pollice

Da cosa dipende l’orgasmo femminile?

Conoscete il fattore “C-V”? Si tratta della distanza fra clitoride e vagina, distanza che viene ora ritenuta responsabile, se eccessiva, dell’anorgasmia femminile. Non si tratta di una trovata nuova: la teoria andava di moda già negli anni venti del secolo scorso, tanto che la psicoanalista francese Marie Bonaparte si sottopose addirittura ad un intervento chirurgico, per ridurre la distanza fra queste due parti dei suoi genitali, allo scopo di provare l’orgasmo con la sola penetrazione: i risultati furono deludenti.

Kim Wallen è un professore di psicologia e neuroendocrinologia comportamentale presso la Emory University, e attualmente sta lavorando di nuovo sul fattore C-V. A suo avviso, per capire se una donna può provare l’orgasmo vaginale attraverso la sola stimolazione del pene, bisogna seguire la ‘regola del pollice’ : la distanza clitoride-vagina dovrebbe essere infatti minore di 2.5 cm –più o meno la dimensione di un pollice.

La Bonaparte raccolse, nella sua pratica clinica, molti dati sulla distanza C-V, e li pubblicò nel 1924 con uno pseudonimo. Ora il Dr. Wallen ha ripreso i dati della Bonaparte e li sta analizzando con criteri scientifici. Pare che abbia trovato delle correlazioni significative. Nei suoi lavori preliminari è giunto alla conclusione che solo il 7% delle donne riesce ad avere l’orgasmo con la sola penetrazione vaginale (dunque meno di una donna su dieci), mentre le donne completamente anorgasmiche sarebbero il 27% (quasi tre donne su dieci).

Fonte: Los Angeles Times

Dott.ssa Giuliana Proietti

Mix

ciclotimia

Ciclotimia e disturbo bipolare

La ciclotimia e il disturbo bipolare: di cosa si tratta? Il disturbo bipolare consiste nell'oscillazione fra due polarità. Ad oscillare ...
Leggi Tutto
complesso edipico

Il Complesso edipico: di cosa si tratta?

Complesso edipico: di cosa si tratta? Nella teoria psicoanalitica il complesso di Edipo riguarda un desiderio infantile di coinvolgimento sessuale ...
Leggi Tutto
Matilde di Canossa

Matilde di Canossa: la donna più potente del Medioevo

Matilde di Canossa è senz'altro una delle figure femminili più interessanti dell'alto medioevo; basti pensare che questa donna cominciò a ...
Leggi Tutto
hiv

Aids: conoscerlo ed evitarlo

Che cosa significa il termine "AIDS"? AIDS è un acronimo inglese (SIDA in francese) usato per definire la "sindrome da ...
Leggi Tutto

Psicoterapia: istruzioni per l’uso

Non tutti quelli che decidono di voler iniziare una psicoterapia hanno chiaro in mente cosa li attende. Non tutti sanno ...
Leggi Tutto
l'abbraccio

L’abbraccio come forma di comunicazione

L'abbraccio: una definizione Abbracciare significa cingere, afferrare, serrare con le braccia una persona, per lo più in segno di affetto ...
Leggi Tutto
infertilità

Infertilità: aspetti psicologici

Differenza fra sterilità e infertilità La sterilità è l'incapacità assoluta di concepire, mentre l'infertilità riguarda l'impossibilità di concepire, o portare a termine la ...
Leggi Tutto
cocaina

Cocaina: cosa è, come funziona

Cocaina: che cosa è La cocaina è una sostanza stupefacente. Agisce come stimolante del sistema nervoso centrale, è vasocostrittore ed anestetico, con ...
Leggi Tutto
disturbi dell'ansia

I disturbi dell’ansia

Perché i disturbi dell'ansia Dalla notte dei tempi e ben prima che nascesse la disciplina psicologica, l'ansia viene considerata una ...
Leggi Tutto
disturbo bipolare

Disturbo bipolare: come aiutare chi ne soffre

Disturbo bipolare: di cosa si tratta Il disturbo bipolare è una patologia psichiatrica, caratterizzata dall’alternanza, talvolta anche repentina, di depressione, euforia o ...
Leggi Tutto
Colette

Colette: una vita da film

Colette scrisse una ottantina di libri, ma non solo per questo è un vero e proprio mito letterario, soprattutto in ...
Leggi Tutto
disturbo ossessivo compulsivo

Potresti soffrire di disturbo ossessivo compulsivo? Test

Potresti soffrire di disturbo ossessivo-compulsivo? Ti presentiamo questo test, per aiutarti a capirlo e come punto di riferimento. Si    No  ...
Leggi Tutto
sua madre

Io, lui e sua madre – Consulenza on Line

Il problema: sua madre Gentile Dottoressa, sono sposata da 1 anno e qualche mese, dopo 2 di convivenza e 6 ...
Leggi Tutto
Presidente Schreber

Freud, il caso del presidente Schreber, la paranoia

Il Presidente Schreber, alias Daniel Paul Schreber (sopra), Presidente della Corte di Appello di Dresda, pubblicò un libro – nell'anno ...
Leggi Tutto

Author Profile

Dr. Giuliana Proietti
Dr. Giuliana Proietti
● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona e Terni)
● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it
● Saggista e Blogger
● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale
● Conduzione seminari di sviluppo personale
● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici
● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)
● Co-fondatrice dei Siti www.psicolinea.it, www.clinicadellacoppia.it, www.clinicadellatimidezza.it e delle attività loro collegate, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali e del loro legame con la sessualità.

Scrive in un Blog sull'Huffington Post


Contatti e Consulenza con la Dr. G. Proietti

Per appuntamenti e collaborazioni professionali: 347 – 0375949 Ancona, Terni, Civitanova Marche e via Skype
Tweets di @gproietti

Visita il nostro Canale
YouTube


Per le collaborazioni con i media visita la pagina Media e Social Media

Perché sceglierla come Terapeuta: Visita la pagina 9 ragioni per sceglierci come Terapeuti

One thought on “Regola ‘del pollice’ e l’orgasmo femminile”

  1. Salve. Perchè, dico io, non voler vedere invece in questa distanza c.v. proprio quella che separa il senso della penetrazione come atto procretaivo dalla scelta di fare sesso con il proprio patner in altro modo? Mi spiego meglio : poichè oggi i contraccettivi hanno invalidato il senso della penetrazione perchè non rinunciarvi e basta? Sarebbe ora che le donne capissero che non è necessario nè utile farsi usare per essere amate. Quindi amiamoci in altro modo e rinunciamo a questa osannata penetrazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.