Il turismo sessuale, una squallida realtà

Il turismo sessuale, una squallida realtà

Il Turismo Sessuale: una squallida realtà
.

Terapia di coppia con Giuliana ProiettiINIZIA SUBITO UNA TERAPIA DI COPPIA ONLINE
CON LA DOTT.SSA GIULIANA PROIETTI
Costo: 60 euro/ Durata: 1 ora/ Frequenza: da definire
 Tel. 347 0375949
Telefona o usa whatsapp

YouTube player

Cosa è il turismo sessuale?

Il turismo sessuale è definito dal Center for Disease Control and Prevention (CDC) come “viaggio pianificati specificamente a scopo sessuale, generalmente in un paese in cui la prostituzione è legale”.  Il turismo sessuale nazionale implica viaggi all’interno dello stesso paese, mentre il turismo sessuale transnazionale si riferisce al viaggio in paesi stranieri.

A33

Il turismo sessuale è una novità?

No. Nel Settecento, ad esempio, quando i ricchi di tutta Europa facevano, come viaggio di formazione, il “Grand Tour” che li portava a visitare le bellezze archeologiche e paesaggistiche italiane, essi non mancavano di approfittare, nel nostro Paese, anche della possibilità di usufruire della dilagante prostituzione, minorile e non, veri e propri paradisi sessuali, dovutì alla grande povertà in cui versava la stragrande maggioranza della popolazione.

Perché ci si dedica al turismo sessuale?

Spesso i viaggiatori si dedicano al turismo sessuale per convalidare la propria identità sessuale nella massima libertà, cosa che non potrebbero fare nel luogo in cui vivono

Quale è il principale problema rappresentato dal turismo sessuale?

Il principale problema riguarda il preoccupante fenomeno del turismo sessuale minorile.


Love is love Psicolinea

Il turismo sessuale riguarda più gli uomini o le donne?

Gli uomini sembrano più propensi a cercare rapporti sessuali casuali o rischiosi (p. es., partner multipli, rapporti non protetti) durante i viaggi, ma il fenomeno riguarda anche le donne.

Quali sono i paradisi sessuali più frequentati?

Per quanto riguarda le destinazioni preferite, una meta-analisi condotta nel 2018 ha mostrato che il Sud/Centro America e i Caraibi avevano maggiori probabilità di ricevere turisti in cerca di sesso occasionale [ Svensson P, Sundbeck M, , 2018 ]. Inoltre, anche Thailandia e Cuba hanno un’industria del turismo sessuale piuttosto importante. Uno studio ha rilevato che il 66% dei turisti australiani in Thailandia stava pianificando un incontro sessuale mentre era lì  [ Simkhada PP, Sharma A, , 2016 ].  Il turismo sessuale a Cuba è stato descritto come “intrinseco all’esperienza cubana” [ Simoni V., 2014].

.

Terapie di Coppia online psicolinea

Costo 60 euro /Durata 1 ora /Frequenza: da definire

Quali sono i viaggiatori più propensi a cercare sesso?

C’è una certa variabilità: viaggiatori con lo zaino, uomini d’affari in viaggio, coloro che visitano amici e parenti e quelli che viaggiano specificamente per incontrare prostitute [ Svensson P, Sundbeck M,, 2018].

In quali destinazioni si recano le donne in cerca di sesso?

Uno studio condotto negli Stati Uniti ha mostrato che le donne viaggiatrici preferivano viaggiare in paesi europei o tropicali e che era più probabile che il sesso si verificasse durante i tour di gruppo, le visite turistiche o le vacanze con lo zaino in spalla che duravano meno di 14 giorni [ Berdychevsky L, Gibson HJ., 2015 ]. Il turismo sessuale femminile è stato descritto anche in destinazioni caraibiche come la Giamaica, con donne euroamericane che acquistano i servizi dei cosiddetti “Rent-A-Dreads” da uomini locali che cercano relazioni con le turiste a scopo di lucro [ Deborah P, Suzanne L., 1995 ].

Terapie SessualiCosto: 60 euro/ Durata: 1 ora/ Frequenza: da definire

Quali sono i fattori maggiormente associati al turismo sessuale?

Diversi studi riportano che una maggiore durata del viaggio (maggiore di 1 mese), il viaggiare da soli o con gli amici, l’uso di alcol o droghe, l’essere giovani o single erano fattori associati a livelli più elevati di sesso occasionale all’estero [ Tanton C, Johnson AM, 2016 ]. Uno studio condotto in Svezia ha riportato dati contrastanti, che mostrano che i viaggiatori a breve termine (meno di 5 giorni) avevano una probabilità 20 volte maggiore di fare sesso occasionale [ Sundbeck M, Agardh A,, 2017 ].

Il turismo sessuale riguarda solo gli eteroessuali?

No. Anche i migranti e i membri della comunità lesbica, gay, bisessuale, transgender e queer (LGBTQ+) sono discussi frequentemente nella letteratura sul turismo sessuale.

.

Seguici su Facebook

Costo: 60 euro/ Durata: 1 ora/ Frequenza: da definire

Nel turismo sessuale si fa attenzione al sesso protetto?

No. È stato dimostrato che i comportamenti sessuali sicuri dipendono fortemente dalla destinazione del viaggio. Uno studio a Singapore ha mostrato che l’87,5% degli uomini locali usava il preservativo quando andava con una prostituta a Singapore, ma quando viaggiava il tasso  di utilizzo scendeva tra il 44 e il 77%, a seconda della località [ Avery AK,, 2015 ]. Questa scoperta è stata supportata da una ricerca di Hong Kong, che ha anche mostrato che gli uomini eterosessuali riferivano livelli più bassi di utilizzo del preservativo quando visitavano le prostitute al di fuori del proprio paese [ Lau J, Tang A, Tsui H., 2003].

Ci sono dei siti internet che propongono viaggi a scopo sessuale?

Si. La maggior parte mostra i sex workers come merci, che possono essere scelti e pagati dai turisti, dipingendoli come personaggi esotici del terzo mondo, completamente sottomessi ai clienti.

.

YouTube player

Ci sono legami fra turismo sessuale e diffusione di malattie a trasmissione sessuale?

L’associazione tra turismo sessuale e sesso occasionale durante i viaggi, con la diffusione di nuove malattie sessualmente trasmissibili è stata da tempo riconosciuta. È stato ad esempio suggerito che i marinai di Colombo fossero responsabili dell’epidemia di sifilide venerea in Europa alla fine del XV secolo in seguito a rapporti sessuali con donne haitiane locali.

Leggi anche:  La Terapia di Conversione, o Terapia Riparativa

Più recentemente questo legame è stato confermato anche in Thailandia negli anni ’80 [ Cohen E., 1988] e Trinidad e Tobago nel 2012 [ George A, Richards D., 2012]. Si ritiene inoltre che i viaggiatori siano implicati nella reintroduzione della sifilide e del linfogranuloma venereo in parti del Nord America e dell’Europa [ Avery AK, Zenilman JM. , 2015].

Quali sono i maggiori fattori di rischio?

I fattori di rischio per l’acquisizione di malattie sessualmente trasmissibili da parte dei viaggiatori includono una maggiore durata del soggiorno, viaggi in paesi a basso reddito, essere single, abuso di sostanze, essere maschi, visite ripetute nella stessa area e una storia precedente di più partner o malattie sessualmente trasmissibili [ Crawford G,, 2016 ] .

.

Psicoterapie onlineCosto: 60 euro/ Durata: 1 ora/ Frequenza: da definire

Che ruolo hanno alcol e droghe sul turismo sessuale?

Droghe e alcol svolgono un ruolo importante come fattori di rischio e cofattori nel comportamento sessuale occasionale all’estero. Uno studio sui lavoratori estivi britannici a Ibiza ha rilevato che quasi tutti gli intervistati hanno bevuto alcolici, mentre l’85,3% ha fatto uso di droghe durante il soggiorno, un’alta percentuale dei quali ha utilizzato droghe che non aveva mai provato prima [Kelly D,, 2014]. Questo studio ha scoperto che le probabilità di avere rapporti sessuali aumentavano con l’uso di anfetamine o una maggiore frequenza di bere, mentre le probabilità di avere più partner aumentavano con una maggiore frequenza del bere. È stato anche riscontrato che il sesso non protetto era più probabile quando era coinvolto l’alcol.

Il turista sessuale che tipo è?

Klain ha descritto due tipi principali di turista sessuale: il “turista sessuale elettivo” che viaggia per piacere o affari e fa un uso non pianificato di prostitute quando ne ha l’opportunità, e il “turista sessuale principale”, il cui scopo è esclusivamente entrare in contatto sessuale. Uno studio sui turisti tedeschi condotto nel 2017 ha rilevato che lo 0,4% ha dichiarato di essere un turista sessuale di minori [ Koops T, 2017]. Questo stesso studio ha rilevato che questi individui di solito hanno avuto esperienze personali di abusi, comportamenti pedofili e antisociali.

Quale è l’impatto del turismo sessuale sulle comunità ospitanti?

Gli atteggiamenti culturali locali nei confronti del turismo sessuale sono complessi e sono influenzati da condizioni economiche difficili, in cui le famiglie povere possono trovarsi con poche opzioni di sopravvivenza e dover ricorrere all’invio dei propri figli nei centri urbani visitati dai turisti sessuali. I guadagni di un membro della famiglia impegnato nel settore del turismo sessuale possono essere vitali per consentire alle famiglie di migliorare la propria qualità della vita.

Le comunità locali sono spesso riluttanti a intervenire nei casi di sfruttamento sessuale dei bambini, dati i complessi fattori economici sottostanti e il maggiore livello di accettabilità pubblica della prostituzione in alcuni paesi. Tali atteggiamenti rendono i bambini molto più vulnerabili all’essere assorbiti dal commercio del sesso degli adulti e allo sfruttamento sessuale dei turisti sessuali, che possono utilizzare l’anonimato offerto dal dark web come strumento di networking globale per condividere informazioni con altri turisti sessuali.

Dr. Giuliana Proietti
.

Costo: 60 euro/ Durata: 1 ora/ Frequenza: da definire
Terapie Online Dr. Giuliana Proietti

YouTube player

Fonte:

Lu, T.S., Holmes, A., Noone, C. et al. Sun, sea and sex: a review of the sex tourism literature. Trop Dis Travel Med Vaccines 6, 24 (2020). https://doi.org/10.1186/s40794-020-00124-0

Immagine;

Image by Erik Tanghe from Pixabay

.

Psicolinea 2001-2021

20+ anni di Psicolinea:
Informazioni, Ispirazioni e Supporto

PsicolineaCosto 60 euro / Durata 1 ora / Frequenza: da concordare

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *