Ancona, Marche, Italy
0039 347 0375949
psicolinea@psicolinea.it

Le espressioni facciali

Sito di psicologia, online dal 2001

Created with Sketch.

Le espressioni facciali

espressioni facciali

Cosa sono le espressioni facciali?

Un’espressione facciale consiste in uno o più movimenti o posizioni dei muscoli sotto la pelle del viso.
Questi movimenti muscolari trasmettono lo stato emotivo di un individuo alle persone che lo osservano. Le espressioni facciali sono dunque una forma di comunicazione non verbale.

A cosa serve la comunicazione non verbale?

E’ un mezzo primario per trasmettere informazioni sociali tra gli umani, ma è largamente presente anche fra molti mammiferi e in altre specie di animali.

Le espressioni facciali sono volontarie?

Gli esseri umani possono esprimere delle emozioni volontariamente o involontariamente. Le espressioni del volto sono complesse e ambigue in quanto provengono da un sistema duplice, volontario e involontario, capace di mentire e di dire la verità, spesso contemporaneamente. Le espressioni vere, sentite, si presentano perché il movimento dei muscoli facciali è automatico, quelle false compaiono invece perché l’evoluzione della specie ha portato l’uomo ad avere un controllo volontario sul proprio viso, che consente di inibire la mimica autentica e assumere al suo posto un’espressione non realmente sentita.

Quanto è importante il contatto visivo?

Il contatto visivo è un aspetto importante della comunicazione interpersonale. Il contatto visivo regola la  conversazione, comunica il coinvolgimento e l’interesse, permette di stabilire relazioni con gli altri, permette di attirare l’attenzione, mostrare il proprio stato d’animo. La mancanza di contatto oculare è solitamente percepita come forma di maleducazione o disattenzione.

C’è differenza fra le culture rispetto al contatto oculare?

Si. Culture diverse hanno regole diverse per il contatto visivo. Alcune culture asiatiche possono percepire il contatto visivo diretto come un modo per segnalare lo spirito di competizione, che in molte situazioni può rivelarsi inappropriato. Altri abbassano gli occhi per segnalare una forma di rispetto verso l’interlocutore.

Cosa comunicano gli occhi?

Gli occhi comunicano più dati di quanto una persona possa voler esprimere consapevolmente. La dilatazione delle pupille ad esempio indica una forte attrazione o interesse verso la cosa o la persona che si sta osservando. Pupille piccole come capocchie di spilli indicano invece un segnale di freddezza emotiva.

Le espressioni facciali sono universali fra gli umani?

I sostenitori dell’ipotesi dell’universalità affermano che molte espressioni facciali sono innate e hanno radici nel comportamento dei nostri lontani antenati. Gli oppositori di questo punto di vista mettono in dubbio l’accuratezza degli studi utilizzati per testare questa affermazione e credono invece che le espressioni facciali siano condizionate e che le persone vedano e comprendano le espressioni facciali in gran parte a seconda delle situazioni sociali che li circondano.

Quando si apprendono le espressioni facciali?

Più un bambino è esposto a diversi volti ed espressioni, più è capace di riconoscere queste emozioni e quindi di imitarle. I bambini imparano rapidamente che osservare gli altri permette di avere informazioni informazioni importanti sull’ambiente. Per questa ragione i neonati preferiscono guardare i volti umani rispetto ad altri stimoli, sin dalla più tenera età.

Quali sono le teorie di Paul Ekman sulle espressioni facciali?

Paul Ekman ha studiato per molti anni le espressioni facciali, raccogliendo una grande quantità di dati: attraverso i suoi studi è stato possibile arrivare ad una descrizione particolareggiata del comportamento di molti muscoli facciali, scoprendone la straordinaria complessità che può far si che sul volto, nel giro di pochi secondi, possano comparire delle ‘microemozioni’ che la maggior parte degli osservatori non riescono nemmeno a cogliere, data la durata molto breve della loro apparizione.

Come sono state condotte queste ricerche?

Le emozioni segnalate dal volto sono state studiate attraverso l’osservazione attenta di fotografie e videofilmati, esaminati al rallentatore.

Cosa suggeriscono i dati raccolti?

I dati raccolti sono stati identificati in modo simile anche all’interno di culture molto diverse. Per esempio anche in un gruppo della Nuova Guinea, di cultura primitiva, le espressioni facciali relative a particolari emozioni somigliano molto a quelle delle società più avanzate; ciò accade in particolare per l’emozione della rabbia, del disgusto, della felicità, della tristezza, della paura e della sorpresa, che sembrano universalmente espresse allo stesso modo, probabilmente perché biologicamente più primitive e dunque universali.

E’ possibile evitare di far comprendere all’interlocutore l’emozione che si sta provando?

Eckman ha individuato alcune tecniche che normalmente le persone utilizzano per sviare l’interlocutore dal comprendere l’emozione che prova:

  • La dissimulazione. L’espressione spontanea viene dissimulata, fatta scomparire dal volto. Il soggetto sembra accorgersi di quello che rischia di manifestare, per cui interrompe bruscamente l’emozione che gli si sta stampando sul viso, coprendola con una espressione diversa. Chi si trova spesso a mentire per ragioni professionali, tipo avvocati, politici, venditori, giocatori d’azzardo impara l’arte della dissimulazione con grande perizia, tanto da poterla esercitare anche quando si trova a dover guardare negli occhi l’interlocutore, il che è piuttosto difficile, per chi non è allenato, da mettere in pratica.
  • L’attiva falsificazione. Quando nasce una emozione i muscoli facciali si attivano in maniera automatica : per abitudine o per scelta si può riuscire ad impedire queste espressioni nascondendole attraverso una maschera, una ’emozione finta’, che in genere è il sorriso. E’ più facile fingere emozioni positive che negative : la maggior parte delle persone trova infatti difficilissimo imparare a muovere volontariamente i muscoli che sono necessari per fingere realisticamente dolore e paura; va un po’ meglio per la rabbia e per il disgusto.Nel suo libro, I volti della menzogna, Eckman ci fornisce almeno tre indizi per poter ritenere che una espressione non sia sincera : asimmetria, tempo e collocazione nel corso della conversazione.

Asimmetria

In una espressione facciale asimmetrica le stesse azioni compaiono nelle due metà del viso, ma sono più intense su una parte anziché nell’altra. Una spiegazione di questa asimmetria potrebbe essere cercata nel fatto che l’emisfero cerebrale destro sia più specializzato del sinistro nel trattamento delle emozioni: dato che l’emisfero destro controlla gran parte dei muscoli della metà sinistra del viso e il sinistro quelli della metà destra, le emozioni si mostrano con maggiore intensità sulla parte sinistra del volto. In questo senso le espressioni contorte, in cui l’azione dei muscoli è un po’ più accentuata su una metà del viso possono essere un segno rivelatore della falsità del sentimento manifestato. L’asimmetria è indizio di una emozione poco sentita, un’espressione volontaria della muscolatura.

Tempo

Le espressioni di lunga durata (dai 10 secondi in su) sono probabilmente false perché le espressioni autentiche non durano così a lungo : la mimica che esprime emozioni davvero sentite non resta sul viso più di qualche secondo. Se la sorpresa è autentica tutti i tempi, di attacco e di stacco, sono brevissimi, inferiori al secondo.

Collocazione

Se qualcuno finge di arrabbiarsi e dice ad esempio ‘non ne posso più di come ti comporti’ dobbiamo guardare attentamente alla mimica : se i segni di collera nell’espressione facciale vengono dopo le parole, la persona non è poi così adirata come invece sarebbe se l’espressione della collera si stampasse sul viso prima della pronuncia della frase. In ogni caso le espressioni del viso non sincronizzate coi movimenti del corpo costituiscono probabili indizi di falso.

Dr. Walter La Gatta

Immagine

Pexels

Please follow and like us:

Author Profile

Dr. Walter La Gatta
Dr. Walter La Gatta

Libero professionista ad Ancona ,Terni , Fabriano e Civitanova Marche

Si occupa di:

Psicoterapie individuali e di coppia
Terapie Sessuali (Delegato Regionale del Centro Italiano di Sessuologia per le Regioni Marche e Umbria) 
Tecniche di Rilassamento e Ipnosi
Disturbi d’ansia, Timidezza e Fobie sociali.

Riceve ad Ancona,Terni , Fabriano, Civitanova Marche e via Skype, su appuntamento.

Per appuntamenti telefonare direttamente al: 348 – 331 4908

Co-fondatore dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Contatti e Consulenza con il Dr. Walter La Gatta

Tweets di @Walter La Gatta

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierlo come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Ti piace Psicolinea? Seguici anche sui Social ;-)

RSS
Facebook
YouTube
Instagram