Share Button

Anna FreudNel 1914 Freud era giunto a fidarsi della lealtà di pochissimi collaboratori, fra cui Ernst Jones. Ciò nonostante non lo avrebbe certo voluto come genero.

Durante l’estate Freud scrisse alla figlia Anna, che si trovava in vacanza in Inghilterra: “Vengo a sapere da fonti sicure che il dottor Jones ha serie intenzioni di corteggiati”. Freud era veramente preoccupato di questa possibile avance, tanto che scrisse: “Jones è molto meno affidabile e più dipendente di quanto non si crederebbe alla prima impressione” disse ad Anna con delicatezza. “Ha bisogno di una donna con un po’ di esperienza, forse più vecchia di lui. Abbandonato a sé stesso, e questo è il peggio che io possa dire di Jones, rivela una tendenza a cacciarsi in situazioni pericolose fino a correre enormi rischi, il che non ti offrirebbe nessuna garanzia di sicurezza”

E ancora: “Non è l’uomo adatto ad un essere femminile delicato. Proviene da una famiglia molto modesta e ha dovuto arrangiarsi in situazioni difficili, così non ha potuto acquisire il tatto ed i modi raffinati che una ragazza vezzeggiata, ma soprattutto molto giovane e in un certo senso rigidamente educata si aspetterebbe da suo marito. Dovresti avere almeno cinque anni di più per riuscire ad apprezzarlo e a perdonargli un sacco di cose diverse, ma lui allora sarebbe troppo vecchio per te”.

Fu forse a causa di questo antico rifiuto che durante l’aspra polemica psicoanalitica tra le fazioni partigiane di Anna Freud e quelle più propense alle tesi di Melanie Klein Jones non si schierò né per l’una né per l’altra ma si situò nel gruppo degli “Indipendenti”

Tornando a Freud, ciò che era buono per la psicoanalisi non necessariamente lo era altrettanto per la sua famiglia.

Fonti:

Wikipedia

Lettera ad Anna Freud del 17 Luglio 1914, Freud Collection

Donn L. Freud e Jung, Leonardo

Nell’immagine: Anna Freud

Dott.ssa Giuliana Proietti Ancona

Facebook Comments

● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull’Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube

Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

ARTICOLI CORRELATI:

Freud e il disagio della civiltà (1929)
Il libro "Il disagio della civiltà" appartiene alla piena maturità del pensiero freudiano. Fu pubblicato in due parti, nel 1929 e nel 1930, per ...
1926: il settantesimo anno di Sigmund Freud
Nel 1926 Freud arrivò all'età di settanta anni e ricevette vari onori. La radio austriaca trasmise un programma in cui l'opera di Freud veniva ...
Freud in vita e in morte
Freud aveva molta paura della morte. Il suo tormentato rapporto con questo evento ineluttabile si manifestava attraverso molte fobie, ossessioni e somatizzazioni. Ricordiamo infatti ...
Freud a lezione da Signorelli per studiare la memoria
Nel 1897, ad Orvieto, piccola cittadina umbra, Sigmund Freud ebbe una rivelazione. Nella cattedrale della città, davanti alla rappresentazione del giudizio universale del pittore rinascimentale Luca ...
La sorella di Freud
Sopra: la famiglia Freud (1876 circa)  Da sinistra a destra, in piedi:  Paula, Anna, bambina sconosciuta, Sigmund, Emanuel (fratellastro di Sigmund), Rosa, Maria o ...
Il libro rosso di Carl Gustav Jung
Qualche giorno fa (il 7 Ottobre) è stato presentato, con grande clamore, presso il Rubin Museum, un libro che si annuncia davvero interessante. Si ...
Judy Garland e Susie, la nipotina di Freud
Chi non ricorda Judy Garland nel personaggio di Dorothy che canta 'Somewhere Over the Rainbow'? Bé, francamente non tutti, ma qualcuno la ricorda in ...
Jacques Lacan, Freud e la società umana
Elisabeth Roudinesco ha da poco pubblicato il libro Lacan, envers et contre tout. La Roudinesco (classe 1944) è figlia di un medico e di ...

One thought on “Quando Freud scoraggiò la figlia Anna dall’essere corteggiata dall’allievo Jones”

  1. Questo e’ molto utilie. Great information, I never knew about the Freud daughter as it was always Sigmund that’s highlighted.

    Some Things About Freud was written (by me) without this useful information che avete scritto qua. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *