abbandono dei minori

Un gruppo di studiosi del Centro di Psicologia Forense e della Famiglia della Università di Nottingham ha condotto un progetto di studio biennale per saperne di più sul problema dell’abbandono minorile e sulla sua prevenzione nei 27 Paesi dell’Unione Europea.

La ricerca, finanziata dal programma Daphne della Commissione europea, ha studiato i bambini che sono stati abbandonati presso le unità di maternità degli ospedali, quelli abbandonati segretamente, compreso l’uso delle controverse “ruote degli esposti” in alcuni paesi europei, che consentono alle madri di abbandonare i loro bambini in forma anonima.

Il Professor Kevin Browne, che ha condotto lo studio, ha affermato: “L’Articolo 7 della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del fanciullo (CRC) afferma chiaramente che ogni bambino ha il diritto di conoscere e di essere allevato dai propri genitori. Quando un bambino è abbandonato, questo diritto viene violato. I neonati e i bambini piccoli sono quelli più a rischio di abbandono e il tasso di abbandono del bambino all’interno dell’UE è abbstanza consistente, anche per la particolare situazione economica attuale”.

“L’abbandono dei bambini è un problema trascurato in Europa. Pochi Paesi tengono un registro nazionale riguardante il numero dei bambini abbandonati, l’abbandono è raramente definito legalmente nelle legislazioni nazionali, ed esistono pochissime ricerche per quanto riguarda l’entità, le cause e le conseguenze di questo fenomeno.”

I ricercatori hanno consultato il personale di 100 unità di maternità e 100 programmi di prevenzione in 10 Paesi europei: Bulgaria, Repubblica Ceca, Danimarca, Francia, Ungheria, Lituania, Polonia, Romania, Slovacchia e Regno Unito – per comprendere quale sia il livello di abbandono dei minori , le sue cause, le sue conseguenze e cosa fare in termini di prevenzione.

Sono stati contattati anche dipartimenti governativi e organizzazioni non governative (ONG) nel resto della UE  per ricevere informazioni relative alle dell’abbandono minorile nei loro Paesi.

Dai dati ottenuti dai 22 Paesi che hanno risposto, si osserva che:

– la Slovacchia ha registrato il maggior numero di bambini minori di 3 anni che sono stati dati in adozione, cioè 4,9 bambini ogni 1.000 di nati vivi, seguita dalla Repubblica ceca (4,1 per 1.000 nati vivi), dalla Lettonia (3,9 per 1.000 nati vivi) e dalla Polonia (3,7 per 1.000 nati vivi).

I ricercatori hanno trovato poche informazioni riguardo al numero dei bambini abbandonati segretamente, in luoghi aperti o in spazi pubblici, ma alcuni Paesi tengono registri nazionali relativi ai bambini abbandonati dalle loro madri nelle unità di maternità degli ospedali.

La situazione dei bambini abbandonati in Ospedale è la seguente:

– in Romania vengono abbandonati 8,6 bambini ogni 1.000 nati vivi, seguita dalla Slovacchia (3,3 per 1.000 nati vivi), la Polonia e la Lituania (1,7 per 1.000 nati vivi) la Francia (1 ogni 1.000 nati vivi) . Si è anche visto che i bambini che vengono lasciati in un reparto di maternità sono poi il maggior numero dei bambini al di sotto dei tre anni seguiti dai servizi socio-sanitari.

Quanto all’abbandono segreto del bambino, va detto che in alcuni Paesi europei non è più illegale abbandonare il bambino, a condizione che il piccolo venga lasciato in un luogo sicuro. Dei 27 paesi membri dell’UE, 11 hanno in funzione le “ruote”: Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Germania, Ungheria, Italia, Lettonia, Lituania, Polonia, Portogallo e Slovacchia – una pratica che risale al Medioevo.

Lo studio ha rilevato che, sebbene la ragione della persistenza di queste ruote sia dovuta al fatto che la madre possa lasciare spontaneamente il figlio in questi luoghi, vi sono crescenti evidenze che sono spesso gli uomini a lasciare lì il bambino, il che solleva dubbi su dove si trovasse la madre in quel particolare momento e se lei abbia effettivamente acconsentito ad abbandonare il suo bambino.

La natura anonimadelle ruote degli esposti comporta anche ulteriori complicazioni, tra cui la mancanza di informazioni sulla storia medica della famiglia del bambino e la mancanza di opportunità per il bambino di rimanere in contatto con altri suoi parenti.

La ricerca ha rilevato che la Repubblica Ceca e la Lituania hanno entrambe una media di 7 neonati abbandonati in questi luoghi ogni anno, seguite dalla Polonia con 6 e dall’Ungheria e dalla Slovacchia con 4.

In Francia e in Olanda, le donne hanno il diritto di rimanere anonime dopo il parto, mentre nel Regno Unito rimane un crimine l’abbandono segreto del bambino. In una precedente ricerca britannica erano stati segnalati 124 casi di abbandono segreto infantile su tutto il Regno Unito, tra il 1998 e il 2005.

Bene, abbiamo elencato fin qui i dati della ricerca. A queste informazioni va aggiunto e precisato che anche in Italia, così come nelle altre due nazioni europee citate, è possibile partorire in ospedale senza lasciare le proprie generalità e lasciando il proprio bambino alla struttura sanitaria, che provvede ad avviarlo all’adozione.

Inoltre, quanto alla pratica medioevale della “ruota degli esposti”, questa non è una tradizione che, almeno in Italia, dura da secoli, ma è stata reintrodotta molto di recente in alcune strutture sanitarie, perlopiù gestite da religiosi, come incentivo alla prevenzione dell’aborto. L’idea infatti è che la donna che non desideri avere un figlio, invece di ricorrere all’aborto, possa portare a termine la gravidanza, far nascere il figlio, lasciarlo in queste strutture ricettive e poi tornare alla sua vita di tutti i giorni, in pieno anonimato. Una scelta religiosa (per chi crede), ma assolutamente fuori dalla realtà, quando esiste la pillola abortiva RU-486  ( il mifepristone in essa contenuto blocca l’azione progestinica sui recettori inibendo lo sviluppo embrionale e causando il distacco e l’eliminazione della mucosa uterina, con un processo simile a ciò che accade durante le mestruazioni). Inoltre la scelta di far passare il proprio figlio “per ruota”, come si diceva un tempo, lascia molti dubbi, come specificato nella ricerca stessa, circa l’effettiva volontà della madre di abbandonare il proprio bambino: visto che a lasciare questi piccoli sono soprattutto degli uomuni, questo potrebbe essere un comodissimo modo, per gli sfruttatori delle prostitute, di eliminare quei piccoli rompiscatole che distolgono le loro madri dai loro impegni di “lavoro”.

Dr. Giuliana Proietti

Fonte:

Study Of Child Abandonment In Europe, Medical News

Immagine:

Peter Griffin, PDP

About

psicologia psicoterapia sessuologia

Forum di Psicolinea

Gentilissimi Lettori, Tutta la consulenza online di Psicolinea, dal 2001 ad oggi è qui, su questo Sito! I tempi cambiano, ...
Leggi Tutto
Interviste

MEDIA & SOCIAL MEDIA – Interviste, Articoli, Contributi

Interviste, Articoli, Contributi LA NOSTRA PRESENZA SU MEDIA E SOCIAL MEDIA Pagina in Continuo Aggiornamento VIDEO Ultime partecipazioni a trasmissioni ...
Leggi Tutto
sostegno psicologico a distanza

Sostegno Psicologico a Distanza

Per ricevere sostegno psicologico distanza: Contattare i terapeuti di Psicolinea Servizio a pagamento Scrivere a staff@psicolinea.it per info La psicoterapia ...
Leggi Tutto
SERVIZI GRATUITI DI PSICOLINEA

Servizi gratuiti di Psicolinea

SERVIZI GRATUITI E' possibile chiedere  una consulenza gratuita ai Terapeuti di psicolinea.it !  CONSULENZA GRATUITA VIA TELEFONO: Sempre e Solo ...
Leggi Tutto
Psicolinea - Consulenza privata a distanza

Consulenza psicologica privata

RICHIESTA DI CONSULENZA PSICOLOGICA PRIVATA  Richiedi una Consulenza personalizzata in forma scritta, a casa tua (Servizio a pagamento) Le richieste ...
Leggi Tutto
Consulenza psicologica gratis e a pagamento

Consulenza psicologica gratis e a pagamento | Ancona – Terni – Civitanova Marche – Fabriano

CONSULENZA PSICOLOGICA GRATIS E A PAGAMENTO Ancona - Terni - Civitanova Marche - Fabriano Associati a Federazione Italiana Sessuologia Scientifica ...
Leggi Tutto
Terapeuti

9 Ragioni per sceglierci come Psicoterapeuti | Ancona, Terni, Civitanova Marche, Fabriano

Perché sceglierci come PSICOTERAPEUTI? Vi presentiamo 9 ragioni per farlo... Dr. Giuliana Proietti e Dr. Walter La Gatta. I Terapeuti ricevono ...
Leggi Tutto
prima volta

Prima volta su Psicolinea ? Ci presentiamo…

Salve, prima volta su Psicolinea? CI PRESENTIAMO: Come puoi immaginare dal titolo, in questo Sito si parla principalmente di PSICOLOGIA ...
Leggi Tutto
psicoterapia

Terapeuti di Psicolinea: Psicoterapia a Ancona, Terni, Civitanova Marche Fabriano

Cerchi un terapeuta? Prendi in considerazione il nostro Studio Professionale. Lo studio Ellepi Associati è uno Studio Associato che offre ...
Leggi Tutto
Dr. Giuliana Proietti - Dr. Walter La Gatta

ABOUT: Chi siamo, Cosa facciamo

About PSICOLINEA: CHI SIAMO, COSA FACCIAMO Tutte le info che cercavi su in una sola pagina! About... I Terapeuti di Psicolinea ...
Leggi Tutto

Contatti – Chiama ora!

CONTATTI CON I TERAPEUTI DI Dr Giuliana Proietti - Dr. Walter La Gatta Psicoterapeuti Sessuologi Associati alla Federazione Italiana di ...
Leggi Tutto
Archivio storico consulenza online

CONSULENZA ONLINE Archivio Storico Generale

CONSULENZA ONLINE ARCHIVIO STORICO GENERALE Info per la Consultazione Sin dalla prima pubblicazione di Psicolinea, nel 2001, tramite il software ...
Leggi Tutto

Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona Civitanova Marche, Fabriano
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche Fabriano e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.