Il rapporto fra Sigmund Freud e Otto Rank

Otto Rank

Freud era in genere abbastanza aperto nel rivedere la sua teoria e  le tecniche della psicoanalisi. Questa sua apertura mentale tuttavia non fu sempre marcata dalla ricettività nei confronti delle idee dei colleghi, come è evidente nel conflitto latente che si intuisce nella corrispondenza fra Sigmund Freud e Otto Rank (il libro The Letters of Sigmund Freud and Otto Rank: Inside Psychoanalysis comprende 250 lettere scritte tra il 1906 e il 1926: esso aggiunge elementi mancanti alla storia della psicoanalisi, ed illustra chiaramente i punti di forza, la complessità e la debolezza delle sue figure primarie).

Nella sua Prefazione si legge : “Le lettere raccontano come Rank, con il sostegno di Freud, si evolva da un discepolo reticente in una forza intellettuale e amministrativa della psicoanalisi. Colleghi molto vicini e sodali per venti anni, Freud e Rank prendono vita attraverso queste lettere, con il loro stretto e affettuoso rapporto, fino al punto di rottura: imprevisto, indesiderato, inevitabile”.

Freud e RankCome si è detto, un rapporto stretto e complesso, inizialmente del tipo padre-figlio, poi da pari per molti anni. I rapporti divennero difficili quando Rank cominciò a parlare dell’importanza del rapporto del figlio, maschio o femmina, con la madre, sostenendo che questo era l’archetipo di tutti i rapporti successivi.

Rank riteneva infatti che l’organizzazione mentale cominciasse prima della nascita e che le influenze prenatali e postnatali date al bambino dalla madre durassero tutta la vita. Le sue idee sull’influenza materna erano in netto contrasto con la teoria del complesso edipico, che metteva al centro dello sviluppo la figura paterna (e non materna) e con l’idea di Freud circa l’azione terapeutica della psicoanalisi.

Rank elaborò, insieme a Ferenzi, la  ‘terapia attiva’,  basata sulla relazione precoce madre-bambino, in cui la ‘relazione qui e ora‘ è il punto cruciale della questione. Pur consapevoli dei problemi legati al transfert e al contro-transfert, Ferenczi e Rank cercarono di enfatizzare l’esperienza emotiva nella situazione analitica, piuttosto che quella della conoscenza intellettuale.

Il loro punto di vista era chiaro: l’esperienza emotiva “… costituisce il fattore terapeutico essenziale  nella cura”. Vale a dire, la relazione fra terapeuta e paziente è l’elemento di base della ‘trasformazione‘  e “il terapeuta efficace fornisce soprattutto un significativo legame umano, non un esercizio di ricostruzione storica, non importa quanto ingegnosamente formulato”.

Per Otto Rank inoltre, il lavoro psicoanalitico doveva volgere alla creazione della persona (la ‘vita è come un’opera d’arte soggettiva’) e vedeva nell’impegno terapeutico la possibilità di fare buon uso della propria vita, per permettere all’individuo di affrontare con efficacia l’ansia e il senso di colpa.

Certamente queste prese di posizione di Rank portarono molto malcontento nella cerchia dei seguaci, fra cui Ernest Jones.

A causa della rottura con Freud, il lavoro di Rank fu escluso dal corpus della psicoanalisi per decenni sebbene Havelock Ellis, nel 1923, avesse definito Otto Rank “ forse il più brillante e visionario dei giovani ricercatori che ancora sono a fianco al maestro”.

Da questo carteggio emerge come i due psicoanalisti abbiano lavorato per anni a stretto contatto, formulando strategie per l’espansione della comunità psicoanalitica, dirigendo la pubblicazione di nuove opere, e sostenendo nuovi aderenti al movimento, così come commiserando i molti detrattori.

Rank era una sorta di segretario generale della comunità psicoanalitica, con molte responsabilità, comprese quelle delle pubblicazioni e delle relazioni all’interno del gruppo. Nel loro conflitto finale tuttavia Freud non espresse mai tutta la rabbia e l’ostilità che fu invece dimostrata nei confronti di altri detrattori, come ad esempio Jung e Adler.

Dr. Giuliana Proietti

Fonti:
The Letters of Sigmund Freud and Otto Rank Ernest Becker Foundation
Review – The Letters of Sigmund Freud and Otto Rank

Su questo sito puoi trovare molte informazioni su Sigmund Freud e la psicoanalisi seguendo la categoria “Freudiana”  e su Otto Rank in particolare, seguendo questo link.

Wilhelm Reich

Wilhelm Reich, l’inventore della liberazione sessuale

Wilhelm Reich ebbe un'infanzia quasi melodrammatica e psicoanaliticamente affascinante: nato il 24 marzo 1897 in una fattoria in Galizia (territorio oggi ...
Leggi Tutto
Atene 1900

Quando Freud visitò Atene

All'inizio di settembre del 1904, Sigmund Freud visitò Atene insieme al fratello minore e andò fino all'Acropoli, per ammirare le rovine dei ...
Leggi Tutto
peli pubici

Freud e i peli pubici

In poesia, i peli pubici sono spesso paragonati all'erba o ad una pelliccia. Analizzando questa metafora, Freud disse nel 1932 ...
Leggi Tutto
Otto Rank

Il rapporto fra Sigmund Freud e Otto Rank

Freud era in genere abbastanza aperto nel rivedere la sua teoria e  le tecniche della psicoanalisi. Questa sua apertura mentale ...
Leggi Tutto
Esther Freud

Esther Freud, la scrittrice

Inquadriamo bene il personaggio: figlia del pittore Lucian Freud e di Bernadine Coverley; Lucian Freud era a sua volta figlio ...
Leggi Tutto
Edward Bernays

L’ingegneria del consenso: Edward Bernays e l’invenzione della propaganda

Edward Bernays fu considerato dal giornale Life come uno dei cento americani più influenti del ventesimo secolo. Questo articolo riguarda ...
Leggi Tutto
Charlie Chaplin

Charlie Chaplin: per Freud un caso umano semplice e trasparente

Charlie Chaplin rimase qualche tempo a Vienna, nel 1931 e Freud cercò anche di incontrarlo, nonostante le sue precarie condizioni ...
Leggi Tutto
Leopold e Loeb

Il caso Leopold e Loeb e il parere mancato del Professor Freud

Ogni volta che c'è un delitto, in TV e sui giornali abbiamo l'esperto psicologo o criminologo, che tenta di spiegarci ...
Leggi Tutto
Vienna

1924 Vienna conferisce a Freud la cittadinanza onoraria

Quando Vienna si ricordò di Freud e gli conferì la cittadinanza onoraria. Nel 1923 Freud aveva subito la prima operazione ...
Leggi Tutto
Alfred Adler

Tornano a Vienna le ceneri perdute di Alfred Adler

Alfred Adler, uno dei primi allievi di Freud (ed anche uno dei primi ad abbandonare il Maestro), fondatore della "psicologia ...
Leggi Tutto
Freud

Tutto ciò che non interessava a Freud: la coscienza e l’ipercoscienza

Questo mese è uscito, in lingua francese, un nuovo libro che sembra davvero molto interessante e speriamo pertanto che venga ...
Leggi Tutto
Arthur Schnitzler

Arthur Schnitzler

Arthur Schnitzler fu un drammaturgo e romanziere austriaco, noto per i suoi drammi psicologici che descrivevano la Vienna borhese di ...
Leggi Tutto
Sophie Freud

Sophie Freud: una biografia

Sopra: Freud con la figlia Sophie (1920) Nel 1920 morì ad Amburgo, a soli 27 anni, di influenza, la quinta ...
Leggi Tutto
Susie, la nipotina

Judy Garland e Susie, la nipotina di Freud

Chi non ricorda Judy Garland nel personaggio di Dorothy che canta 'Somewhere Over the Rainbow'? Bé, francamente non tutti, ma ...
Leggi Tutto
casa Freud

Anche a casa Freud si litiga, e molto

Rivalità in casa Freud: una famiglia come tante altre. Sopra: Sir Clement Freud e più in basso Lucian Freud (autoritratto), ...
Leggi Tutto
L'interpretazione della morte

L’interpretazione della morte: Freud protagonista di un thriller

L'interpretazione della morte: un thriller il cui protagonista è Freud New York, agosto 1909. Sigmund Freud, accompagnato da Carl Jung, ...
Leggi Tutto
Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Psicoterapeuta Sessuologa
ANCONA FABRIANO CIVITANOVA MARCHE
Per appuntamenti: 347 0375949 - g.proietti@psicolinea.it

E' possibile anche fissare degli appuntamenti Via Skype.
https://www.psicolinea.it/sostegno-psicologico-distanza/

Per leggere il CV:
https://www.psicolinea.it/dr-giuliana-proietti_psicologa_sessuologa_ancona/

Per vedere dei videofilmati su YouTube
https://www.youtube.com/user/RedPsicCdt

Per la pagina Facebook
https://www.facebook.com/Giuliana.Proietti.Psicosessuologia

Per il Profilo Facebook
https://www.facebook.com/giuliana.proietti.psicologa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Ti piace Psicolinea? Seguici anche sui Social ;-)

RSS
Facebook
YouTube
Instagram