Esther Freud

Esther FreudInquadriamo bene il personaggio: figlia del pittore Lucian Freud e di Bernadine Coverley; Lucian Freud era a sua volta figlio dell’architetto Ernst Freud e di Lucy Brasch; Ernst Freud era figlio di Sigmund Freud e  Martha Bernays. Stiamo parlando di Esther Freud, cioè della pronipote di Sigmund Freud.

Esther Freud dice che la campagna inglese dove è cresciuta è stata per lei un ambiente protetto in cui il suo cognome non le provocava alcuna attenzione particolare. Del resto  i Freud ormai in Inghilterra sono molti (ricordiamo che l’ultima casa di Sigmund Freud fu a Londra, dove emigrò per sfuggire alle persecuzioni naziste). Quando però la scrittrice britannica mise piede in Francia, al suo arrivo l’ufficiale che le controllava il passaporto le disse: “Freud? Sigmund?”

Né lei né alcun membro della sua famiglia, dice la scrittrice, ha mai usato quel nome per fare affari: lo avrebbero vissuto come qualcosa di cui vergognarsi, dal momento che tutti in famiglia sono piuttosto diffidenti riguardo a quel nome.

Per quanto riguarda la psicoanalisi, Esther non si dichiara particolarmente interessata. Ha letto, naturalmente, alcune opere dell’illustre bisnonno, ma né lei né alcun membro della sua famiglia si sente interessato ad intraprendere la via segnata dal padre della psicoanalisi. L’importante è diventare se stessi, trovare la propria strada, dice. La Freud ha anche affermato di essere più interessata alla dimensione storica della sua famiglia, a  tutti i rami della genealogia familiare, piuttosto che alla dimensione psicoanalitica.

E’ soprattutto del padre Lucian che Esther ha avuto grande ammirazione: perché è riuscito a costruire la sua vita con le sue mani, è diventato un grande artista, ha fatto della propria immaginazione il proprio materiale di lavoro, si è reso indipendente. Quando la Freud faceva l’attrice, prima di diventare scrittrice, soffriva del dover dipendere da altri, fossero essi produttori o registi, e di dover aspettare il loro “sì” per avere diritto a lavorare.

Il padre Lucian, seppure tanto amato, non è stato una figura presente nell’ infanzia della scrittrice britannica. Esther è infatti cresciuta con la madre e la sorella Bella (che ora fa la stilista) in campagna e ha pochi ricordi di lui nella prima parte della sua vita. All’età di sedici anni però si è trasferita a Londra e lì è nato il loro rapporto, che si è poi rafforzato ed è diventato importante. Lei spesso ha posato per il padre, perché era “l’unico modo per stare insieme a lui”. Era un uomo generoso, ricorda la Freud, e l’ha introdotta nella sua cerchia di amici, facendole conoscere luoghi e persone cui altrimenti non avrebbe mai potuto avere accesso.

Quando ha cominciato a scrivere, lei non ne parlava né col padre, né con nessun altro. Temeva il suo giudizio ed aveva una terribile paura di deluderlo. Quando gli dette il suo primo testo da leggere, era spaventata da morire. E invece lo scorbutico Lucian disse una frase che Esther non dimenticherà mai, che si ripete ancora e ancora e che le dà la forza per continuare: “E’ anche meglio di Jean Rhys”  la scrittrice preferita di Esther Freud.

Quando, alcuni anni più tardi, cominciò a scrivere Notti d’estate in Toscana (Love Falls) fu per onorare questo amato padre, per essergli vicina,  passare del tempo con lui, anche quando era sola al suo tavolo di lavoro. In quel periodo la Freud scoprì che il padre stava invecchiando: aveva 82 anni e il cambiamento fu, come spesso accade, brutale. Lei scriveva per essere con lui, per parlarci  il più possibile, ed anche per prepararsi alla sua scomparsa.

Il libro Love Falls racconta di un viaggio che un padre offre alla figlia adolescente che è praticamente una sconosciuta per lui, per ricostruire un po’ il legame tra di loro. Esther Freud parla della sua storia personale, ma nel libro vi è anche  “un intreccio tra il noto e l’ignoto, un terreno di andata e ritorno tra i due”.  Terminato il libro, la Freud si è detta felice di aver trascorso due anni a pensare ogni giorno a suo padre, recuperando così tutti gli anni persi della sua infanzia.

Giuliana Proietti

Fonte:
Nom: Freud. Prénom: Esther. Profession: écrivain, Huffington Post

Immagine:
Esther Freud, Wikimedia

Wilhelm Reich

Wilhelm Reich, l’inventore della liberazione sessuale

Wilhelm Reich ebbe un'infanzia quasi melodrammatica e psicoanaliticamente affascinante: nato il 24 marzo 1897 in una fattoria in Galizia (territorio oggi ...
Leggi Tutto
Atene 1900

Quando Freud visitò Atene

All'inizio di settembre del 1904, Sigmund Freud visitò Atene insieme al fratello minore e andò fino all'Acropoli, per ammirare le rovine dei ...
Leggi Tutto
peli pubici

Freud e i peli pubici

In poesia, i peli pubici sono spesso paragonati all'erba o ad una pelliccia. Analizzando questa metafora, Freud disse nel 1932 ...
Leggi Tutto
Otto Rank

Il rapporto fra Sigmund Freud e Otto Rank

Freud era in genere abbastanza aperto nel rivedere la sua teoria e  le tecniche della psicoanalisi. Questa sua apertura mentale ...
Leggi Tutto
Esther Freud

Esther Freud, la scrittrice

Inquadriamo bene il personaggio: figlia del pittore Lucian Freud e di Bernadine Coverley; Lucian Freud era a sua volta figlio ...
Leggi Tutto
Edward Bernays

L’ingegneria del consenso: Edward Bernays e l’invenzione della propaganda

Edward Bernays fu considerato dal giornale Life come uno dei cento americani più influenti del ventesimo secolo. Questo articolo riguarda ...
Leggi Tutto
Charlie Chaplin

Charlie Chaplin: per Freud un caso umano semplice e trasparente

Charlie Chaplin rimase qualche tempo a Vienna, nel 1931 e Freud cercò anche di incontrarlo, nonostante le sue precarie condizioni ...
Leggi Tutto
Leopold e Loeb

Il caso Leopold e Loeb e il parere mancato del Professor Freud

Ogni volta che c'è un delitto, in TV e sui giornali abbiamo l'esperto psicologo o criminologo, che tenta di spiegarci ...
Leggi Tutto
Vienna

1924 Vienna conferisce a Freud la cittadinanza onoraria

Quando Vienna si ricordò di Freud e gli conferì la cittadinanza onoraria. Nel 1923 Freud aveva subito la prima operazione ...
Leggi Tutto
Alfred Adler

Tornano a Vienna le ceneri perdute di Alfred Adler

Alfred Adler, uno dei primi allievi di Freud (ed anche uno dei primi ad abbandonare il Maestro), fondatore della "psicologia ...
Leggi Tutto
Freud

Tutto ciò che non interessava a Freud: la coscienza e l’ipercoscienza

Questo mese è uscito, in lingua francese, un nuovo libro che sembra davvero molto interessante e speriamo pertanto che venga ...
Leggi Tutto
Arthur Schnitzler

Arthur Schnitzler

Arthur Schnitzler fu un drammaturgo e romanziere austriaco, noto per i suoi drammi psicologici che descrivevano la Vienna borhese di ...
Leggi Tutto
Sophie Freud

Sophie Freud: una biografia

Sopra: Freud con la figlia Sophie (1920) Nel 1920 morì ad Amburgo, a soli 27 anni, di influenza, la quinta ...
Leggi Tutto
Susie, la nipotina

Judy Garland e Susie, la nipotina di Freud

Chi non ricorda Judy Garland nel personaggio di Dorothy che canta 'Somewhere Over the Rainbow'? Bé, francamente non tutti, ma ...
Leggi Tutto
casa Freud

Anche a casa Freud si litiga, e molto

Rivalità in casa Freud: una famiglia come tante altre. Sopra: Sir Clement Freud e più in basso Lucian Freud (autoritratto), ...
Leggi Tutto
L'interpretazione della morte

L’interpretazione della morte: Freud protagonista di un thriller

L'interpretazione della morte: un thriller il cui protagonista è Freud New York, agosto 1909. Sigmund Freud, accompagnato da Carl Jung, ...
Leggi Tutto

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona Civitanova Marche, Fabriano
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche Fabriano e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.