Share Button

pericoloUsando la tecnica della risonanza magnetica (fMRI) per studiare le attività del cervello, alcuni ricercatori hanno scoperto che uomini e donne rispondono in modo differente agli stimoli positivi e negativi. Lo studio è stato presentato oggi al meeting annuale della Società di Radiologia del Nord America (RSNA).

“Gli uomini possono prestare maggiore attenzione agli aspetti sensoriali degli stimoli emotivi e tendono ad elaborare questi stimoli in termini di implicazioni per le azioni necessarie, mentre le donne rivolgono la loro attenzione alle sensazioni generate da questi stimoli” ha affermato Andrzej Urbanik, ricercatore presso la cattedra di Radiologia nell’Ospedale universitario di Cracovia, in Polonia.

Per lo studio, il Dr. Urbanik ed i suoi colleghi hanno reclutato 40 persone non mancine, 21 uomini e 19 donne, di età compresa fra 18 e 36 anni. I volontari si sono sottoposti a fMRI mentre osservavano immagini comunemente utilizzate per generare particolari stati emotivi (International Affective Picture System – IAPS). Nella prima parte sono state mostrate immagini della vita ordinaria che generavano sentimenti ed emozioni negative, nella seconda parte si è dato spazio alle emozioni positive.

Le donne, vedendo le immagini della prima parte, hanno mostrato una maggiore e più intensa attivazione della zona del talamo di sinistra, che trasmette le informazioni sensoriali da e verso la corteccia cerebrale, ivi compresi i centri del dolore e del piacere. Gli uomini hanno invece mostrato una maggiore attivazione nell'”insula” di sinistra, che si interessa del mantenimento dello stato fisiologico di tutto il corpo e che genera sensazioni soggettive che possono portare a delle azioni. Le informazioni derivanti dall’insula raggiungono altre strutture cerebrali coinvolte con il processo decisionale.

“L’attivazione cerebrale osservata nelle donne può indicare un maggiore coinvolgimento del circuito neurale, associato con l’identificazione degli stimoli emotivi”, ha affermato il Dr. Urbanik precisando che “L’attivazione più pronunciata della corteccia insulare negli uomini potrebbe essere dovuta a componenti autonome, come un più elevato battito cardiaco o una maggiore sudorazione, che accompagnanp la visione di materiale emotivo.

Il sistema nervoso autonomo controlla le funzioni involontarie, come la respirazione, il battito cardiaco e la digestione, ed aiuta nel regolare determinate funzioni in risposta allo stress o agli stimoli ambientali. E’ responsabile delle condotte di attacco e di fuga nelle situazioni di minaccia.

“Negli uomini le immagini negative mostrate erano più potenti nell’attivare il sistema nervoso autonomo, il che potrebbe significare che quando gli uomini si confrontano con una situazione pericolosa, sono maggiormente predisposti a passare all’atto di quanto non siano le donne”.

Nel vedere le immagini positive le donne hanno risposto in maniera più forte degli uomini quanto ad attivazione della parte superiore destra del giro temporale, che si interessa dei sistemi auditivi e della memoria. Gli uomini hanno mostrato maggiore attivazione nei lobi bilaterali occipitali, che sono associati con l’elaborazione visiva.

In conclusione, il Dr. Urbanik ritiene che queste differenze indicano che le donne possono analizzare gli stimoli positivi in un contesto sociale più ampio ed associare le immagini positive con un particolare ricordo. Ad esempio, vedere la foto di un bambino piccolo che sorride, fa ricordare loro i propri figli, quando avevano quell’età, mentre gli uomini hanno una risposta più percettiva.

Fonte: Eurekalert

Links:
RadiologyInfo.org.
Radiological Society of North America

Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

Immagine: Brain Blogger

Facebook Comments

Psicolinea è uno dei primi siti di psicologia in Rete, nato ufficialmente il 13 Ottobre 2001.
Fondatori e Curatori del Sito sono gli psicoterapeuti sessuologi Dr. Giuliana Proietti, la quale cura la rubrica di Consulenza online Dentro e fuori di Te e il Dr. Walter La Gatta, , il quale cura la rubrica di posta per la Consulenza online Questioni di Sex.

Il sito si avvale di numerosi collaboratori, che pubblicano anche in inglese e francese.

Psicolinea ha come slogan  “la psicologia amica”, perché il suo intento è quello di diffondere il sapere psicologico, rendendolo accessibile a tutti.

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype
Tweets di @psicolinea

Visita il nostro Canale
YouTube

Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché scegliere i Terapeuti di Psicolinea: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

ARTICOLI CORRELATI:

Donne anziane: la caffeina può aiutare la memoria
La caffeina contenuta in tre tazze di caffé o te quotidiano può aiutare le donne anziane a preservare la propria memoria: lo dice un ...
Franco Basaglia e la 180 visti da osservatori non italiani – Parte I
John Foot è uno storico britannico, docente all'Università di Cambridge, specializzato in storia italiana. Nel 2014 ha scritto un lungo articolo su Franco Basaglia, ...
Trovata l’area cerebrale che regola le dipendenze?
Forse potrebbe essere stata individuata la sede delle dipendenze nel cervello umano. Dei ricercatori americani affermano che una parte precisa del cervello, l'insula, sembra ...
Dalla parte delle bambine che amano la matematica
Uno studio americano rivela che, contrariamente a quanto comunemente si crede, l'attitudine verso la matematica non dipende dal sesso. Questo pregiudizio, particolarmente marcato negli ...
L’ospedalizzazione degli anziani e le funzioni cognitive
Un nuovo studio, pubblicato su Neurology del 21 marzo, ha scoperto che i soggetti più anziani che vengono ricoverati in ospedale possono subire un ...
L’assistenza psico-sociale può migliorare la vita di un paziente con lieve trauma cranico
Un interessante studio dell'Università di Washington ha messo in luce che una persona che ha subito un lieve trauma cranico potrebbe beneficiare di soli ...
Neuroscienze e Freud
Neuroscienze e Freud: la scienza moderna avalla le teorie freudiane? Il sito Bookslut pubblica un' intervista con il neuropsicologo Dr Mark Solms, uno dei pionieri ...
I bambini capiscono molto più di quanto credano gli adulti
Un nuovo studio mette in evidenza come dei bambini di soli quattro anni siano capaci di distinguere il vero dal falso molto più di ...

One thought on “Uomini e donne rispondono in modo diverso al pericolo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *