fabriano
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche Fabriano e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.