scuola
Share Button

Il ruolo della scuola

L’accesso alla cultura si ottiene principalmente attraverso l’istruzione e la formazione. Da un lato dunque, la scuola è il principale luogo di apprendimento per i giovani, ma dall’altro è anche un luogo di socialità, confronto e scambio.

La scuola come occasione di socializzazione e confronto

La scuola costituisce per i ragazzi un’importante occasione di socializzazione e di confronto, sia con i compagni che con i professori; attraverso la frequentazione della scuola è possibile sperimentarsi, non solo relativamente alle capacità di apprendimento, ma anche imparare a gestire le relazioni sociali e i conflitti che sempre insorgono in un gruppo. La scuola è infatti il primo luogo di socializzazione per i giovani: è un luogo in cui i ragazzi possono osservare e apprendere diversi stili di comportamento, di pensiero, di linguaggio, è un luogo di sperimentazione, di condivisione e diffusione di modelli culturali.

Scuola e Adolescenti

Per gli adolescenti, in particolare, le interazioni con i compagni nelle scuole superiori sono importanti fonti di informazione: i pari forniscono infatti ai giovani informazioni importanti su come essi appaiono ad altri soggetti della propria età, in particolare riguardo alle caratteristiche  sociali e personali più evidenti. Questo confronto serve a rafforzare la propria identità.

Impegno

Andare a scuola rappresenta un grande impegno per un adolescente: non solo per le ore dedicate alla frequenza scolastica, ma anche a casa, per l’esecuzione dei compiti, o per la preparazione di un esame. La scuola è amata, ma anche odiata da molti adolescenti, soprattutto per il tempo libero che prepotentemente viene ad occupare nella loro vita. Allo studio pomeridiano infatti, la maggior parte dei ragazzi dedica tra le due e le quattro ore, specialmente le ragazze, che sono in genere le più studiose.

L’abbandono scolastico

Gli studenti delle scuole superiori che abbandonano la scuola lo fanno soprattutto perché non provano interesse verso le materie scolastiche e non riconoscono un valore nell’impegno scolastico che viene loro richiesto. A volte l’avversione allo studio può invece rappresentare un segnale di disagio relazionale, una fobia sociale, una maggiore richiesta di attenzioni, una difficoltà di apprendimento di una determinata materia che si generalizza a tutto il contesto scolastico.

L’indirizzo scolastico

La scelta dell’indirizzo scolastico da seguire è una delle cose più importanti da decidere nella prima adolescenza: si tratta di una decisione difficile perché in realtà i ragazzi non sono ancora entrati nel mondo adulto e, per i genitori, è difficile compiere loro una scelta che poi influirà in modo importante sul destino dei propri figli, sulla professione che i ragazzi vorranno svolgere e sulla durata, breve, media o lunga, del percorso di studi. D’altra parte per i genitori è ugualmente difficile accettare le scelte degli adolescenti e lasciare che la decisione dell’indirizzo scolastico venga effettuata in autonomia dal ragazzo, che non ha esperienza della vita e che potrebbe fare scelte solo per seguire un compagno, o attratto da altre caratteristiche della scuola che poca importanza hanno sulla sua formazione.

L’orientamento scolastico

L’orientamento serve per aiutare l’adolescente a conoscere se stesso, al fine di compiere scelte consapevoli e efficaci, sia nell’ambito degli studi da intraprendere dopo la terza media, sia nell’ambito delle scelte professionali.  E’ necessario far emergere le attitudini dei ragazzi, per far crescere le loro competenze in funzione della scelta professionale che vorranno fare e della persona che vorranno essere nella vita sociale.

Obiettivi strategici della scuola

Obiettivi strategici della scuola sono il contrastare anzitutto la dispersione scolastica e aiutare ogni singolo alunno a scoprire quali sono le sue attitudini, i suoi interessi,  le sue aspirazioni e motivazioni.

La famiglia e la scuola

La famiglia deve supportare il lavoro dei docenti: l’obiettivo comune della famiglia e della scuola deve essere quello di rafforzare la personalità dell’allievo, permettendogli di acquisire capacità e abilità che favoriscano la sua autonomia decisionale. 

Dr. Walter La Gatta

Adolescenza

Editore: Xenia, Collana: I tascabili
Anno edizione: 2004 Pagine: 128 p., Brossura
Autori: Giuliana Proietti – Walter La Gatta
Error: View fd059daadq may not exist

Author Profile

Dr. Walter La Gatta
Dr. Walter La Gatta

Libero professionista ad Ancona ,Terni e Civitanova Marche

Si occupa di:

Psicoterapie individuali e di coppia
Terapie Sessuali (Delegato Regionale del Centro Italiano di Sessuologia per le Regioni Marche e Umbria) 
Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

Riceve ad Ancona,Terni , Civitanova Marche e via Skype, su appuntamento.

Per appuntamenti telefonare direttamente al: 348 – 331 4908

Co-fondatore dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta

Tweets di @Walter La Gatta

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierlo come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.