1911 Freud

“Ritengo che quando sarà giunto il momento di scrivere la storia del periodo che abbiamo attraversato, la scienza tedesca non avrà motivo di sentirsi orgogliosa di coloro che la rappresentarono ufficialmente. Non alludo al fatto che essi abbiano avversato la psicoanalisi o al modo con cui lo hanno fatto – fatti comprensibili e largamente prevedibili, e che comunque non possono gettare alcun discredito sugli avversari di una teoria. Quello che invece non si può perdonare è l’arroganza che essi mostrarono, l’incoscienza con cui passarono sopra alla logica, ed il cattivo gusto delle loro accuse. Si potrà pensare che sia puerile, da parte mia, dare sfogo a questi sentimenti a quindici anni di distanza dall’accaduto, e ne farei volentieri a meno, ma devo aggiungere un’altra cosa. Vari anni dopo, durante la guerra mondiale, quando un coro di voci nemiche mosse alla nazione tedesca le colpe da me elencate più sopra, fui profondamente amareggiato nel constatare che la mia esperienza non mi consentiva di smentirle.”.

A parlare è Sigmund Freud (nella foto a sinistra ritratto nel 1911) che nella sua autobiografia scrive queste parole per ricordare il periodo infausto della sua vita in cui dovette subire lo scisma dei suoi allievi più cari e più vicini: allontanamenti che Freud sentì come dei veri e propri tradimenti.

Siamo nel 1911 e Freud era molto preoccupato per l’opposizione interna che si era venuta a creare nel movimento psicoanalitico. Ciò lo preoccupava più delle critiche che riceveva dall’esterno: infatti pensava che tutte queste nuove idee, che ricadevano comunque sotto la denominazione di “psicoanalisi” avrebbero rimescolato e confuso le cose a tal punto, che un giorno sarebbe diventato difficile comprendere che cosa fosse, o non fosse, la psicoanalisi. (Ricordiamo che Freud era seriamente convinto che la sua creazione fosse una delle scoperte più decisive e di più vasta portata che l’uomo avesse mai fatto sulla via dell’autoconoscenza e dunque si sentiva in dovere di difenderla in modo instancabile e inflessibile).

Il primo a prendere le distanze dal Maestro fu Alfred Adler, che diede vita alla psicologia individuale, una psicologia che non teneva in alcun conto i concetti di rimozione, sessualità infantile ed inconscio. Con Adler se ne andarono altri membri del movimento: non perché condividessero le idee di Adler, ma perché turbati dall’intolleranza e dalle aspre critiche di Freud stesso e dei suoi seguaci. Molti pensarono che un atteggiamento del genere violasse la ‘libertà della scienza’.

Quanto a Stekel, egli pubblicò nel 1911 un libro sui sogni che Freud trovò “…mortificante per noi, malgrado i nuovi contributi che apporta” e che Ferenczi definì “umiliante e disonesto”. Stekel ottenne comunque un notevole successo con il suo trattato sul simbolismo nei sogni, tanto da volersi misurare col Maestro, ovviamente senza successo. Dopo le dimissioni di Adler arrivarono dunque quelle di Stekel, che però furono meno traumatiche, in quanto sembra che Freud non avesse mai preso questo collega troppo sul serio, pur riconoscendone le qualità.

Con Jung la separazione avvenne nel 1912, a seguito delle sempre maggiori divergenze teoriche sul concetto di libido. Così Freud scrisse a Ferenczi della rottura con lo psichiatra svizzero: ”Penso che non vi siano più speranze di raddrizzare gli errori di quelli di Zurigo, e credo che tra due e tre anni ci muoveremo in direzioni completamente diverse, senza nessuna comprensione reciproca… Il modo migliore di difendersi da ogni amarezza è quello di non aspettarsi nulla, o meglio di aspettarsi il peggio: Glielo raccomando. Seguiremo il nostro destino continuando a lavorare senza curarci del chiasso, come l’orefice di Efeso.”

Fonti:

Ernest Jones, Vita e opere di Freud, il Saggiatore, Milano,
Hanns Sachs, Freud, maestro e amico, Astrolabio.

Dott.ssa Giuliana Proietti

1920 Sesto Congresso di Psicoanalisi a L’Aia, 8-11 Settembre

Il Sesto Congresso Internazionale di Psicoanalisi durò quattro giorni, dall'8 all'11 Settembre del 1920 e si tenne a L'Aja, presso ...
Leggi Tutto
terapia psicodinamica

La terapia psicodinamica è efficace

La psicoterapia psicodinamica è efficace su una vasta gamma di sintomi psicologici, fra cui depressione, ansia, panico e altri problemi ...
Leggi Tutto
la psicoanalisi

Freud, la psicoanalisi e le detective stories

Psicoanalisti e detectives hanno molto in comune: entrambi studiano le prove, gli indizi, ricostruiscono le storie, cercano di trovare le ...
Leggi Tutto
Edward Bernays

Edward Bernays

Edward Bernays è un personaggio conosciuto in Italia solo fra gli addetti ai lavori, ma la biografia ed il lavoro ...
Leggi Tutto
Presidente Schreber

Freud, il caso del presidente Schreber, la paranoia

Il Presidente Schreber, alias Daniel Paul Schreber (sopra), Presidente della Corte di Appello di Dresda, pubblicò un libro – nell'anno ...
Leggi Tutto
psicoanalisi selvaggia

Freud e la psicoanalisi selvaggia

La psicoanalisi selvaggia: ciò che preoccupava Freud Un brevissimo scritto di Freud del 1910 ci parla del pericolo della ‘psicoanalisi ...
Leggi Tutto
1911 Freud

Quando Freud fu abbandonato da Adler, Stekel e Jung

“Ritengo che quando sarà giunto il momento di scrivere la storia del periodo che abbiamo attraversato, la scienza tedesca non ...
Leggi Tutto
Sophie Freud

Sophie Freud

L'avanzamento nazista in Europa durante la seconda guerra mondiale obbligò l'adolescente Sophie Freud (figlia di Martin, figlio di Sigmund) a ...
Leggi Tutto
Anna Freud Bernays

Anna Freud Bernays: L’unica sorella di Sigmund scampata ai campi di concentramento

Anna Freud Bernays (1859-1955), sorella di Sigmund Freud, fu la più fortunata delle cinque sorelle, dal momento che poté morire ...
Leggi Tutto
Anna Freud

Anna Freud

Anna Freud. Sesta e ultima figlia di Sigmund e Martha Freud, Anna nacque a Vienna il 3 Dicembre del 1895 ...
Leggi Tutto
Hilda Doolittle

Hilda Doolittle

Hilda Doolittle, ancora poco conosciuta in Italia, è una poetessa americana, la cui biografia appare veramente incredibile, ricca come è ...
Leggi Tutto
Sandor Ferenczi

Sandor Ferenczi

Così scriveva nel 1931 Ferenczi, uno dei primi allievi di Freud: "Sono conosciuto come uno spirito inquieto, o, come mi ...
Leggi Tutto
Wilhelm Reich

Libri di Wilhelm Reich

Libri di Wilhelm Reich (Riassunti) ANALISI DEL CARATTERE Nel movimento psicoanalitico, Reich si distinse per la sua teoria del carattere ...
Leggi Tutto
Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona Civitanova Marche, Fabriano
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche Fabriano e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.