Le basi psicologiche della memoria

Le basi psicologiche della memoria

Le basi psicologiche della memoria

PSICOTERAPIA SESSUOLOGIA ONLINE
Costo : 60 euro/ Durata: 1 ora/ Frequenza: da definireDr. Giuliana Proietti Instagram

La memoria è la capacità che ci permette di connettere esperienze, imparare e costruire la nostra storia e la nostra identità.

Le tre principali classificazioni della memoria di cui si occupa oggi la comunità scientifica sono le seguenti: memoria sensoriale, memoria a breve termine e memoria a lungo termine.

  • La memoria sensoriale è quella che immagazzina le informazioni che arrivano dal mondo che ci circonda, rendendo possibile che queste informazioni siano accessibili anche in futuro.
  • La memoria a breve termine si riferisce alle informazioni elaborate dall’individuo in un breve periodo di tempo. La memoria di lavoro è quella che esegue questa elaborazione.
  • La memoria a lungo termine ci consente di archiviare le informazioni per lunghi periodi di tempo. Queste informazioni possono essere recuperate consciamente (memoria esplicita) o inconsciamente (memoria implicita).

Terapie onlineTERAPIE ONLINE
Costo: 60 euro/ Durata: 1 ora/ Frequenza: da definire

⇒Dr. Giuliana Proietti Tel. 347 0375949
⇒Dr. Walter La Gatta Tel. 348 3314908
Telefona o Scrivi in whatsapp

Fino agli anni sessanta del secolo scorso, i dibattiti sulla memoria sono stati principalmente filosofici o basati sull’intuizione psicologica. Subito dopo hanno cominciato ad essere pubblicati studi sperimentali su come il cervello immagazzina le informazioni, utilizzando come soggetti di studio animali e pazienti affetti da amnesia.

A21

Alcuni anni dopo,  hanno proposto un modello di memoria che costituisce una delle spiegazioni più influenti per l’esistenza di diversi componenti nel sistema di memoria.

Negli anni Settanta, le indagini di Tulving, Baddeley e Hitch e Kandel sono particolarmente degne di nota.  ha proposto per primo la distinzione tra memoria episodica e memoria semantica.

hanno condotto una ricerca sui componenti della memoria di lavoro. Entrambi gli autori consideravano la memoria di lavoro come un sistema a capacità limitata che consente l’archiviazione temporanea e la manipolazione delle informazioni necessarie per eseguire compiti complessi come la comprensione, l’apprendimento e il ragionamento.

ha utilizzato la nozione di memoria non associativa, uno dei quattro tipi di memoria non dichiarativa o implicita, come quella che si riferisce a nuovi comportamenti appresi attraverso l’esposizione ripetuta a un singolo stimolo.

YouTube player

Visita il nostro Canale YouTube Psicolinea

Negli anni ’80, si consolidarono e diffusero le differenze tra memorie dichiarativa e non dichiarativa. Questo, insieme ai contributi di Tulving e altri, come Di Lollo o Graf e Schacter, ha consentito una classificazione più precisa dei diversi tipi di memoria.

Ad oggi, il modello di memoria iconica (Di Lollo, 1980) è il più ampiamente accettato e studiato dei tre tipi esistenti di memoria sensoriale. Di Lollo considera la memoria iconica un’unità di archiviazione composta da due componenti: la persistenza della visione e l’informazione.

Graf e Schacter (1985) hanno proposto una differenza generale tra memoria dichiarativa (esplicita) e memoria non dichiarativa (implicita / procedurale). Ciò deriva dalla distinzione che ha proposto tra la suddetta memoria episodica e la memoria semantica (entrambe incluse nella memoria dichiarativa).

Più tardi, ha incluso un quarto sottosistema, il buffer episodico, che combina le informazioni dai sottosistemi in una forma di rappresentazione temporale.

Clinica della Timidezza

Negli anni ’90  hanno proposto che i sistemi di memoria operano in modo indipendente e in parallelo. Ad esempio, un evento avverso durante l’infanzia (p. es. assistere a un incidente in cui il nonno viene investito da una mietitrebbia) può, da un lato, consolidarsi come memoria dichiarativa stabile dell’evento stesso (il suono di una mietitrebbia fa ricordare quel momento – memoria episodica) e, d’altra parte, può cristallizzarsi nella memoria non dichiarativa e sfociare in una fobia vissuta come un tratto della personalità piuttosto che come un mero ricordo (essere vicino a una mietitrebbia produrrà sempre panico e indurrà il desiderio di fuggire dalla situazione – memoria associativa della situazione).

Grazie allo sviluppo di nuove tecnologie del XXI secolo, i ricercatori sono stati in grado di individuare con maggiore precisione le aree cerebrali associate ai diversi tipi di memoria.

Terapie di Coppia online psicolinea

Costo 60 euro /Durata 1 ora /Frequenza: da definire

Da un lato, l’esperimento di  (  ) mostra che gli animali sono in grado di ricordare il “contesto in cui hanno sperimentato stimoli specifici, e che questa capacità dipende anche dall’ippocampo” ( ). Questo processo è strettamente correlato alla formazione della memoria episodica.

D’altra parte, gli studi di neuroimaging condotti da  mostrano due risultati sorprendenti: la partecipazione di sistemi sensoriali, motori ed emotivi specifici per modalità nella comprensione del linguaggio e l’esistenza di ampie regioni del cervello che partecipano a compiti di comprensione. ma non sono specifici per modalità.

Seguici su Facebook

Costo: 60 euro/ Durata: 1 ora/ Frequenza: da definire

Memoria sensoriale: memoria iconica

La memoria sensoriale è la capacità di trattenere brevemente la grande quantità di informazioni che le persone incontrano quotidianamente” (  ). Esistono tre tipi di memoria sensoriale: memoria ecologica, memoria iconica e memoria tattile. La memoria iconica conserva le informazioni raccolte attraverso la vista, la memoria ecologica conserva le informazioni raccolte tramite stimoli uditivi e la memoria tattile conserva i dati acquisiti attraverso il tatto.

La ricerca scientifica si è concentrata principalmente sulla memoria iconica, la quale conserva le informazioni dal senso della vista con una durata approssimativa di 1 s. Questo serbatoio di informazioni passa quindi alla memoria visiva a breve termine.

Il modello di  (  ) è il modello di memoria iconica più ampiamente accettato. Qui la memoria iconica viene vista come un magazzino costituito da due componenti: la persistenza della visione e dell’informazione.

Persistenza della visione. La memoria iconica corrisponde alla rappresentazione immagine / visuale precategorica che rimane tra 100 e 300 ms.

Persistenza delle informazioni. La memoria iconica è un magazzino di informazioni che dura 800 ms e che rappresenta una versione codificata e già categorizzata dell’immagine visiva.

Le successive ricerche sulla persistenza visiva da Coltheart (  ) e gli studi di  (  ) sulla persistenza delle informazioni hanno portato alla definizione di tre caratteristiche relative alla memoria iconica: una grande capacità, una breve durata e una natura pre-categorica.

YouTube player

Memoria a breve termine

La memoria a breve termine è la capacità di mantenere una piccola quantità di informazioni disponibili per un breve periodo di tempo. Il modello modale   ) è una delle spiegazioni più influenti per l’esistenza di diversi componenti nel sistema di memoria.
Il modello modale stabilisce l’esistenza di un magazzino a breve termine con capacità limitata. Il magazzino a breve termine riceve informazioni sensoriali elaborate dai depositi sensoriali e dati nella memoria a lungo termine. Inoltre, il magazzino a breve termine può anche inviare informazioni alle strutture coinvolte nella memoria a lungo termine.

Questo modello implica che il magazzino a breve termine funzioni come una sorta di memoria di lavoro, un sistema per conservare e manipolare temporaneamente le informazioni come parte di un’ampia gamma di compiti cognitivi essenziali come l’apprendimento, il ragionamento e la comprensione.

Leggi anche:  Parlare di sesso ai giovani

La memorizzazione a breve termine ha un’importanza centrale nell’elaborazione complessiva delle informazioni ed ha il ruolo di controllo del sistema esecutivo.

Modello Modale

Un altro modello ( ) contempla una memoria di lavoro multicomponente invece di un’unità di archiviazione a breve termine.

Memoria di lavoro

Il termine memoria di lavoro si riferisce a un sistema cerebrale che fornisce la memorizzazione temporanea e la manipolazione delle informazioni necessarie per compiti cognitivi complessi come la comprensione del linguaggio, l’apprendimento e il ragionamento” ( ).

Memoria a lungo termine

La memoria a lungo termine si riferisce a informazioni di archiviazione illimitate da conservare per lunghi periodi, anche per tutta la vita. Esistono due tipi di memoria a lungo termine: memoria dichiarativa o esplicita e memoria non dichiarativa o implicita.

La memoria esplicita si riferisce a informazioni che possono essere evocate consapevolmente. Esistono due tipi di memoria dichiarativa: memoria episodica e memoria semantica. La memoria episodica memorizza le esperienze personali e la memoria semantica memorizza le informazioni sui fatti.

Memoria episodica

La memoria episodica implica la capacità di apprendere, memorizzare e recuperare informazioni su esperienze personali uniche che si verificano nella vita quotidiana. Questi ricordi in genere includono informazioni sull’ora e sul luogo di un evento, nonché informazioni dettagliate sull’evento stesso “. (  ).

Memoria semantica

Gli esseri umani hanno la capacità di rappresentare i concetti nel linguaggio. Questa capacità ci consente non solo di diffondere la conoscenza concettuale agli altri, ma anche di manipolare, associare e combinare questi concetti. Pertanto, come mostrano Binder e Desai, “gli esseri umani usano la conoscenza concettuale per molto di più che semplicemente interagire con gli oggetti. Tutta la cultura umana, comprese la scienza, la letteratura, le istituzioni sociali, la religione e l’arte, è costruita dalla conoscenza concettuale ”(  ). Attività come ragionare, pianificare il futuro o rievocare il passato dipendono dall’attivazione di concetti immagazzinati nella memoria semantica (  ).

Memoria non dichiarativa / implicita

La memoria implicita comprende tutti i ricordi inconsci, così come alcune abilità o abilità. Esistono quattro tipi di memoria implicita: procedurale, associativa, non associativa e innesco. Ognuno è dettagliato di seguito.

Memoria procedurale: abitudini e abilità

La memoria procedurale è la parte della memoria che partecipa al richiamo delle capacità motorie ed esecutive necessarie per eseguire un compito. È un sistema esecutivo che guida l’attività e di solito funziona a livello inconscio.

Quando necessario, le memorie procedurali vengono recuperate automaticamente per essere utilizzate nell’implementazione di procedure complesse legate alle capacità motorie e intellettive.

Lo sviluppo di queste capacità meccaniche avviene attraverso l’apprendimento procedurale, cioè ripetendo sistematicamente un’attività complessa fino ad acquisire e automatizzare la capacità di tutti i sistemi neurali coinvolti nell’esecuzione del compito di lavorare insieme.

Memoria associativa

La memoria associativa si riferisce alla memorizzazione e al recupero di informazioni attraverso l’associazione con altre informazioni. L’acquisizione della memoria associativa viene effettuata con due tipi di condizionamento: condizionamento classico e condizionamento operante, attraverso l’apprendimento associativo tra stimoli e comportamento.

Memoria non associativa: assuefazione e sensibilizzazione

La memoria non associativa è uno dei tre tipi di memoria non dichiarativa o implicita e si riferisce a comportamenti appena appresi attraverso l’esposizione ripetuta a uno stimolo isolato. Il nuovo comportamento può essere classificato in due processi: sensibilizzazione e assuefazione (Alonso, 2008).

L’assuefazione, in questo contesto, è legata alla ripetizione. La ripetizione di uno stimolo porta a una diminuzione della sua risposta, nota come assuefazione. L’esposizione ripetuta a uno stimolo serve a smettere di rispondere a stimoli potenzialmente importanti, ma non pertinenti alla situazione.

A differenza dell’assuefazione, la sensibilizzazione consiste in un aumento della risposta a uno stimolo dovuto alla sua ripetuta introduzione. Sebbene i processi che producono la sensibilizzazione siano gli stessi di quelli che producono l’assuefazione, gli effetti della sensibilizzazione sono l’opposto poiché si traduce in un aumento della risposta originale.

Priming L’innesco

La quarta modalità di memoria non dichiarativa o implicita, è un effetto per cui l’esposizione a determinati stimoli influenza la risposta data agli stimoli presentati successivamente. Un esempio è d’obbligo. Se si presenta un elenco di parole a una persona che contiene la parola “palla” e poi alla persona viene chiesto di partecipare a un’attività per completare le parole, è più probabile che risponda con la parola palla alla presentazione della parola p.ll. piuttosto che rispondere con la parole pelle.

Pertanto, la capacità di priming può influenzare la scelta di una parola particolare in un test per completare le parole, anche molto tempo dopo che il ricordo cosciente delle parole innescate è stato dimenticato. Un altro contesto in cui questo può essere visto è chiedere a un partecipante di identificare un’immagine da un piccolo frammento.  Il partecipante impiegherà più tempo per identificare l’immagine se è la prima volta che la vede, ma se l’ha già vista in una prova precedente, impiega meno tempo (Kolb e Whishaw, 2003).

Dr. Giuliana Proietti

 

Dr. Giuliana Proietti

YouTube player

Costo: 60 euro/ Durata: 1 ora/ Frequenza: da definire

Fonte:

Camina E, Güell F. The Neuroanatomical, Neurophysiological and Psychological Basis of Memory: Current Models and Their Origins. Front Pharmacol. 2017 Jun 30;8:438. doi: 10.3389/fphar.2017.00438. PMID: 28713278; PMCID: PMC5491610.

Immagine
Freepik



20+ anni di Psicolinea:
Informazioni, Ispirazioni e Supporto

Psicolinea 2001-2021

YouTube player

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *