Freud e il premio Nobel

Nobel

Nel diario di Freud del 1929, alla prima pagina, troviamo una nota sommaria: “scartato per il Premio Nobel”. In tutto, in quel mese di gennaio, Freud scrisse meno di 60 parole, oltre quelle relative al Premio Nobel mancato, in cui annota appuntamenti, acquisti per la collezione di reperti archeologici, concerti, sintomi della malattia, compleanni dei figli e note sulle prime persecuzioni razziali a Vienna.

Nel 1930 un’altra nota: “definitivamente scartato per il premio Nobel”. Non abbiamo moltissimi documenti per comprendere cosa ne pensasse davvero Freud di quel premio tanto prestigioso e se ci tenesse davvero a riceverlo.

In una lettera del 1936 scritta a Marie Bonaparte, Freud si diceva infastidito per la candidatura al Nobel ed in un’altra del 28 Giugno 1938, indirizzata a Arnold Zweig, che era promotore della sua candidatura, lo psicoanalista chiedeva all’amico di non sprecare troppo tempo a caldeggiare la sua nomina, dal momento che non avrebbe mai potuto vincere alcun premio Nobel. La psicoanalisi ha troppi nemici, diceva, e sarebbe stata una provocazione enorme per la Germania nazista.

In realtà sembra che Freud tenesse invece moltissimo a questo premio, stando alle testimonianze dei suoi conoscenti, soprattutto per ottenere quella somma di denaro, molto gradita dopo “il modo in cui i Nazisti lo avevano trattato a Vienna” e le precarie situazioni economiche di uno dei suoi figli e di suo genero.

Il 28 Agosto 1930 Sigmund Freud aveva invece ricevuto un altro premio prestigioso: il premio Goethe, dalla città di Francoforte. Il premio era stato istituito tre anni prima e veniva conferito in quella data, che era l’anniversario della nascita di Johann Wolfgang von Goethe. Il premio consisteva in diecimila marchi tedeschi e veniva dato a persone “la cui attività creativa onorava la memoria di Goethe”. Prima che a Freud questo premio era stato dato a Stefan George (1927), Albert Schweitzer (1928), e Leopold Ziegler (1929). Freud all’epoca aveva settantaquattro anni ed era in non buone condizioni di salute, per cui chiese alla figlia Anna Freud, di andare a Francoforte a ritirare il premio.

Il premio Goethe del 1930 fu considerato da Freud come il punto più alto della sua vita professionale. Il comitato di Francoforte sembrava apprezzare la psicoanalisi, anche se al suo interno vi erano anche dei membri che apertamente l’avversavano. Non a caso, pochi anni dopo, nel 1933, i libri di Freud furono bruciati dai Nazionalsocialisti, proprio a Francoforte, oltre che in altre città della Germania.

A muoversi per il premio Goethe erano stati i membri del Frankfurt Psychoanalytic Institute (1929-1933), specialmente Heinrich Meng. Lo stesso Meng, insieme a Stefan Zweig, si era fatto promotore di una campagna promozionale per conferire a Sigmund Freud anche il premio Nobel.

Come è noto, il Premio Nobel è stato creato per premiare annualmente, con cinque premi, i più importanti studiosi nel campo della Fisica, della Chimica, della Fisiologia, della Medicina, della Letteratura e della pace. La psicologia o la psichiatria non avevano, fino ad allora, ricevuto molti riconoscimenti. L’unico Premio Nobel per la Medicina, nel campo della psichiatria, era stato assegnato a Julius Wagner Ritter von Jauregg, in Austria, nel 1927, per la scoperta di una terapia efficace per una forma di sifilide cerebrale, paralisi generale da febbre prodotta da inoculazione della malaria (malarioterapia).

Altri premi Nobel erano stati assegnati in precedenza a ricercatori di altre funzioni cerebrali, come Ivan Petrovic Pavlov, che ricevette il Premio Nobel nel 1904 per i suoi contributi alla fisiologia del sistema digestivo e la scoperta del riflesso condizionato, che incoraggiò gli studi della scuola americana del comportamentismo (Watson, Skinner) e della teoria dell’apprendimento.

In campo neuropsichiatrico i Nobel erano stati assegnati a Santiago Ramón y Cajal (1906), spagnolo, medaglia condivisa con Camillo Golgi, italiano, per i contributi alla conoscenza della struttura del sistema nervoso e a Paul Erlich (1908), tedesco, per la scoperta del primo trattamento efficace per la sifilide: il composto “606” o “salvarsan”.

Nel 1932 Charles Scott Sherrington e Edgar Douglas Adrian, fisiologi inglesi, avevano condiviso il Nobel per la scoperta delle funzioni dei neuroni.

Sigmund Freud (1856-1939) era stato inizialmente candidato al Nobel per la Medicina per i suoi contributi alla psicologia e alla psichiatria con la teoria e la pratica della psicoanalisi. La sua candidatura fu proposta per almeno un quarto di secolo, più precisamente fra il 1915 ed il 1938. Per 12 volte fu candidato al premio Nobel per la Medicina e la Fisiologia; le altre volte per la letteratura (data l’eccellenza del suo stile di scrittura).

Nel 1929, il Comitato del Premio Nobel per la medicina incaricò un esperto che giunse alla conclusione che il lavoro di Freud non era basato su prove scientifiche. Per questo motivo i conoscenti di Freud, che tanto ambivano a conferire il prestigioso premio al padre della psicoanalisi, pensarono al premio Nobel per la letteratura: in particolare Romain Rolland, il quale aveva vinto proprio il premio Nobel per la letteratura, nel 1915, lo candidò allo stesso premio nel 1936.

La candidatura del 1928 fu quella sostenuta da moltissimi intellettuali, quali Alfred Döblin, Jacob Wassermann, Bertrand Russell, A.S. Neill, Lytton Strachey, Julian Huxley, Knut Hamsun, Thomas Mann. (Albert Einstein non si unì invece a questa campagna, sebbene fosse in ottimi rapporti con Freud, perché non si sentiva sufficientemente qualificato per capire se gli studi di Freud avessero o meno a che fare con la medicina). Peraltro, va detto che il lavoro di Freud era stato all’epoca completamente divulgato in lingua inglese (il primo traduttore della psicoanalisi fu Abraham Arden Brill)., ma non ancora del tutto in lingua tedesca.

Dr. Giuliana Proietti, psicoterapeuta, Ancona

El premio Nobel y la psiquiatria, Universidad San Marcos
Why did Freud never Receive the Nobel Prize?, Pep
Nobelprize.org
Pegasos
Goethe Prize, enotes.com
Why did Freud Never Receive the Nobel Prize? Taylor and Francis onlinAccounting Freud: Review of “The Diary of Sigmund Freud: A Record of the Final Decade”, Haverford.edu

Immagine:

Ereneta, Flickr

Il piccolo Hans

Freud, il piccolo Hans e l’analisi infantile

FREUD, IL PICCOLO HANS E L'ANALISI INFANTILE Dr. Giuliana Proietti - Tel. 347 0375949 Psicologa Psicoterapeuta ANCONA FABRIANO CIVITANOVA M ...
Leggi Tutto
Freud Signorelli

Freud a lezione da Signorelli per studiare la memoria

Nel 1897, ad Orvieto, piccola cittadina umbra, Sigmund Freud ebbe una rivelazione. Nella cattedrale della città, davanti alla rappresentazione del giudizio ...
Leggi Tutto
Famiglia Freud 1898

I Freud: una famiglia molto potente e disfunzionale

Recentemente, anche sulle pagine dei giornali italiani, è comparsa l'immagine e l'incredibile storia di un personaggio poco conosciuto nel nostro ...
Leggi Tutto
donne

Freud, la psicoanalisi e le donne

Freud non può essere sicuramente considerato un teorico femminista perché, come è notorio, Freud di donne comprese ben poco. Dobbiamo ...
Leggi Tutto
Anna Freud e Sigmund Freud

Anna Freud e la psicoanalisi

Anna Freud, la più giovane dei sei figli del fondatore della psicoanalisi, fu l'unica a seguire le orme del padre ...
Leggi Tutto
Freud

Freud e il disagio della civiltà (1929)

Il libro "Il disagio della civiltà" appartiene alla piena maturità del pensiero freudiano. Fu pubblicato in due parti, nel 1929 ...
Leggi Tutto
Nobel

Freud e il premio Nobel

Nel diario di Freud del 1929, alla prima pagina, troviamo una nota sommaria: "scartato per il Premio Nobel". In tutto, ...
Leggi Tutto
madre di Freud

1930: quando Freud perse la sua adoratissima madre

Freud, settantenne e malato di cancro alla mascella, trascorse, nel 1930, le vacanze estive a Grundlsee, per essere vicino alla ...
Leggi Tutto
Thomas Mann

Thomas Mann e la posizione di Freud nello spirito moderno

Sul British Medical Journal del 10 ottobre 1942 (più o meno 70 anni fa, in piena Seconda Guerra Mondiale), Sir ...
Leggi Tutto

Jacques Lacan, Freud e la società umana

Elisabeth Roudinesco ha da poco pubblicato il libro Lacan, envers et contre tout. La Roudinesco (classe 1944) è figlia di ...
Leggi Tutto
Arnold Zweig

Arnold Zweig, Sigmund Freud, l’ebraismo e il genere umano

Nel 1929 Freud era molto popolare all'interno della comunità ebraica e veniva considerato come un eroe. Quell'anno lo scrittore (e ...
Leggi Tutto
Tagore

1926: il 70 anno di Sigmund Freud e l’incontro con Tagore

Freud compie 70 anni. L'incontro con Tagore Nel 1926 Freud arrivò all'età di settanta anni e ricevette vari onori. La ...
Leggi Tutto
telepatia

Freud e la telepatia

Freud, nel 1925, rimase talmente impressionato dagli esperimenti di telepatia condotti da Cecil Murray presso la Society for Psychical Research, ...
Leggi Tutto
America

Sigmund Freud e l’America (1909)

La psicoanalisi va in America Sopra, seduti: Sigmund Freud, G. Stanley Hall, Carl Gustav Jung. In piedi, da sinistra, Abraham ...
Leggi Tutto
Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
Psicoterapeuta Sessuologa
ANCONA FABRIANO CIVITANOVA MARCHE
Per appuntamenti: 347 0375949 - g.proietti@psicolinea.it

E' possibile anche fissare degli appuntamenti Via Skype.
https://www.psicolinea.it/sostegno-psicologico-distanza/

Per leggere il CV:
https://www.psicolinea.it/dr-giuliana-proietti_psicologa_sessuologa_ancona/

Per vedere dei videofilmati su YouTube
https://www.youtube.com/user/RedPsicCdt

Per la pagina Facebook
https://www.facebook.com/Giuliana.Proietti.Psicosessuologia

Per il Profilo Facebook
https://www.facebook.com/giuliana.proietti.psicologa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Ti piace Psicolinea? Seguici anche sui Social ;-)

RSS
Facebook
YouTube
Instagram