Share Button

ID-100225577Il burnout è un disturbo legato allo stress accumulato sul lavoro: può derivare da un sovraccarico di lavoro, dall’ambiguità del ruolo svolto, da una mancanza di autonomia e dallo scarso sostegno sociale. Lo caratterizzano una lunga serie di sintomi, quali stanchezza, noia, disinteresse, accresciuta irritabilità, sensazione di non essere compresi, perdita di concentrazione e sentimenti di distacco. Il burnout può provocare la depressione, l’abuso di farmaci o di sostanze e una maggiore predisposizione alle malattie.

Una ricerca pubblicata su PLoS One individua tre tipi di burnout:

1) Il tipo “frenetico”: chi soffre di questo burnout è una persona che si impegna molto nel lavoro e che dà moltissimo, malgrado in alcune circostanze senta di essere troppo stressato… Ma continua a lavorare,  spesso a scapito della salute e delle relazioni personali.

2) Il tipo “da sotto-utilizzo” è quello che emerge in un lavoro monotono, dove c’è poco spazio per la crescita e lo sviluppo personale. Con il tempo, le persone si sentono annoiate e diventano indifferenti e prive di motivazione.

3) Il tipo “da logorio” è quello di chi semplicemente rinuncia di far fronte a condizioni troppo stressanti. Queste persone possono trascurare i loro doveri, non riuscendo più neanche ad avere consapevolezza del lavoro che devono effettivamente svolgere.

La descrizione di questi tre tipi di burnout ci permette di comprendere le varie sfumature che questa sindrome può comportare. Provare questi sintomi significa che c’è qualcosa in ambito lavorativo che è sbagliato, o che almeno non funziona come dovrebbe.

Diverse sono le reazioni individuali al malessere provocato da burnout:

Ad esempio, il tipo” frenetico” è incline a mettere in atto strategie di coping più attive, per tentare di risolvere i problemi, anche se probabilmente questo suo comportamento non farà altro che accrescere le condizioni di stress fino a cronicizzarle. Il tipo “da sotto-utilizzo” può difendersi erigendo una barriera di distacco emotivo, che contribuisce ulteriormente al suo sentirsi svalutato e sotto-utilizzato; il tipo “da logorio” può invece cercare strategie di disimpegno che incoraggiano la trascuratezza, creando e mantenendo una certa distanza tra sé stesso e il lavoro.

Secondo gli autori dello studio pubblicato su PLoS,  il fattore comune per lo sviluppo del burnout è un problema caratteriale, ma anche il contesto lavorativo è un fattore molto importante. Se si ha a che fare con alti livelli di stress infatti, è altamente probabile che una persona avverta un certo livello di burnout, anche se ha un carattere tranquillo ed equilibrato.

Malgrado questa sindrome sia stata individuata  negli Stati Uniti, non è in quel Paese che il burnout ha destato molto interesse: le ricerche su questa sindrome infatti sono soprattutto europee e canadesi. Questa negazione del problema spinge gli americani a cercare forme di auto-aiuto (non sempre positive) èer superare il problema, mentre invece è ormai appurato che non si tratta solo di vulnerabilità individuali, ma anche di problematiche organizzative e sociali, che dovrebbero essere affrontate ad altri livelli.

Le organizzazioni oggi tendono a chiedere sempre più spesso ai dipendenti di “fare di più con meno soldi”, il che significa maggiori carichi di lavoro e minori investimenti per il supporto, l’orientamento e l’assistenza del lavoratore, anche quando ce ne sarebbe bisogno.

Dr. Giuliana Proietti

Fonte:

Why Aren’t We Talking About Burnout? Scientific American

Immagine:
Free Dgital Photos

Facebook Comments
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni) ● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it ● Saggista e Blogger ● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale ● Conduzione seminari di sviluppo personale ● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici ● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale) ● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità. Scrive in un Blog sull'Huffington Post Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype Tweets di @gproietti Visita il nostro Canale YouTube Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

ARTICOLI CORRELATI:

Felicità sul lavoro = guadagnare più degli altri
Uno dei modi per essere felici sul lavoro è guadagnare molti soldi, ma altrettanto importante, se non di più, è che lo stipendio non ...
Le vacanze: cosa significano e perché piacciono
Cos'è, davvero, la vacanza? E' un periodo atteso, generalmente durante la bella stagione, in cui ci si assenta dal lavoro e ci si dedica ...
Storia di un aspirante infermiere – Consulenza on Line
Buongiorno,complimenti per il sito che ho trovato e trovo interessante.Quello che ho da raccontare e' qualcosa di veramente tragico.la mia vita e' una tragedia ...
Proteggere i lavoratori del sesso
La maggior parte delle persone che si prostituiscono, siamo tutti d'accordo, lo fa perché si trova in condizioni di vera e propria schiavitù (come ...
Dare le risorse ai propri lavoratori per garantirsi la loro fedeltà
Il Professor Thomas Britt della Clemson University ha scoperto che un lavoratore fidato può cambiare completamente orientamento se sente di non ricevere le risorse ...
Comunicazione buona, comunicazione cattiva
Alla base di tutte le capacità ed i progressi umani vi è sempre stata la possibilità di comunicare: là dove c'è comunicazione c'è infatti ...
I lavoratori del sesso
Secondo una ricerca condotta del the Sex Worker Education and Advocacy Taskforce (SWEAT), di Cape Town, una organizzazione che si occupa dell'educazione alla salute ...
Pensare in modo concreto per evitare il trauma
Le persone che potrebbero essere esposte ad un trauma dovrebbero allenarsi a pensare in modo diverso, per proteggersi dai sintomi del PTSD: lo afferma un nuovo studio dei ricercatori del Kings ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *