Sigmund Freud e la sua Principessa

Share Button

1886_Freud e MarthaA sinistra: Freud e Martha nel 1886

Freud aveva incontrato Marta Bernays, si era innamorato e fidanzato con lei nel giugno del 1882. Martha apparteneva ad una nota famiglia ebraica di Amburgo. Suo padre era giunto a Vienna molti anni prima ed era morto nel 1879.

Era una ragazza molto attraente e con un carattere deciso, come del resto la sua futura suocera. I legami fra le famiglie Freud e Bernays furono rafforzati dal matrimonio del fratello di Martha, Eli, con la sorella di Sigmund, Anna.

Così Freud la descriveva: ‘la mia Marta, la ragazza dolce di cui tutti parlano con ammirazione, che contro ogni mia resistenza è riuscita a catturare il mio cuore al nostro primo incontro, la ragazza che avevo timore a corteggiare e che venne verso di me con molta sicurezza di sé, che ha creduto in me e che mi ha dato speranza ed energia per impegnarmi nel lavoro quando ne avevo grande bisogno’. (Lettera a Martha Bernays, 19 Giugno 1882).

Freud era innegabilmente molto innamorato di Martha e si sentiva molto gratificato anche per l’amore che lei gli dimostrava.‘… Sentirsi amati rende inspiegabilmente felici… E soprattutto se si è stati abbastanza fortunati da aver conquistato una piccolo principessa! ‘ scriveva Freud a Martha il 23 Agosto del 1883.

La ‘piccola Principessa’ per Sigmund aveva qualcosa di inaccessibile che lo attraeva immensamente, ma prima di arrivare al matrimonio vi furono molti problemi. Le due famiglie non si piacquero immediatamente : la classe sociale cui apparteneva la ragazza era infatti superiore a quella dei Freud, anche se la prematura morte del padre di lei li aveva resi poveri, e poi, al contrario dei Freud, i Bernays erano ebrei praticanti. Oltre tutto, al momento del fidanzamento il futuro di Sigmund Freud appariva quanto mai incerto e il matrimonio con questo giovane di grandi speranze faceva nascere qualche perplessità.

Martha visse molto a lungo (era nata il 26 luglio 1860 e morì il 2 Novembre 1851, a novanta anni.) e fu l’unica donna cui Freud fu legato per tutta la vita. Alcuni biografi parlano tuttavia dell’interesse mostrato da Sigmund per la sorella minore di Martha, Minna, che dopo la morte del fidanzato decise di non sposarsi e di andare a convivere con la famiglia della sorella. In ogni caso Minna fu senz’altro una delle migliori amiche e confidenti di Freud, sua grande sostenitrice durante i primi tempi della psicoanalisi.

Freud e Marta si sposarono il 13 Settembre 1886, quando lui aveva trenta anni e lei 26. Per l’epoca la sposa era già ‘matura’, ma del resto aveva dovuto aspettare ben quattro anni perché il fidanzato potesse ‘sistemarsi’ economicamente e giungere all’agognato ‘si’.

A cura della
Redazione di Psicolinea.it

Redazione di Psicolinea

Redazione di Psicolinea

Redazione at Psicolinea
Psicolinea è uno dei primi siti di psicologia in Rete, nato ufficialmente il 13 Ottobre 2001.
Fondatrice  e Responsabile Scientifico del Sito è laDr. Giuliana Proietti, la quale cura la Consulenza con i lettori.

Co-fondatore del Sito è il Dr. Walter La Gatta, che per il Sito scrive articoli e cura la Consulenza psicosessuale con i lettori.

Il sito si avvale di numerosi collaboratori, che pubblicano anche in inglese e francese.

Psicolinea ha come slogan  "la psicologia amica", perché il suo intento è quello di diffondere il sapere psicologico, rendendolo accessibile a tutti.
Redazione di Psicolinea

Latest posts by Redazione di Psicolinea (see all)

Facebook Comments

About Redazione di Psicolinea

Psicolinea è uno dei primi siti di psicologia in Rete, nato ufficialmente il 13 Ottobre 2001. Fondatrice  e Responsabile Scientifico del Sito è laDr. Giuliana Proietti, la quale cura la Consulenza con i lettori. Co-fondatore del Sito è il Dr. Walter La Gatta, che per il Sito scrive articoli e cura la Consulenza psicosessuale con i lettori. Il sito si avvale di numerosi collaboratori, che pubblicano anche in inglese e francese. Psicolinea ha come slogan  "la psicologia amica", perché il suo intento è quello di diffondere il sapere psicologico, rendendolo accessibile a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *