Ancona, Marche, Italy
0039 347 0375949
psicolinea@psicolinea.it

L’esercizio fisico aiuta la memoria?

Sito di psicologia, online dal 2001

Created with Sketch.

L’esercizio fisico aiuta la memoria?

esercizio fisico

Negli ultimi dieci anni,  vari studi condotti su persone e animali hanno dimostrato che l’esercizio fisico migliora la capacità di apprendere e ricordare, anche se non si è ben compreso il perché.

Un nuovo studio, pubblicato sull’edizione di maggio di PLoS One probabilmente colmerà questa lacuna. Il campione era composto di 81 donne giovani e sane, di madrelingua tedesca. Il campione è stato poi diviso in tre sottogruppi: ogni sottogruppo doveva indossare delle cuffie e ascoltare per 30 minuti delle liste di parole abbinate, di cui una era un comune sostantivo tedesco, l’altra il suo equivalente in polacco. Le donne sono state invitate a memorizzare la parola sconosciuta, ascoltando le parole in condizioni molto diverse.

Un gruppo infatti ha ascoltato le parole dopo essersi seduto in silenzio per 30 minuti. Un secondo gruppo ha invece fatto movimento su una cyclette ad un ritmo rilassato, per 30 minuti, dopo di che si è seduto ed ha indossato le cuffie. Il terzo gruppo ha  pedalato sulla cyclette ad un livello moderato, per 30 minuti, mentre indossava le cuffie per ascoltare le parole nuove.

Due giorni dopo, le donne hanno completato il test sulle parole nuove imparate. Tutte ricordavano in realtà alcune parole nuove, ma le donne che avevano pedalato sulla cyclette mentre ascoltavano le parole nuove hanno avuto risultati migliori. Al secondo posto si sono classificate le donne che avevano pedalato ad un ritmo rilassato.

Questo risultato contrasta significativamente con i risultati di un altro nuovo studio sulla formazione della memoria in relazione all’esercizio fisico, presentato a maggio in occasione della riunione annuale della American College of Sports Medicine di Indianapolis. Questo altro studio riguardava 11 studentesse, che dovevano leggere un capitolo corposo, tratto da un libro di testo universitario in due occasioni: una volta sedute in silenzio e, un altro giorno, mentre si esercitavano su una macchina ellittica per 30 minuti. Subito dopo ogni sessione, le studentesse sono state testate sul materiale che avevano appena letto. Sono state poi testate nuovamente il giorno successivo.

In questo altro studio, come si diceva, l’esercizio fisico non ha aiutato i ricordi delle donne, almeno nel breve termine. I loro punteggi ai test sono stati infatti peggiori in confronto al test di memoria condotto subito dopo l’esercizio fisico, rispetto ai punteggi ottenuti mentre erano in silenzio. Quando però le donne il giorno successivo sono state sottoposte nuovamente a test si è visto che a questo punto non vi erano più differenze nei  punteggi: esse avevano cioè recuperato il gap.

Il messaggio di questi studi sembrerebbe che i tempi di esercizio e intensità interagiscono per influenzare la formazione della memoria, ha detto Maren Schmidt-Kassow, professoressa presso l’Istituto di Psicologia Medica della Goethe University di Francoforte, in Germania, che ha condotto lo studio su ciclismo dolce e memoria. L’esercizio durante l’apprendimento è, nel suo studio, significativamente più efficace sulla memoria dell’esercizio svolto in anticipo sui tempi di apprendimento, così come rispetto alla totale assenza di esercizio.

Probabilmente è l’eccitazione fisiologica che contribuisce ad attivare il cervello per l’assunzione di nuove informazioni e che codifica tali informazioni in ricordi. Se l’esercizio è più vigoroso, tuttavia, esso può stimolare eccessivamente il corpo e il cervello, monopolizzando le risorse attentive della mente e lasciando così meno spazio alla creazione di memorie solide.

Questa teoria aiuta anche a spiegare perché, in entrambi gli studi, il richiamo della memoria era migliore un giorno o due dopo l’esercizio fisico, quando l’eccitazione fisiologica era ormai scomparsa.

Naturalmente, i misteri della memoria umana restano, in linea di massima, misteri. Questi nuovi studi non spiegano come, per esempio, a livello molecolare, l’esercizio influenzi la creazione di memorie individuali. E’ probabile che, come parte del processo di eccitazione, l’esercizio fisico stimoli il rilascio di alcune sostanze chimiche nel cervello che influenzano la formazione della memoria, ma ancora la ricerca non si è espressa chiaramente su questo punto.

Dr. Walter La Gatta

Fonte:
New York Times

Immagine:
Free Digital Photos

Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Walter La Gatta
Dr. Walter La Gatta

Libero professionista ad Ancona ,Terni , Fabriano e Civitanova Marche

Si occupa di:

Psicoterapie individuali e di coppia
Terapie Sessuali (Delegato Regionale del Centro Italiano di Sessuologia per le Regioni Marche e Umbria) 
Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

Riceve ad Ancona,Terni , Fabriano, Civitanova Marche e via Skype, su appuntamento.

Per appuntamenti telefonare direttamente al: 348 – 331 4908

Co-fondatore dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta

Tweets di @Walter La Gatta

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierlo come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Ti piace Psicolinea? Seguici anche sui Social ;-)

RSS
Facebook
YouTube
Instagram